Magazine Pari Opportunità

Le scarpe delle donne

Da Marypinagiuliaalessiafabiana

Ecco una segnalazione di una mia lettrice. La foto è stata scattata in una stazione metropolitana a Roma.

Parliamo di scarpe.I piedi hanno una funzione, quella di camminare. Le scarpe sono nate per proteggere i nostri piedi dal freddo o dal terreno su cui camminiamo.

Le scarpe devono essere comode e devono darci la funzione di camminare. Purtroppo il marketing ha dato loro funzioni anche estetiche. Se hai scarpe da 300 euro sei un figo, ad esempio.

Quando si tratta di donne però c’è un aspetto inquietante: non sono solo le scarpe che devono essere belle ma è chi le porta che dev’essere bella e sexy a volte rinunciando alla comodità.

Premetto che anche io porto i tacchi, rare volte  ovviamente, perchè tengo tanto alla comodità, ma rendiamoci conto che solo per le donne vengono create queste scomode scarpe che ci costringono a camminare in modo naturale solo per attirare l’attenzione dei feticisti.

Già perchè il tacco ti rende slanciata, elegante, sexy, ti fa le gambe più sottili, piace ai feticisti del piede, piacciono anche le donne che hanno introiettato quanto questi accessori piacciano all’altro sesso..ma allo stesso tempo (tutti sanno ma continuano a produrle) mandano a puttane il sistema circolatorio e sono causa di storte alla caviglia.

L’unica chance ci sembrava la scarpa da ginnastica, l’unica a non essere sessualizzata…ora a quanto pare dovremmo ripensarci.

E’ partita dalla Reebok l’idea di sessualizzare pure la scarpa da ginnastica, ci mancava solo questa.

Ora molti altri brand si sono adeguati. E’ nata la scarpa che ha come funzione principale non camminarci sopra, ma eliminare la cellulite e gli inestetismi.

Insomma ogni scarpa dovrebbe avere la funzione di farci belle ad ogni costo. A differenza del tacco a spillo questa scarpa però è veramente brutta.

Che ci sia paura inconscia di informare alle donne che le scarpe servono a portarci lontano mi sembra proprio il caso di dirlo. La scarpa per noi viene promossa come una sorta di gabbia.

 Una ti impedisce di camminare e ti crea dei veri e propri dolori (tacchi a spillo), l’altra a differenza del tacco a spillo è comoda, migliora la tua salute ma viene dato più rilievo alla salute in senso estetico! e perdipiù la funzione è tutt’altro che quella originaria della scarpa. E’ come se venisse creata una caffettiera che fa le foto. Possiamo paragonare questo al cellulare che fa le foto (inutile) ma purtroppo ci siamo abituati e consideriamo tutti normale che un telefonino abbia anche questa funzione (cosa che dieci anni fa non avremmo mai immaginato).

 Vi immaginate se tra dieci anni tutte le scarpe femminili saranno così?

Poi quel devi…mi da proprio fastidio..Cosa è un imperativo?

Perchè ci si rivolge così alle donne? Perchè la pubblicità quando si rivolge alle donne è spesso ricca di imperativi?

Una scarpa che poi serve per migliorare quei punti che costituiscono maggiormente attrazione maschile mi sembra poi l’ennesima riduzione della donna ad oggetto sessuale, proprio lo stesso scopo del tacco a spillo.

E se ci puzzassero i piedi? Ci sono le Geox (pure per uomo e bambino, quindi non una cosa prettamente di genere). Se l’odore dei piedidovrebbe preoccupare tutti, la salvaguardia dell’aspetto estetico sarebbe importante sopratutto nelle donne. Quindi il marketing agisce in modo conforme al contesto in cui viviamo, un contesto tremendemente sessista dove le donne sono solo corpi.

Già, dei corpi la cui salute viene subordinata all’aspetto estetico. Dove nelle rubriche dei tg dedicati alla salute femminile parlano di malattie e addirittura tumori, soltanto se compromettono l’aspetto estetico (o la fertilità) delle donne.

Per ora ci restano solo le pantofole…



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • le donne

    Io sinceramente non volevo scrivere di questo argomento, perché mi ha schifata e nauseata abbondantemente. Però l’altro giorno al lavoro mi è capitato due... Leggere il seguito

    Da  Gaia
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • Il servizio pubblico denigra le donne

    Su Rai Uno, la vita in diretta torna alla carica per denigrare le donne. C’è una puntata dove si descrivono le donne come cattive perchè abbandonano i figli e... Leggere il seguito

    Da  Marypinagiuliaalessiafabiana
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Le cozze avariate

    Scusate ragazz* Io questa la chiamo INCOMPETENZA e non curanza nei confronti dei consumatori e in particolare delle consumatrici. Leggere il seguito

    Da  Marypinagiuliaalessiafabiana
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Trova le differenze

    Trova differenze

    Paola è una signora malata di leucemia che sta rischiando la vita. Paola ha una sorella, Luisa, la quale è geneticamente compatibile e che potrebbe salvarle la... Leggere il seguito

    Da  Femminileplurale
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Freud e le Psicologhe Femministe

    Freud Psicologhe Femministe

    Uno dei personaggi storici che ho studiato a scuola nell’ambito della psicologia e che mi ha dato molto da pensare è FREUD, il re della psicanalisi, un genio. Leggere il seguito

    Da  Elena
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Lavoro per le donne? No, grazie!

    Lavoro donne? grazie!

    Italia maglia nera dell'Unione europea.Non è una sorpresa ma i nuovi dati del Global gender gap report 2010 del World economic forum indicano addirittura un... Leggere il seguito

    Da  Sudestdonne
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Dentro il corpo di tutte le donne.

    Dentro corpo tutte donne.

    in foto Elisabetta Ranieri Dentro il corpo di tutte le donne, di Luce Irigaray (da La Repubblica 29 novembre 2005, p.47) ““Chi può decidere, se non la donna... Leggere il seguito

    Da  Suddegenere
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI