Magazine Cinema

Liberaci dal male – Scott Derrickson, 2014

Creato il 21 agosto 2014 da Paolo_ottomano @cinemastino

liberaci-dal-male-locandinaCosa è legittimo aspettarsi da un film che esaurisce nel titolo il movente della sua visione e realizzazione? Amen, naturalmente. Ma c’è amen e amen. Quello dell’Esorcista marchiato Friedkin, per esempio, era inquietante soprattutto quando lo ripensavamo a lungo dopo l’ultima e la penultima sequenza: il sacrificio – o la misera fine di una psicosi collettiva, a seconda del punto di vista – di un uomo che accetta di accollarsi l’intera responsabilità della vita di chi gli è intorno, rinunciando alla propria. Colpo di teatro in cui è comunque il maligno che vince, e la serenità è solo temporanea. L’esorcista, appunto, è incerto, non emette una sentenza definitiva. Perché è un film di Friedkin, si potrebbe dire, ma è troppo facile e scorretto farlo notare nel 2014 e non nel 1973, quando ad accompagnare la sua sua fama e le sue fortune, poi altalenanti, c’era quasi solo Il braccio violento della legge.

Cosa c’era, invece, ad annunciare Scott Derrickson? Sappiamo che l’horror è il suo ambiente (Sinister) e che si è cimentato anche in quello religioso (L’esorcismo di Emily Rose). Nota: per fare un horror religioso, comunque, basterebbe mettere in scena una pagina a caso dell’Antico Testamento. È curioso, anzi è una constatazione, come ci sia spesso di mezzo un esorcismo quando si vuole spaventare qualcuno, in tanta produzione media contemporanea. O comunque un conflitto con il diavolo, un’entità sovrumana che prende a turno il controllo di qualcuno di noi e ci fa fare cose che non avremmo mai pensato da sobri. Anche in Liberaci dal male ce n’è uno, certo, che ha almeno un pizzico di originalità, un touch of evil: è un meta-esorcismo, se si stira un po’ il significato letterale del termine. Meta come pratica che riflette su se stessa e si spiega passo passo al pubblico, in sala e ai personaggi, attraverso le parole del gesuita che nomina e ripete tutte le fasi del rito al volenteroso aiutante e protagonista (Eric Bana); meta anche come ciò che sta oltre un esorcismo cinematografico convenzionale che non sente il bisogno di commentarsi, tant’è la presunzione che sia un rito scontato e naturale. Prima di giungere all’esorcismo, però, c’è qualcos’altro. E come poteva non essere la solita storia di un padre diviso tra famiglia e lavoro che trascura la prima e si lascia fagocitare dal secondo? Solita non nel soggetto, che è sicuramente comune a molti di noi e realistico, ma trita nelle battute stanche, nella gravidanza che dovrebbe riportare un po’ di brio in un rapporto sempre più sottile, di pari passo con la placenta della moglie; nell’espediente di tirare in ballo i veterani della guerra in Iraq. Non vogliamo sminuire quel tipo di trauma, che non è comunque centrale nella trama, ma rappresentarlo ancora e ancora, senza un tocco di originalità, lo rende inevitabilmente logoro e nauseante.

Ma se c’è una cosa che più di ogni altra infastidisce, anzi irrita parecchio, è la seguente: ossia la parabola (intesa come curva, percorso) di un uomo che abbandonata o comunque relegata nel dimenticatoio una fede religiosa, la riabbraccia sotto il ricatto psicologico di una supposta evidenza, come se quella fosse l’unica maniera di chiudere i conti col proprio passato, bruciando definitivamente i suoi fantasmi. Conditi dall’abuso del rallentatore nel momento drammaturgico dello scioglimento: non potrebbe essere che, per una volta, un accelerato possa avere un effetto alienante e magari più efficace? Le stesse procedure avevano permeato la storia (vera, come ci si affretta a specificare) di Emily Rose: un’agnostica (o una che non ha molta dimestichezza col calcolo delle probabilità e che si rifiuta di scegliere nettamente, quasi come un ignavo) trova una scorciatoia per mettere una toppa sul suo personale vaso di Pandora. Insomma: un packaging che può potenzialmente suscitare curiosità – e Jerry Bruckheimer ne sa qualcosa – ma un prodotto al suo interno che ci libera da ogni rimorso se non andremo al cinema. Amen.

Ecco la recensione su Cinema4stelle.


Archiviato in:Cinema Americano, Horror, Thriller Tagged: blog cinema, cinema4stelle, cinemastino, critica cinematografica, deliver us from evil, emily rose, eric bana, esorcismo, Esorcista, film in sala, liberaci dal male, recensioni film, recensioni film 2014, scott derrickson

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine