Magazine Cultura

§ Le bucoliche §

Creato il 13 agosto 2010 da Faith

Come detto, sto dedicando le mie ore di insonnia notturna alla lettura di Tre uomini in barca.

Forse non tutti sapranno, che in origine Jerome K. Jerome, detto amichevolmente J. , tutto voleva fare meno che scrivere un libro umoristico. Voleva scrivere una sorta di guida turistica sul Tamigi, solo che ogni volta l'editore finiva per tagliargli le parti storiche e lasciava per la pubblicazione solo gli aneddoti di J. con i suoi due amici George e Harris. Ma anche se ben nascosto tra gli aneddoti di vecchie gite sui fiumi e ricerche di osterie o racconti di Harris con le gambe fuori dal letto mentre gli altri due le usano come portasciugamani, qualche digressione storico-turistica è restata, insieme, naturalmente, a tutti i racconti degli imprevisti nautici e alle cadute fuori bordo di uno dei 3 o talvolta anche di tutti e 3 i protagonisti

:asd:
 .

A parte l'umorismo inglese che mi mette sempre di buon umore, perchè così semplicemente aderisce alla mia acuta personalità, resto sempre infinitamente colpita da questa atmosfera bucolica e dall'idea di un viaggio con poche cose e in terre che allora erano incontaminate.

Risalire il Tamigi in barchetta, chi avrebbe il coraggio nel 2010?

Il progresso dovrebbe migliorarci la vita, l'elettronica, i pc, gli elettrodomestici, i cellulari, lo stereo, molte di queste cose rendono effettivamente la mia vita confortevole. Se e quando andrò a vivere da sola, benedirò ogni giorno l'inventore della lavatrice (e anche quello degli assorbenti usa e getta

:asd:
 ), vivo di musica e nonostante il mio lavoro riguardi la psicologia, posso assicurarvi che il pc mi aiuta in molte cose, dalle ricerche, alle relazioni da scrivere e stampare, da qualche programmino che progetto di mettere su per accelerare i calcoli per la sgrigliatura dei test. Internet mi permette di scrivere a tutti i miei amici sparsi per la penisola, e ormai ne ho più o meno uno sparso in ogni regione d'Italia (e così pochi ormai veramente vicini
:shake:
 ).

Poi, però, mi scopro generosamente e forse eccessivamente nostalgica di atmosfere bucoliche e di un certo sano lavoro manuale.

O più semplicemente dotata di un diverso senso della misura.

Ad esempio trovo ancora adeguato il mio lettore mp3 regalatomi credo 6 anni fa, che ha una memoria di 1gb. Ci vanno su circa 150 canzoni. Mi sembra un numero sufficiente, non vedo perchè dovrei buttare un lettore mp3 che funziona e supporta 150 canzoni per prenderne uno da 4gb per metterci su 600 canzoni. Quando mai mi capiterà di sentire 600 canzoni di fila? Finchè funziona, camperà al mio fianco.

Delle scarpe vi ho già profusamente raccontato, della legge - Finchè c'è suola c'è speranza! - , dei cellulari forse no, ma nell'angolo della mia mente giace terrificante il timore di quando mi toccherà cambiarlo e dovrò imbattermi in pennini peniformi, tastiere che al primo volo si inondano di cristalli liquidi e software da ingegneri aerospaziali. Quando io tutto quello che ci vorrei fare, con il cellulare, è chiamare, rispondere alle telefonate e mandare sms.

Idem per i vestiti. Scelgo buoni tessuti (i sintetici mi fanno facilmente allergia e rush cutanei), metto jeans (e i jeans, sin dalle loro origini SONO FATTI PER RESISTERE ALLE INTEMPERIE), mi concedo un tocco chic di una cravatta comprata in saldo, in effetti faccio acquisti praticamente solo quando ci sono i saldi e non capisco perchè per ogni cerimonia bisogna "afforz" comprare un nuovo vestito elegante.

E' una logica senza senso, di chi vuole stracciare le carte da 500 euro come stesse strappando la lista della spesa vecchia! Roba da mettersi addosso che costi più di 100 euro smette di essere un semplice abito e diventa un investimento. E come tale va trattato. Va lavato con il giusto lavaggio, va riposto sulla stampella nella giusta maniera, va stirato con la giusta cura e cautela. Per un'unica ragione. Perchè va RIUTILIZZATO, per tutte le opportune occasioni. Lauree, matrimoni, battesimi, compleanni in ambienti chic. Il 4 settembre ho un matrimio. Credo che dovrò comprare una camicia nuova, perchè devo ancora riprendermi dall'improvviso ingrasso dell'esame di stato che mi ha fatto mettere 10 chili nel giro di 3 settimane. Ne ho persi più della metà, ma quelli che ancora mi avanzano sono magicamente planati sulle mie tette, rendendo la mia camicia di raso troppo stretta in petto. A stare, starebbe pure, ma passerei il tempo a tappare le falle quand'esse si presentassero, come è successo durante l'intensivo. Ma un conto è avere uno scoppio di tetta davanti alle tue compagne di specializzazione. Un altro è durante un matrimonio pieno di fotografi sciacalli, gente adulta e altrettanta gente di poca simpatia che rischierebbero di ricordarti quell'episodio nei secoli dei secoli come il più caratteristico del matrimonio

:sasso:
 .

