Magazine Attualità

Le virtù dell’immigrazione, la scuola americana e Friedman

Creato il 25 marzo 2010 da Mariagraziacoggiola
Siccome mia figlia ha cambiato scuola, da un po’ di tempo vado a fare colazione all’American School, nel quartiere diplomatico di Chanyakiapuri. Ho abbandonato il Barista-Lavazza di Khan Market e purtroppo anche il Lodhi Garden. Dico purtroppo perché adesso vado a fare jogging a Nehru Park che ha un percorso più lungo che mi spacca le gambe.
Il campus della scuola americana è il sogno di ogni studente. Sembra quasi finta per me che ho fatto la terza media in una scuola di periferia, di quelle costruite in fretta e furia per contenere la spinta d’urto dei baby boomers e dove ogni giorno alla ricreazione c’era un pestaggio. Gli studenti mi sembrano comparse di un telefilm americano. Vedo i ragazzi, di tutte le razze, colori e lingue, camminare con il laptop sottobraccio. In biblioteca sono seduti a leggere sui divani. In piscina sono a fare vasche con davanti il cronometro. I professori che ti sorridono. Insomma, un mondo perfetto. Mi sale la depressione a pensare a come ho fatto io le medie in Italia. Per non parlare dell’Università a Torino. Va anche detto che tutto cio’ si paga salato e che i ragazzi appartengono a una fortunata elite. Ma non sembrano montarsi la testa e soprattutto sono determinati a sfruttare l’opportunità unica di studiare in un ambiente internazionale. Questo succede in India, ma penso capiti anche nei college degli Usa.
L’altro giorno mentre ero persa in queste considerazioni davanti a un caffelatte, mi è capitato sottocchio proprio a fagiolo un editoriale di Thomas L. Friedman sul New Yok Times in cui si esaltano le virtù dell’immigrazione e del melting pot. Friedman è uno dei miei preferiti. E’ anni luce in avanti quello che si scrive sui giornali italiani (che leggo ormai solo raramente). Questo pezzo in particolare, ne farei una lettura obbligatoria in Italia, dove gli immigrati sono ancora i “vu cumpra” e i bambini stranieri a scuola sono visti come un pericolo e non come una risorsa.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le colpe della Chiesa, le nostre colpe…

    colpe della Chiesa, nostre colpe…

    C’era una volta una chiesa assoluta, intollerante ed inquisitoria; oggi c’è una chiesa, e sto parlando sopratutto della chiesa cattolica,  che cerca  di... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Basaglia e le Supercazzole!

    Basaglia Supercazzole!

    Franco Basaglia e la Filosofia del '900Carlo Sini Eugenio Borgna Mario Colucci Massimo Recalcati Ota De Leonardis Pier Aldo Rovatti Romolo RossiSaggio... Leggere il seguito

    Da  Leonardocaffo
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Le ragioni di Fini

    ragioni Fini

    Articolo pubblicato su Affari Italiani (26 Aprile 2010) In questi giorni tutti si stanno domandando “perché Fini ha agito così”? Leggere il seguito

    Da  Albertofattori
    SOCIETÀ
  • Le nuove relazioni sindacali

    nuove relazioni sindacali

    Quello descritto da Staino e proposto dalla Fiat non è esattamente un modello da seguire. Di strada le aziende ed i sindacati in Italia ne hanno da fare. Leggere il seguito

    Da  31canzoni
    LAVORO, SOCIETÀ
  • Le tabachine

    tabachine

    Il nome della pianta del tabacco deriva dalla piccola isola delle Antille, Tobago; essa è citata in un erbario di Pier Antonio Michiel, stimato botanico della... Leggere il seguito

    Da  Walter_fano
    CULTURA, ITALIA, VIAGGI
  • Dove sono le immunità?

    L'inchiesta sui presunti fondi illeciti presi da Sarkozy va avanti. Sarkozy, c'è l'inchiesta su fondi illeciti ricevuti "Tracce della tangente"(Il... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Incrociamo le dita

    Ho un debole per le decisioni irrevocabili, soprattutto quando lo rimangono. Le dimissioni irrevocabili, poi, mi fanno impazzire: ci vedo dentro un “andate a... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