Magazine Arte

Last New York: Davide Bramante

Creato il 05 febbraio 2011 da Fasterboy

Last New York: Davide BramanteSabato 5 marzo inaugurerà negli spazi della Galleria Poggiali e Forconi di Firenze  Last New York, personale dell’artista Davide Bramante a cura di Marco Meneguzzo.

In mostra oltre venti fotografie originali e realizzate appositamente per questa mostra, con la tecnica delle doppie e più esposizioni ottenute in fase di ripresa, rigorosamente non digitali e fatte sulla stessa porzione di pellicola. I lavori di Last New York si inseriscono nel filone della produzione di Bramante dedicata alle indagini sulle città, come la stessa New York, Parigi, Zurigo, Madrid, Los Angeles, L’Avana, Berlino.

La mostra vuole essere una celebrazione dello stretto legame che unisce Bramante alla città di New York. Lo stesso titolo, Last New York, si riferisce sia alla decisione dell’artista di ritrarre la metropoli per l’ultima volta, dopo le tredici precedenti esperienze, sia all’ultimo volto che la multiforme città gli ha presentato. Il fascino di New York, infatti, è nella sua capacità di ridisegnarsi continuamente: «Time Square è la piazza del tempo: cento volte la visiti in un anno, e cento volte la trovi che si è rifatta il look» afferma Bramante. Un altro aspetto interessante di questa nuova e continua “RidesignAzione” – per usare il termine con cui la definisce l’artista – sta nel fatto che ciclicamente la città recupera zone già esistenti e le ridisegna, trasformandole in qualcosa di completamente diverso e funzionale. Dagli anni Sessanta ai primi anni Novanta, ad esempio, SOHO era il quartiere degli artisti, ma negli anni Novanta le gallerie e gli studi d’artista si sono spostati a Chelsea – in una zona prima dominata dai magazzini e adibita allo stoccaggio merci – e, al loro posto, sono sorti showroom di stilisti blasonati. Così il Lower East Side, da dormitorio di Manhattan, si è trasformato in sede privilegiata per una trentina di gallerie d’arte che lo hanno eletto a loro location per la centralità, il fascino e la vitalità.

«Prima di scegliere il titolo Last New York desideravo intitolare la mostra “Odissea Time Square” o “Odissea New York”, rifacendomi al film di Wong Kar-Way 2046, che per me è il film più bello degli ultimi dieci anni» dichiara Bramante «Il protagonista del film si trova proiettato nel 2046 per cercare una donna che tanto aveva amato: non la trova ma resta intrappolato nel futuro. Ecco, questa metafora è giusta per me, per il mio amore per New York e per tutto ciò che è avvenuto lì e che è riuscito ad imprigionarmi» 

«Non è facile prendere a soggetto New York. Anzi, è una sfida» sostiene il curatore Marco Meneguzzo. «Pochi luoghi sono stati così indagati, visitati, ripresi, narrati, mitizzati, come Quella città. Eppure  ci si sente irresistibilmente attratti, sino a rischiare lo stereotipo, come fa Davide Bramante. Solo che l’abilità dell’artista sta nello sfiorare lo stereotipo, senza toccarlo, senza cadervi dentro. Grattacieli, traffico, gli immancabili taxi gialli: tutto congiura in questo senso, eppure è diverso…perché? Perché Bramante gioca sull’intelligenza dei particolari, su quelle varianti quasi invisibili che distinguono il “già visto nuovo” dal “già visto stereotipato”»

FIRENZE

Last New York: Davide Bramante

Last New York

Davide Bramante

Galleria Poggiali e Forconi

6 marzo – 8 maggio 2011

Via della Scala, 35/A

Project Room

Via Benedetta, 3 /rosso

50123 Firenze

orari: martedì – sabato 10 -13 / 15.30-19 domenica e lunedì chiuso

T. 055.287748 F. 055.2729406  

e-mail ">

www.poggialieforconi.it

Ingresso libero


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pasqua a New York

    Pasqua York

    Oggi è il giorno del tuo Nome, Signore,Ho letto in un vecchio libro le gesta della tua Passione,E la tua angoscia e i tuoi travagli e le tue buone paroleSono... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Kenny Scharf Mural in New York City

    Kenny Scharf Mural York City

    Progettato dal famoso artista pop-Kenny Scharf, il lavoro variopinto offre una vasta gamma di personaggi della fantasia. È interessante notare che il pezzo non ... Leggere il seguito

    Da  Jenaman
    ARTE, LIFESTYLE
  • New York e Woody Allen

    York Woody Allen

    Negli anni Duemila Woody Allen ha mostrato un nomadismo, produttivo e creativo, che pareva impossibile per chi – forse presuntuosamente – pensava di conoscere l... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CINEMA, CULTURA
  • New York New York..

    York York..

    Da stasera alle 21:00 su Fox Retro (canale 132 di Sky) torna un classico degli anni Ottanta.. Cagney & Lacey, noto al pubblico italiano come New York New... Leggere il seguito

    Da  Basettona
    CULTURA
  • “New York New York” di Martin Scorsese

    “New York York” Martin Scorsese

    1977: New York New York di Martin Scorsese “Al suo apparire le recensioni sono state controverse, ma in quasi tre decenni dalla sua uscita, l’apprezzamento del... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • New York City Movie Theatres

    York City Movie Theatres

    Let’s face it: there is no city like Paris, for movie goers.But besides the place where I live, the other city in the world allowing you to see an old... Leggere il seguito

    Da  Zaziefromparis
    CINEMA, CULTURA
  • A Sud di New York

    York

    Con tocco leggero e con garbo Elena Bonelli si fa interprete e regista del film A Sud di New York, suo primo lungometraggio, dove mostra, come sempre, la sua... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA