Magazine Cultura

La vita, l'universo e tutto quanto

Creato il 13 febbraio 2012 da Narratore @Narratore74

Avvertimento per chiunque leggerà questa recensione: non sono tanti, ma alcuni spoiler rischiano di esserci finiti. Quindi siete avvisati.
La vita, l'universo e tutto quanto Giro di boa (sì, perché ho scoperto che esiste un sesto volume apocrifo) per questa saga che giunge così al suo terzo capitolo. I protagonisti ormai li conosciamo: Arthur, Ford, Bebblebrox, Trillian, Marvin, sono ormai entrati di diritto nella schiera dei miei personaggi preferiti, grazie anche alle loro personalità che di libro in libro fuoriescono e crescono, plasmandosi con l'assurdo universo nel quale si trovano a vivere.
In questo La vita, l'universo e tutto quanto, ci ritroviamo sballottati lungo il tempo, fra epoche distanti fra loro ma impercettibilmente legate a doppio filo. L'ombra di una guerra di dimensioni epocali aleggia fin dalle prime pagine, aumentando i toni seri e profondi di un libro che, per quanto mantenga quel sottofondo umoristico che contraddistingue l'intera saga, preferisce puntare più sulle emozioni che sulle risate. Il cambiamento di stile si era avvertito nel precedente volume, e qui viene rimarcato ancora di più. Si ride meno, ci si preoccupa di più. In fondo è la storia che lo vuole, una storia che pare avere in serbo un futuro davvero complicato, soprattutto per il nostro Arthur.

La vita, l'universo e tutto quanto

Sempre un ottimo consiglio...

Stavolta il fulcro di tutto è il cricket, o almeno le origini di questo sport. Quindi fra androidi bianchi, chiavi per aprire barriere di len-tempo, e situazioni al limite del parossismo, vediamo divani apparire senza un motivo, astronavi che viaggiano grazie ad elaborati sistemi di propulsione che ricavano la loro energia da calcoli fatti attorno a tavole imbandite e un pianeta che per secoli ha instillato la paura nel resto dell'universo. Ma si sa, nelle storie di Adams nulla è lasciato al caso e se per un breve istante ci si ritrova spaesati, distaccati dal contesto che ci aveva accompagnato fino a qui, improvvisamente tutto si fa chiaro, la verità si erge e squarcia il velo d'incertezza che sembrava averci avvolto.

La vita, l'universo e tutto quanto

Cosa significherà?

Terzo volume che per certi versi reputo migliore al secondo, incentrato più sul mostrare un percorso, anziché una meta, e sembra promettere un seguito dalle tinte fosche. Adams era un genio, e questo libro ne è la riprova. La sua capacità d'inventare un intero mondo così coerente, pur essendo assurdo e a prima vista privo di ogni legge fisica o spirituale, è d'indubbio valore e non fa altro che aumentare la stima che provo nei confronti di questo autore, sparito forse troppo presto e grazie al quale avremmo potuto godere di una fantascienza nuova, laterale, che non fa dei cliché il proprio punto di forza ma che li travisa, li rivolta e ce li porge come se stesse dicendo: non va bene? Affari tuoi! Un uomo che ci mette di fronte ad una razza che ha come intento primario l'eliminazione di tutto l'universo, solo perche esso esiste, spiazza, sembra senza motivo, ma in realtà riporta a vecchie ferite ancora aperte. Come non associare i Krittik, con la loro potenza militare, al regime nazista, che tentò di distruggere chi non era come loro solo perché non ne erano degni?

La vita, l'universo e tutto quanto

Un androide krikkit...

È il punto focale di tutta la saga, la bellezza che sta dietro l'apparenza. Si pensa mentre si legge, e questo è sempre cosa buona, e lo si fa con una cognizione lucida, quasi scanzonata, ma che alla fine ci lascia riflessioni serie e profonde. Insomma, si può ridere pur facendo qualcosa di dannatamente serio. Come per gli altri, consiglio la lettura a tutti, appassionati di fantascienza e non. Difficilmente non verrete stregati dai personaggi, dalle situazioni in cui si vedranno infilati a loro malgrado e trovo impossibile non gioire quando alla fine le cose sembrano risolversi. Come dice Arthur in una delle ultime battute: "Ho salvato l'universo due volte nel giro di una giornata… Non merito forse un applauso?" E lo merita davvero, sia lui che Adams. Per ora vi lascio. Il prossimo volume ha s'intitola Addio e grazie per tutto il pesce, e se avete letto il primo volume potreste intuire di cosa si parlerà. Riuscirà Arthur a trovare finalmente la domanda della quale ha già la risposta?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La neve

    neve

    C’era una volta un brillante inventore. Non chiedetemi il nome perché ogni volta che si prova a dargliene uno succede il finimondo. Noi lo chiameremo Inventore ... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Coltiviamo la città

    Coltiviamo città

    Forse per salvare il mondo dobbiamo partire dal nostro giardino prendendoci cura del verde intorno a noi. Scrive Massimo Acanfora che per Coldiretti il 37% degl... Leggere il seguito

    Da  Libereditor
    CULTURA, LIBRI
  • La rubrichetta di SereJane

    rubrichetta SereJane

    Direttamente dalla scrivania di SereJane.Carissime amiche,poiché ormai mi sento parte di questo splendido gruppo, composto da voi fantastiche ragazze, e visto... Leggere il seguito

    Da  Junerossblog
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Recensione: LA LUNGA NOTTE

    Recensione: LUNGA NOTTE

    Ecco la mia recensione al libro "La lunga notte" di Linda Castillo.Titolo: La lunga notteSerie: Amish, vol. 2Autrice: Linda CastilloTraduzione: Lisa Maldera Cas... Leggere il seguito

    Da  Sarabooklover
    CULTURA, LIBRI
  • La favola del Menestrello

    favola Menestrello

    In una notte fredda e burrascosa, un Menestrello bussò alla porta di un ricco contadino chiedendo una scodella calda e un riparo. «E cosa offri in cambio della... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La volpe e la pantera // Esopo

    volpe pantera Esopo

    Domenica 20 Novembre 2011 00:00 Scritto da monica mainikka Il progetto La favola esopica: il mondo visto con gli occhi degli umili La tradizione attribuisce ad... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La curée

    curée

    Aristide Rougon, insieme alla moglie Angèle e alla figlia Clothilde, lascia la città di Plassans dopo il colpo di stato per tentare la fortuna a Parigi. Grazie... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    CULTURA, LIBRI

Magazines