Approfitterò dell'outlet che hanno aperto da poco a Marcianise.

Così come trovo di difficile comprensione la logica del jeans strappato. O meglio dell'acquisto del jeans strappato. Il jeans strappato ha un suo significato sociologico se hai comprato un jeans, lo hai messo per 100 anni di fila, si è strappato e incurante della logica consumistica ti dici - Continuo a indossarlo finchè non mi esporrà le parti intime! - . Invece ora i jeans strappati si comprano. Cioè, si comprano già strappati intendo. Ossia, si comprano già rotti. Ma che logica è comprare una cosa già rotta? Si comprerebbe un libro con alcune pagine mancanti? O un pc con lo schermo sbriciolato? O un cellulare che non prende la linea?

Lo so, il problema è mio, ho proprio delle chiare difficoltà di adattamento ambientale, la mia logica è concreta e probabilmente priva della giusta dose di senso estetico. Ed è proprio un ragionamento da anzianotta, quella di chi nutre una certa invidia per la tranquillità dei tempi che furono.

Ma è una rude verità. Non voglio avere più soldi di quanti non ne siano necessari per avere una certa sicurezza, se mi offrissero tremila euro al mese per fare la selezione del personale (che odio e mi avvilisce la sola idea) e la metà per fare lo psicologo clinico in una clinica, sceglierei la seconda perchè mi farebbe stare bene fare il lavoro che mi piace (ma tanto quando mai mi proporranno due lavori contemporaneamente

:ignore:
 ). Semmai dovessi permettermi una seconda casa un giorno (
:ignore:
 ), non vorrò una villa al mare, ma una di quelle vecchie case dai muri spessi, in un paesino isolato, dove andare a passare il mese di agosto senza chiasso e soprattutto senza il caldo. Non voglio un'Audi e nemmeno una BMW perchè fa status simbol da riccone, voglio una PANDA, perchè le panda vanno ovunque e con qualsiasi clima! e la voglio a GPL. E in fondo, sento di poter fare a meno di un navigatore satellitare, perchè fino a ora ho viaggiato con l'ausilio di simpatici signori incontrati in mezzo alla strada che mi hanno sempre indicato la via e non mi è mai parso di leggere sui giornali di persone che hanno iniziato un viaggio in macchina e si sono perse [ma forse sul navigatore un giorno cederò
:warning:
 ...e scommetto che sarà proprio quello il giorno in cui mi perderò e troverete sul giornale la notizia di una cretina che si è persa e non è più tornata a casa!  
:banned:
 ]


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Stavolta non ce le raccontiamo le barzelette.

    Stavolta raccontiamo barzelette.

    Alla lettura della sentenza ho provato pietà per Spaccarotella, anche se verso di noi non ha mai avuto gesti di comprensione.(la mamma di gabriele sandri... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Tra le tante disgrazie.....

    Tra le tante disgrazie della vita ce n'è una, forse non riconosciuta da molti, quella di sentirsi intrappolati dentro se stessi, non riuscire a uscire da se... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Annozero e le macerie

    Annozero macerie

    Pompei, il Veneto alluvionato, i rifiuti a Napoli, le macerie nel centro storico de l'Aquila e anche Bacoli e la fogna : simboli di un paese che sta... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, PROGRAMMI TV, SOCIETÀ, TELEVISIONE
  • Lucas, le sue inquietudini

    La speranza di pure rivedertim'abbandonava;e mi chiesi se questo che mi chiudeogni senso di te, schermo d'immagini,ha i segni della morte o dal passatoè in esso... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Basaglia e le Supercazzole!

    Basaglia Supercazzole!

    Franco Basaglia e la Filosofia del '900Carlo Sini Eugenio Borgna Mario Colucci Massimo Recalcati Ota De Leonardis Pier Aldo Rovatti Romolo RossiSaggio... Leggere il seguito

    Da  Leonardocaffo
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Le colpe della Chiesa, le nostre colpe…

    colpe della Chiesa, nostre colpe…

    C’era una volta una chiesa assoluta, intollerante ed inquisitoria; oggi c’è una chiesa, e sto parlando sopratutto della chiesa cattolica,  che cerca  di... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Lucas, le sue scelte

    Il passo avanti, il decisivo passo avanti, che impone la scelta, il salto, l'incertezza, la possibile caduta nel vuoto. Lucas mi sembra Fini, lo stesso tipo di... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines