Magazine Africa

Le imprese italiane tornano in Zimbabwe

Creato il 02 agosto 2012 da Cafeafrica @cafeafrica_blog

Le imprese italiane tornano a guardare allo Zimbabwe (ex Rhodesia), un Paese che nonostante la difficile situazione politica in attesa di un’auspicabile normalizzazione, sta lentamente recuperando vitalità economica grazie a diversi fattori: la grande disponibilità di risorse minerarie (soprattutto platino ma anche oro e diamanti), l’inserimento nella Comunità economica dell’Africa Australe (East African Community – EAC), il grande potenziale agricolo (soprattutto mais, soia e tabacco).

Quest’anno per la prima volta – l’Italia non partecipava alla Fiera dal 2001 – è stato organizzato un Padiglione Italia alla Fiera Internazionale (Zimbabwe International Trade Fair) che si tiene ogni anno a Bulawaio, seconda città del Paese. Nello stand italiano erano rappresentate 35 aziende italiane. Tra queste, alcune imprese leader in settori energia e la filiera dei trasporti: Ansaldo Energia, Salini Costruttori, Fiat, Termomeccanica, Fincantieri, Pirelli, Ravaglioli (attrezzature per officine auto), Landini (trattori), Red Graniti (materiali da costruzioni) e Frisun (commercializzazione di mobili).

La partecipazione italiana alla Fiera è stata vista come il segnale di una rinnovata attenzione del blocco europeo verso lo Zimbabwe, una nazione che ha subito in questi anni un forte isolamento a causa delle sue sofferte vicende politiche.

Dati affidabili sull’economia del Paese, che nel 2009 è uscito da una drammatica crisi di iperinflazione, sono difficilmente reperibili ma le stime statunitensi (CIA Factbook) parlano di una crescita del PIL nel 2011 pari al 6%.
Due sfide chiave attendono il Paese: sotto il profilo finanziario, la gestione di un forte indebitamento netto verso l’estero e sul piano economico, il rilancio dell’agricoltura.

Lo Zimbabwe in passato era considerato il granaio dell’Africa Australe e oggi sta cercando di recuperare posizioni dopo essere diventato importatore netto. La produzione di cereali, che nel 1996 aveva raggiunto 2, 4 milioni di quintali, è attualmente attorno a 1,4 milioni. Ancora più drammatico il calo nel settore dell’allevamento bovino: da 20 milioni di capi è sceso a 5 milioni, controbilanciato solo in piccola parte dalla crescita del settore avicolo. Il fenomeno viene imputato al complesso obiettivo di trasferire le redini del settore, da una piccola minoranza di farmer bianchi alla popolazione locale, che è stato gestito con metodi politicamente violenti, corrotti e poco efficaci con il risultato di un impoverimento di tutti i cittadini.

Fonte: Ministero Affari Esteri


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Zimbabwe / Crisi alimentare e assenza di democrazia / Come prima e peggio di...

    Zimbabwe Crisi alimentare assenza democrazia Come prima peggio

    Le avverse condizioni metereologiche e una persistente siccità dei mesi scorsi stanno per mettere allo stremo i contadini dello Zimbabwe. Leggere il seguito

    Da  Marianna06
    SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • Le scelte

    Caro blog, volevo rispondere a un'amica che si trova a dover fare una scelta non facile e come al solito mi si sono affollati i pensieri. Li devo scrivere. Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Zimbabwe / Mugabe messo in difficoltà dall'Alta Corte di Harare

    Zimbabwe Mugabe messo difficoltà dall'Alta Corte Harare

    I contrasti tra la politica dittatoriale di Mugabe, presidente dello Zimbabwe, le vedute del suo primo ministro Tsvangirai e la posizione assunta in queste... Leggere il seguito

    Da  Marianna06
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Thomas Mapfumo, il Leone dello Zimbabwe

    Thomas Mapfumo, Leone dello Zimbabwe

    Thomas Mapfumo, dalla reteThomas Tafirenyika Mapfumo è un musicista dello Zimbabwe di etnia Shona, nato a Marondera, grande centro agricolo del nord-est, nel... Leggere il seguito

    Da  Gianfrancodv
    AFRICA, MUSICA
  • le radici

    radici

    "Nel 1819, il padrone di una fabbrica inglese ridusse i salari di più della metà, adducendo come scusa la luce artificiale che avrebbe dovuto usare nel corso... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Le Lagne.

    Lagne.

    “La lagna è il sale della vita” cit. Zerocalcare di missannanever Piangersi addosso, lamentarsi, sbuffare, reclamare, lagnarsi. Per molti un’arte per altri... Leggere il seguito

    Da  Davideciaccia
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Le Beatitudini

    Beatitudini

    Non è facile capire le Beatitudini pronunciate da Gesù. Sembrano astratte, impossibili, "roba" per donnette. Eppure...per Gesù sono una cosa seria, l'unica... Leggere il seguito

    Da  Profrel
    RELIGIONE, SCUOLA, SOCIETÀ