Magazine Arte

Le Orecchiette di Fulù ♦

Creato il 16 agosto 2015 da Vsgaudio @vuessegaudio
Le Orecchiette di Fulù ♦Auricula Recocta byV.S. GaudioLe Orecchiette di Fulù ♦I capelli canapini di Fulù, ci vuole poco, quel biondo chiaro simile a quello della  canapa, e il suo corpo longilineo ectomorfo mi fecero pensare alla canapiglia, che è un uccello degli Anseriformi di color bruno con frange nere e arancioni, che, oh Dio, come vola! E’ l’Anas strepera, mentre il canapino è un piccolo uccello canoro dei passeriformi di colore giallastro.Mentre stavamo gustando questo piatto di pasta greggia, e mi dicevo che non è lo zenzero, perché qui a un certo punto entra una sensualità tenera, col tocco soave, quasi analgesico, che hanno le donne brune della costa, non solo cantabrica o di quella di Huelva, come ebbe a dire Manuel Vázquez Montalbán; e poi, mi dissi, lo zenzero come faresti a spalmarlo sul corpo di una longilinea come Fulù, che, essendo una canapiera mancata, non diventerebbe mai una  canapicultrice, nemmeno in una di quelle Università della penisola che,  inventato l’artificio del cultore della materia, misero su stabilimenti infiniti per la lavorazione degli esami, i cosiddetti esamifici, tra corda e spago, canapuli, fibre, sostanze resinose e semplici manufatti narcotici, indolori e stupefacenti…Comunque, è un piatto pieno di freschezza e di aggressione, non so se possa essere considerato un delizioso piatto estivo, una di quelle ghiottonerie che gli umani possono mangiare in costume da bagno, specialmente se con una tipa come Fulù, e senza nemmeno la canottiera, anche se lei ha il pondus da canottiera, e l’anima, o l’animus, così mi presento e le dico: non sono quel poeta trasgressore che tu pensi che io sia, non metto la canottiera, che fa un po’ Salvatore Giuliano, ma, Fulù, io ti adoro a vederti in canottiera sopra il costume da bagno, e poi tra canottiera e canapiera si fa presto a finire sul canapè, che non è la fetta di pane ma il divanetto con spalliera e braccioli, su cui, non son volgare, Fulù potrebbe fare l’anatra che vola capovolta, o la canapiglia[i], perché Daffy  Duck  a vedermelo trasmigrato in Fulù mi farebbe senso.Ciò che entra dall’orecchio, Lacan, non è mai orecchiabile: è sì un segnalibro, questo è vero, e l’orecchietta, che non sia solo pasta, nell’atrio del cuore, tra pomodoro e ricotta, agita l’oggetto “a”  anche con l’utero freddo come sembra che sia quello di Fulù[ii]: Nostradamus tirò fuori per questo tipo di femmina lo zenzero, financo a un monaco postmoderno fu attribuito il cosiddetto cilindro infuoca utero, insomma non è sbagliata la presenza della ricotta, dentro la ricottura del siero di latte e l’omogeneizzazione della struttura interna raggiunta lentamente,tra  caldo e freddo, come se l’oggetto “a”, metti che sia il seme, anche di canapa, culminasse al meridiano, a sud, e, poi, lentamente, si raffreddasse  scendendo a nord.Insomma, finisce così: Philadelphia Pepper-pot[iii]con una borsista yankee dai capelli rossi, specializzatasi nell’uso del quechua nell’idioletto di Aurélia Steiner d’Ushuaia; Auricula Recocta con Fulù, dai capelli canapini, dentro il sogno dell’oggetto “a” che lei rende autonomo, libero, in cammino con la pulsione uretrale del poeta.



[i] L’Anas strepera, che l’anatra, ma porta anche all’Anas di Ana, fiume della Spagna, oggi Guadiana, che, per Sandra Alexis, venne a un certo punto nel paradigma esistenziale del poeta. Ma, è singolare, è come se fosse la radice dell’anastrofe, l’inversione di cui all’anatra che vola capovolta sul caban. Poi, di questo passo, si fa presto a farne il piatto dell’anathema, sia come offerta, ex voto, che come anatema, scomunica.[ii] Non è impossibile che Fulù possa essere originata da Fulixo Fulica, l’uccello acquatico che è la folaga.[iii] Cfr. ricetta in Manuel Vázquez Montalbán, Ricette immorali, trad.it. Feltrinelli 1994: pag.48-49.
Orecchiette FulùAuricula Recoctaby Marisa G.Aino
Orecchiette con farina di semi canapaGastronomia Frost (Castellana Grotte,Bari)Pomodori freschi pelati a pezzettiAglioBasilicoOlio Ricotta dura
Cuocere le orecchiette in acqua salata per 10 minuti circa. Scolarle. Condire con il sughetto di pomodori freschi, aglio, basilico, olio. Spolverare con ricotta dura grattugiata.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • le emozioni

    emozioni

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del... Leggere il seguito

    Da  Alba Forni
    CULTURA, TALENTI
  • Le nuvole e le stelle

    nuvole stelle

    Arrivano gli "psicopatici". Addio a "l'era del narcisismo di Götz Eisenberg Quello che segue è un testo di Götz Eisenberg - psicologo, vicino alla rivista... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Le Badanti

    Anno: 2015Durata: 105'Distribuzione: Ahora! FilmGenere: CommediaNazionalita: ItaliaRegia: Marco PolliniData di uscita: 11-June-2015In un momento di forte... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Orecchiette nelle ‘nchiosce

    Il 17 e il 18 Agosto 2015, a Grottaglie, torneranno Orecchiette nelle 'nchiosce. "Due giorni dedicati al territorio e alle sue eccellenze" spiega Cosimo... Leggere il seguito

    Da  Studioartesia
    CULTURA, INFORMAZIONE REGIONALE
  • Le sentinelle

    sentinelle

    Ma che bello è, ogni tanto, parlare di qualcosa di imperdibile?Con lo sceneggiatore Xavier Dorison è stato un amore a prima vista, è successo con il Santuario... Leggere il seguito

    Da  Paradisiartificiali
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Tu le sai le generazioni?

    generazioni?

    Significato o etimologia?Io ho sempre pensato le generazioni come un gruppo di sfigati nati all'incirca nello stesso periodo, tipo noi. Leggere il seguito

    Da  Valentina Orsini
    CINEMA, CULTURA
  • Le IA

    Le IA, ovvero le (I)ntelligenze (A)artificiali, sono un tema tutt'altro che piccolo o trascurabile, non solo nella sf, ma anche per la realtà fattuale, dove... Leggere il seguito

    Da  Massimo Citi
    CULTURA

Magazines