Magazine Cinema

La via degli angeli – Pupi Avati

Creato il 13 settembre 2012 da Maxscorda @MaxScorda

13 settembre 2012 Lascia un commento

La via degli angeli
Storie di amori passati, di amori impossibili, di amori finiti, di amori senza futuro o forse sono solo storie d’amore che diventano una, dolce dedica dei due fratelli Avati alla madre scomparsa e ai racconti leggendari che giravano attorno alla sua giovinezza attorno agli anni ’30.
E’ la storia d’amore di Ines, giovane e timida dattilografa innamorata non corrisposta del figlio del suo datore di lavoro, e’ la storia d’amore di Nello che ha perso una moglie ed e’ la storia del fratello di Loris, innamorato dell’essere libero e forte, anche piu’ degli anni che passano.
In mezzo c’e’ Avati, dolcissimo, pregno di un sapore soave accresciuto dall’aspro di una vita che non puo’ essere perfetta e proprio per questo da amare e stringere a se’ ancora piu’ forte e con ancora piu’ tenacia.
Come sempre il regista non e’ solo nel realizzare ritratti sospesi sulla punta della matita e tornano i suoi attori di sempre, amici, sodali, esperti nel rendersi carne di emozioni e ricordi, uscire dai propri corpi ed essere grandi interpreti senza diventare maschere, caratterizzare lontani dalle caricature. Saranno loro gli attori o Avati regista ma si esce dalla logica spettatore-spettacolo per incantarsi di un racconto narrato davanti ad una tavola alla fine di un buon pasto, restare appesi ad una scena come per una favola che da bambini si ascoltava tra le ali degli angeli, degli angeli appunto.
Si diceva e’ un film sull’Amore ma senza i filtri dei decenni ultimi che l’hanno mortificato a teatrino di falsi dèi quando l’Amore e’ lotta, e’ sangue, e’ selezione naturale, unico passaggio per l’immortalita’ e proprio per questo grande, immenso, unico. Eppure nel sangue e nelle lacrime la forza di non arrendersi, forza che Avati stende ai piedi di chi guarda commosso questo sommo pezzo di cinema offerto da un grande maestro, Avati, che di Amore, forza e cinema appunto, ha da insegnare a tutti quanti.

Scheda IMDB


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone – Pupi Avati

    mazurka barone, della santa fico fiorone Pupi Avati

    18 dicembre 2012 Lascia un commento Scendendo sempre piu’ nella filmografia di Avati, arriviamo a questo film dal titolo che non promette niente di buono, non... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • La rabia

    rabia

    Noia estesa dentro di me.Da dove cominciare se non dal titolo che indica una porzione di terra nell’Argentina più recondita in cui due famiglie limitrofe sono... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • La faglia

    faglia

    Non esistono molti libri – né molti autori – capaci di passare con facilità dal registro comico a quello drammatico, ma questo è uno di quelli. Leggere il seguito

    Da  Federicobona
    CULTURA, LIBRI
  • La Partita...

    Ciao a tutti voi carissimissssssssssimissssssssssssssimi amici miei…!!! Ormai sapete, o lo sanno quantomeno quanti tra voi sopportano i miei sproloqui vari ed... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI
  • La prova

    prova

    Regia: Jean-Claude Van DammeOrigine: UsaAnno: 1996Durata: 95'La trama (con parole mie): siamo nel 1925, e Chris Dubois, esperto di arti marziali, vive di... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • La pausa

    pausa

    di Cristiano Abbadessa A partire da venerdì mi prenderò un paio di settimana di vacanza. Può sembrare una non-notizia, visto che siamo in piena estate, ma per... Leggere il seguito

    Da  Autodafe
    CULTURA, LIBRI
  • La influencia

    influencia

    Dopo essere stato autore di alcuni storyboard e assistente regia di Reygadas, Escalante e Fresnadillo, Aguilera giunge al suo primo lungometraggio con un’idea... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA