Magazine Cultura

Le Beatrici: Quando le Donne si Raccontano

Creato il 25 febbraio 2013 da Dietrolequinte @DlqMagazine

Giuseppe Floriano BonannoLe Beatrici: Quando le Donne si Raccontano

Il Teatro Duse di Bologna, all’interno della sua programmazione, aperta a tutte le forme di espressione, mette in scena Le Beatrici, spettacolo tratto dall’omonimo libro di Stefano Benni, che ha avuto il suo battesimo sul palcoscenico al Festival dei Due Mondi di Spoleto nell’estate del 2012, confortato dall’alto gradimento del pubblico. L’idea di fondo è quella di raccontare la donna nelle sue molteplici sfaccettature: com’è, come vorrebbe essere, come gli altri la vedono. La scelta, prima letteraria, poi scenica, per questo viaggio alla scoperta dell’universo femminile, è quella del travestimento per creare una realtà fantastica in cui si possano smontare i cliché del gentil sesso dando vita a donne, credibili, che lottano con ardore e senza esclusione di colpi per affermare la propria personalità, mettendosi a nudo nella loro intimità più profonda. La via seguita per questa indagine sull’essere donna è quella dei monologhi. Monologhi in cui le attrici, a turno, raccontano a se stesse e al mondo chi esse siano, quali sono i loro sogni, quale la loro natura più profonda, quali le debolezze e le aspettative, e questo anche a costo di poter apparire ora goffe, ora mostruosamente “scorrette”, e con il serio rischio di finire per essere sole o controcorrente, in soldoni, incomprese! Benni crea dunque una carrellata di tipi femminili, che invitano gli astanti a lasciarsi guidare attraverso racconti di ossessioni, ansie, speranze, di creature spesso fraintese, talvolta bizzarre, che appaiono come non sono e che cercano di essere come chi le guarda vorrebbe che fossero.

Le Beatrici: Quando le Donne si Raccontano

Siamo dunque di fronte ad una rappresentazione originale, diversa dalle solite strutture sceniche, che invita ad una profonda riflessione sulla complessità del carattere femminile, che induce sì a sorridere, ma in modo quasi graffiante, senza lasciare nulla di taciuto, rompendo volutamente gli schemi consolidati dell’immaginario comune. Il tutto rimane sospeso in un gioco sottile, dominato da un’ambiguità di fondo, in cui non si sa fin dove arriva la realtà e dove comincia il sogno, con i toni tipici di una tragicommedia, addolcita da sapienti dosi di ironia. Le cinque Beatrici, dai bizzarri e colorati cappellini, che raccontano le loro storie alternandosi sul palcoscenico sono: la musa del sommo poeta Dante, la coatta, l’imprenditrice, la suora “posseduta”, la filosofa (a queste bisogna aggiungerne una sesta interpretata da tutte e cinque le protagoniste della pièce: la donna lupo). Si tratta di tipi femminili che, pur apparentemente diversissimi tra loro, hanno più di una cosa in comune; la più evidente è sicuramente quella di mostrare due facce: una proiettata verso l’esterno, più “socialmente corretta”, l’altra più oscura, talvolta spaventosa. Il momento forse più toccante dello spettacolo si è raggiunto nel monologo Attesa, recitato in modo struggente da Valentina Chico: «Che ore sono? Non voglio saperlo. Le ore in cui si aspetta non hanno la durata del tempo quotidiano. La loro misura non è quella di un pendolo che oscilla regolare, ma quella di un cuore che batte, a spasmi e inciampi. Il tempo dell’attesa ti circonda, ti avvolge interminabile. È come navigare in un mare di cui non si vede la fine». Gli scroscianti applausi finali di una platea in gran parte femminile testimoniano come Stefano Benni abbia colto nel segno in questa sua indagine sull’animo femminile.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Dimenticate le donne

    Dimenticate donne

    Colpo basso al Paritismo: rimuovere la storiaGrazie alla collaborazione di Roberto Rossi, pittore e poeta che mi ha segnalato la notiziaLettera al ministro... Leggere il seguito

    Da  Paritismo
    CULTURA, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Le donne sono Dio!

    Buongiorno a tutti amici, colleghi e a voi tutti lettori. Oggi vorrei parlare di un argomento molto sensibile che mi sta particolarmente a cuore: la violenza... Leggere il seguito

    Da  Inkonmyfingers
    CULTURA, OPINIONI
  • Quello che le donne fanno

    Quello donne fanno

    Pubblicato da Redazione Il 25 novembre, tra poco quindi, sarà la giornata contro la violenza sulle donne. Un tema attualissimo, eppure banalizzato. Leggere il seguito

    Da  Alessandraz
    CULTURA, LIBRI
  • Le donne ci guardano

    donne guardano

    Recensione a cura di Francesco Franceschini Ci si perde nei libri. Ci si racconta, perché raccontare è in fondo l’ultima attività libera del nostro tempo. Leggere il seguito

    Da  Vivianap
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Quando le radici - Lino Aldani

    Quando radici Lino Aldani

    I ContenutiE’ la storia di Arno, l’uomo che incarna il futuro ma anche la memoria d’Italia, e che pensa di lasciare Roma per tornare dove ha le sue radici: oltr... Leggere il seguito

    Da  La Stamberga Dei Lettori
    CULTURA, LIBRI
  • Le parole di mia figlia, un anno e mezzo, che raccontano il suo mondo.

    Parola Significato Acca Aio Allo Atcie Atta/Acqua Atto/Gatto/Miao Babao/Bù Babba Bibbo/Bibbi Blaba Blu Bù Cacca Ciao Citcia Coco Degi Dide Didda/Diddo Do Eglia... Leggere il seguito

    Da  Dbellucci
    CULTURA, VIAGGI
  • Le donne di Antonioni

    donne Antonioni

    E’ da tanto che volevo omaggiare uno dei miei registi preferiti con un post su Oltreloscoglio. Vorrei che fosse un ricordo, un’immersione in quei film che per m... Leggere il seguito

    Da  Soniab
    CINEMA, CULTURA, PER LEI