Magazine Società

La smania

Creato il 03 aprile 2011 da Malvino

Il professionista della politica non va mai davvero in pensione, neanche quando ci va di sua spontanea volontà, che peraltro è cosa assai rara. In un individuo che per decenni abbia svolto attività politica da professionista è praticamente impossibile estinguerne del tutto il bisogno, perché quella politica è una delle attività umane che tende a prendere tutta intera la vita di un individuo, fin quasi a coincidere in essa, com’è per tutto ciò che attiva dipendenza e coazione. Anche chi da citrullo teorizza la rottamazione di una classe politica, che in realtà è possibile solo neutralizzandola, non si nasconde questa verità, e immagina per i rottamati una pensione non del tutto lontana dall’attività politica professionale, alla sezione archivio: due volte citrullo perché una classe politica può essere neutralizzata solo seppellendola, e poi la sezione archivio è sempre ad un passo dalla stanza dei bottoni.Se “la guerra è la continuazione della politica con altri mezzi”, la politica è guerra che non si serve di mezzi cruenti, ma sempre guerra è, e non si è mai visto un generale in pensione senza opinioni sulla guerra in corso, smanioso di renderle efficaci.Si prenda il caso del cardinal Ruini, che alla politica ha dato più di vent’anni: teoricamente è in pensione, ma smania dalla voglia di ribadire le sue opinioni su come vada usato l’esercito dei christifideles laici. In apparenza, sembra ristarsene buono buono alla sezione archivio, sembra star lì a ristudiare la Gaudium et spes e la Deus caritas est, il discorso che Giovanni Paolo II tenne a Loreto nel 1985 e quello che Benedetto XVI tenne l’anno scorso al Pontificio Consiglio per i Laici, ma smania. E chiudendo l’intervento tenuto a Riva del Garda l’altrieri, che qui proveremo ad analizzare, dice: “Concludo accennando alla questione che più mi preoccupa per il futuro del cattolicesimo in Italia: quella degli orientamenti culturali e delle scelte e stili di vita dei giovani. Tra dieci o venti anni, cioè, potremo avere ancora quel giudizio sostanzialmente positivo sulla vitalità del cattolicesimo italiano che mi sono azzardato ad esprimere riguardo all’oggi? Rendere possibile una risposta positiva non è compito da addebitarsi primariamente a chi fa politica. Tuttavia anche la politica e l’azione di governo hanno qui una responsabilità, sia pure per così dire «indiretta». Perciò vorrei chiedere anche a voi, come politici cattolici, di non sorvolare su questo interrogativo inquietante”.È sulla “responsabilità «indiretta»” che Sua Eminenza smania, come a ribadire le linee della stagione politica alla quale ha legato la sua vita, quella del cosiddetto Progetto Culturale. Fa una pena, il Ruini. Si parva licet, sembra Rino Formica. Sembra il Massimo D’Alema che vorrebbe quel tre-volte-citrullo di Matteo Renzi, che fa politica già da 17 anni e non è riuscito a seppellire neanche Lapo Pistelli, che la fa da 24 anni. Ma non scendiamo troppo in basso e risaliamo a Ruini.
[segue]

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La cagna, la traditrice, la killer, la fotografa

    In questi giorni abbiamo avuto modo di assistere ad alcune performance delle “signore” che siedono al governo e che dovrebbero rappresentare “il femminile”, que... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • La gym

    Due esperienze di palestra a confronto.IngressoGoma: Arrivo al quartier generale della MONUSCO, saluto la guardia che oramai mi conosce per nome. Leggere il seguito

    Da  Vivi
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • La neve

    neve

    Nevica, aspettando che si abbatta la tempesta WikiLeaks. Osservò assonnato i fiocchi, argentei e scuri, cadere obliquamente contro il lampione. Era tempo per lu... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La berlusconite

    berlusconite

    Definizione La berlusconite è una malattia del comportamento umano a diffusione endemica. Non riguarda, cioè,   intere aree del nostro pianeta e non ha i... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • “La setta”

    Scrive Paolo. “La setta”, ma a cinque stelle. Quando si parla di piste ciclabili, o di spazi verdi nella città, o di diminuzione dei costi della politica, di... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • La spettacolarizzazione

    Sono ormai giorni che assistiamo alla spettacolarizzazione dell'evento orribile dello zio mostro. Mi chiedo se forse non sia il caso di finirla. Leggere il seguito

    Da  Maurizio
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • La banalità

    banalità

    "La banalità di una frase dipende da chi la legge, non da chi la scrive" Wikio Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ

Magazine