Magazine Lavoro

La sorte dei precari pubblici

Da Brunougolini
La sorte dei precari pubblici C’è una pagina di Facebook, curata da Gian Guido Santucci (Funzione Pubblica Cgil) intitolata «Mai più precarietà» e dedicata alla marea di lavoratrici e lavoratori pubblici instabili, in perenne attesa di un futuro migliore. Sono circa 200 mila e ora percepiscono il rumore della scure detta «spending review» sulle loro teste. Come se fossero solo una «spesa inutile» e non invece produttori di servizi pubblici essenziali. Capiscono che la speranza di essere stabilizzati mentre negli uffici si decretano prepensionamenti e mobilità diventa ancor più una chimera. Ora su questa pagina troviamo una testimonianza firmata Daniela Riboldi. Scrive: «Sono precaria da metà della mia vita, con circa 10 anni di anzianità sul comune, una stabilizzazione mancata nel 2008 e di nuovo l’attesa per circa 4 anni…». Daniela se la prende con i sindacati a suo parere intenti a porre altre priorità rispetto a quelle denunciate dai precari. Un esempio, in sostanza, di guerra tra i poveri. Scrive Santucci: «I lavoratori pubblici, sono le vittime designate; mentre le caste degli intoccabili si tirano fuori dalla spending review come nel caso di prefettizi, magistrati, diplomatici, militari e forze di polizia. Siamo sicuri che sia questa la via da perseguire?». Quel che colpisce è che sembra mancare del tutto, nella ricetta governativa di spese da tagliare, un’idea davvero riformatrice. È diffusa, certo, nel Paese la conoscenza di sacche di inefficienza, di sperperi e sprechi. Ma anche della presenza di tanti solerti «servitori dello Stato». E tra loro moltissimi sono coloro a cui da anni non è stato riconosciuto un posto fisso anche se svolgono una mansione fissa, decisiva per il benessere della cittadinanza. Sarebbe necessario percorrere i vari luoghi di lavoro: dagli uffici delle entrate, alle caserme dei vigili del fuoco, agli ambulatori sanitari. Non serve a curare il malato tagliare indiscriminatamente al grido brunettiano «sono tutti fannulloni». Ma per fare un «bagno di realtà» bisognerebbe avviare una concertazione con le parti sociali interessate. Un metodo rifiutato dal governo così come e avvenuto per pensioni e mercato del lavoro. I sindacati hanno denunciato insieme (Cgil, Cisl e Uil della funzione pubblica e della scuola) questo stato di cose. Ricordando che il governo «con la conferma di un metodo che pensavamo ormai tramontato, quello della semplice comunicazione dei provvedimenti e non della concertazione, viene meno agli impegni presi». Sono la premessa di uno scontro sociale che si sarebbe potuto evitare per il bene del Paese e delle sue sorti.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Cgil in un cofanetto

    Cgil cofanetto

    Il titolo è "Noi e la CGIL" (Ediesse). E' una specie di memoriale, ma è anche uno strumento per le lotte di oggi. E' un viaggio nel passato con le voci di... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Quando il lavoro fondò la Repubblica

    Quando lavoro fondò Repubblica

    «Per essere liberi davvero è necessario che sia efficacemente protetto, ad esempio, il diritto al lavoro e quello di esistenza e di autonomia delle comunità di... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • La riscoperta dei Trentin

    riscoperta Trentin

    E' un'iniziativa che può essere utile non solo per studiosi appassionati, o per anziani in cerca di sollievo nelle memorie del passato, ma soprattutto per... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Scalfari, Lama e la Camusso

    Scalfari, Lama Camusso

    L’implacabile Eugenio Scalfari intima da “Repubblica” a Susanna Camusso di seguire le orme di Luciano Lama. Che cosa fece, negli anni 70, l’allora segretario... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • La ballata dei precari

    ballata precari

    Una recente indagine Coldiretti-Censis ha reso noto che il 60,7 per cento dei giovani tra i 18 e i 29 anni coabita con la mamma e il 26,4 abita a meno di 30... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • La produttività vista da un operaio

    produttività vista operaio

    Tra i titoli inneggianti al recente accordo sulla produttività, uno, apparso sul «Sole-24», diceva: «In busta paga fino a 850 euro in più». Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • La meglio gioventù europea

    meglio gioventù europea

    Non è davvero un caso isolato quello della crescente flessibilità del lavoro italiano. L'Europa è alle prese con problemi simili. Un'analisi accurata la troviam... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    CULTURA, LAVORO, LIBRI, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ

Dossier Paperblog