Magazine Ciclismo

Le scuse dei dopati: top ten da brivido

Creato il 05 luglio 2013 da Marines @none
Del Doping – fortunatamente – ogni tanto si può anche sorridere. 
Ci aiuta a farlo il numero odierno del quotidiano francese l’Equipe, che riporta una singolarissima Top Ten: 
quella delle scuse più assurde addotte da atleti risultati positivi all’antidoping. 
La prima sorpresa è che nella lista i ciclisti non sono in maggioranza (ma comunque si piazzano benino) e non vincono! Leggiamola assieme. 
1° Daniel Plaza – Sesso orale – 1996 Il marciatore spagnolo giustificò così la sua positività al nandrolone, dopo un rapporto con la moglie, in stato di gravidanza. Utilizzato da altri anche per la gonadotropina: grandioso. 
Gilberto Simoni – Caramelle – 2001 Il corridore italiano era goloso consumatore di certe caramelle portate da una zia suora che operava in America Latina. Dentro ci sarebbe stata cocaina. Un sempreverde del genere. 
Dennis Mitchell – Orge e Birra – 1998 Lo sprinter americano disse che fu una specie di ammucchiata ad elevato tasso alcoolico a portarlo una positività al testosterone.
 4° – LaShawn Merrit – Complesso del pene – 2009 Il velocista Usa risultò positivo alla Deha, un anabolizzante: disse di usarlo per migliorare un altro genere di prestazioni. Ma dai?
 5° – Bistecca di vitello – Petr Korda – 1998 Ancora nandrolone per il tennista ceco, che lo assunse (involontariamente, ovvio!) in certe bistecche di vitello che amava tanto. 
6° – Filetto di Manzo – Alberto Contador – 2010 Sesto posto per Contador e il celebre filetto al clenbuterolo portato da certi amici spagnoli! Vatti a fidare degli amici e della carne… 
7° – Malattia della suocera – Raimondas Rumsas – 2002 Il vecchio Raimondas giustificò così un trasporto imbarazzante (alla guida c’era la moglie) di farmaci nella sua auto. 
8° – Dentificio – Dieter Bauman- 1999 Nandrolone nel dentifricio dell’ex olimpionico tedesco dell’atletica leggera: a nostro parere meritava una posizione in classifica più elevata! 
9° – Whisky – Floyd Landis – 2006 Prima di cambiare versione e poi confessare, Floyd tirò fuori una correlazione tra consumo di alcool e innalzamento del testosterone. Fantasioso.
 10° – Aria condizionata – Team PDM – 1992 La squadra fuggì di corsa dal Tour per motivi mai chiariti. Ufficialmente intossicazione alimentare da aria condizionata. Vabbè… 
 Tratto da blog.cyclingpro.it

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog