Magazine Legge

Mafia al Nord: sciolto il Consiglio Comunale di Bordighera

Da Avvdanielaconte
Mafia al Nord: sciolto il Consiglio Comunale di Bordighera Bordighera è un comune ligure (Riviera di Ponente) di circa 10.000 abitanti in provincia di Imperia, governato da una coalizione di centrodestra. Nell'estate del 2010 i carabinieri presentano una richiesta di scioglimento del Consiglio Comunale, a seguito di un dossier dal quale emergono collegamenti tra politici locali e criminalità organizzata; in particolare, il sindaco  e alcuni assessori (che gli investigatori ritengono siano stati eletti grazie al c.d. voto di scambio) avrebbero ricevuto pressioni per l'apertura di una sala giochi, ci sono state rapide affiliazioni di associazioni culturali, sportive, ecc. L'inchiesta ha portato all'arresto di otto imprenditori appartenenti a famiglie di origine calabrese, alcune ritenute vicine alla 'ndrangheta. In data odierna il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'Interno Roberto Maroni, ha disposto lo scioglimento del consiglio comunale.
Per gli stessi motivi, nel mese di novembre del 2010 è stato disposto lo scioglimento del consiglio comunale di Desio, in provincia di Milano.
Lo scioglimento del comune di Bordighera è avvenuto  il giorno successivo alle dichiarazioni della Direzione Distrettuale Antimafia, secondo cui la mafia calabrese "sta colonizzando la Lombardia".
Adesso la Lega non potrà più affermare che la mafia è un fenomeno tipico del meridione.
Roma, 10 marzo 2011                 Avv. Daniela Conte
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog