Magazine Poesie

Marco Scalabrino - Frammenti di Sicilia

Da Ellisse

marco scalabrinoRitorno con piacere sulla poesia di Marco Scalabrino, al suo dialetto/lingua, connotazione della connotazione, ovvero sintesi di percezioni, sincretismi di culture, sinestesie di colori e suoni. Basterebbe già questo, forse, per delineare il carattere di una buona poesia, ma Marco è  anche poeta felicemente classico, è sufficiente leggere qualche verso per rendersene conto. Qui c'è suono ed espressione del dialetto (ma questo termine forse è improprio o fuorviante, se qualcuno lo intendesse come subculturale), o dialetto come luogo la cui "familiarità" esprime meglio l'idioletto (cioè l'insieme dei costumi linguistici del singolo), gli imprinting culturali, i modi di un io più profondo, ed anche forse l'adesione alla realtà, il ritorno alla lingua materna e quel che di "regressivo" a cui alludeva nei suoi studi Pasolini. Qui ci sono richiami anche antichi, in cui le parole si riavvicinano alla concretezza delle cose, all'intima essenza delle cose, degli oggetti, della natura, e soprattutto ai legami di significati quasi ontologici che essi assumono per l'uomo. Scrivevo infatti nell'altro post dedicato a questo poeta (v.QUI): "Scalabrino appartiene in fondo a una cultura in cui l'espressione verbale è insieme rarefatta e polisemica, poche parole ma buone, di un certo speso specifico", in altre parole un mondo in cui leggerezza e consistenza della parola coesistono felicemente. Il poeta ne è perfettamente consapevole, come si conviene. Scrive infatti in una nota: "Come si può osservare, occorrono molte più parole per commentare una poesia che per scriverla. E nondimeno ben altre considerazioni – più strettamente legate al linguaggio (l’aspetto individuale e creativo, “l’atto di volontà e di intelligenza” che Ferdinand De Saussure definì parole) – potremmo ancora cavarne: sulla essenzialità della parola, sul dissolvimento dell’aggettivazione, sull’assenza dei verbi coniugati ai modi finiti, eccetera eccetera".  Elementi questi ultimi che si appropriano e  rendono omaggio anche a modalità ermetiche della grande tradizione poetica novecentesca (e a volte ne fanno calco), ma l'occhio qui è fondamentalmente attratto, a mio avviso, da una tradizione diversa o se volete più lontana, tanto che si rinvengono a tratti echi dei lirici greci o qualche nuga dei poetae novi. Il meglio di sé Scalabrino lo dà quando riesce (come spesso fa) a svincolarsi dalla "devozione" culturale verso il dialetto e dall'innamoramento della parola/suono, cioè dal mezzo,  e rimedita e sviluppa il contenuto, sia esso una incantata visione della natura, un innamoramento o una sommessa denuncia sociale. E' in questi caratteri, e nell'equilibrio tra suoni e significati, che da sempre si è espressa al meglio la poesia dialettale, quella per intenderci che va da Pierro, Giotti, Marin, Loi, Tessa, Buttitta, Guerra, Baldini, Noventa e molti altri, fino a Pasolini e Zanzotto.
(alcuni altri testi di Scalabrino sono reperibili in rete, su siti come Neobar o La dimora del tempo sospeso)

ASCHI e MARAVIGGHI di SICILIA

Pi nascita, dirittu, cardacia

di li radichi a la storia

st’ammàttitu m’apparteni.

Sulu tri pilastri

ncucciati cu puzzulana d’amuri

e tennu ‘n pedi un munnu.

Un jornu

russu sulu nna lu me calannariu

un ancilu

paratu ad arti a l’amu di li stiddi

m’addiccò

fu na vota e pi sempri

a li soi ali.

Successi.

E siddu nun fu spassu

preju ogni novu mercuri

pi ssu miraculu

e aspettu.

Zoccu autru pozzu fari?

Ammuttanu li staciuni

cu soli di coriu sempri novu

e allonganu, a botta a botta

la prucissioni di judici

manetti, tabbuti.

Ju zeru

ju laparderi

ju senza travagghiu

ju bucatu

ju sucasimula

ju l’Aids a tagghiu

ju mafiusu

ju cascittuni

ju nuddu spiragghiu

ju ... nun lentu mai di bistimiari.

Autri a spassu.

Stu jornu macari.

Ssa frevi ammartuca li mei carni

e mancu un ponti

luci

pi sbraccari.

Mastru Lunniri, scattusu

addimura

e attocca a mia

nun pozzu fujiri.

Matri

sapi d’addauru, zorba, marvasia

lu ciuri spajulatu a la to sciara

e lu ciauru

di li naschi, lu sangu, lu senziu

nun si lava chiù.

FRAMMENTI e MERAVIGLIE di SICILIA

Per nascita, diritto, batticuore

dalle radici alla storia

questa combinazione mi appartiene.

Solo tre pilastri

saldati con pozzolana d’amore

e reggono il mondo.

Un giorno

festivo solo nel mio calendario

un angelo

spedito in avamposto dal cielo

mi avvinghiò

anima e corpo,

alle sue ali.

E’ accaduto.

E se non è stata burla

prego ogni nuovo mercoledì

ché questo miracolo si ripeta

e aspetto.

Cosa altro potrei fare?

Si susseguono le stagioni

con suole di cuoio sempre nuovo

e allungano una botta dopo l’altra

la processione di giudici

manette, casse da morto.

Io nullità

io parassita

io disoccupato

io a rischio Aids

io cicisbeo

io drogato

io mafioso

io delatore

io disperato

io ... non smetto mai di bestemmiare.

Anche oggi

qualcuno perderà il lavoro.

Questa febbre fiacca le mie membra

e non un solo ponte

s’intravede

per superarla.

Mastro Lunedì, dispettoso

s’attarda

e spetta a me

non ho scampo.

Madre

sa di alloro, sorba, malvasia

il fiore scaturito dal tuo rovo

e il suo profumo

nelle narici, nel sangue, nei sensi

persisterà in eterno.

Tu

Si fici mattula

lu celu di dicembri

pi scumpagnari

cu zotti di silenziu

li toi passi.

E tu

fusti rigulizia

alaò di ciaramedda

basula

pi junciri

‘n pizzu a la muntagna

cu crivu di tè

e viscotti.

TU - Si fece bambagia / il cielo di dicembre / per scompagnare / con sferzate di silenzio / i tuoi passi. / E tu / fosti liquirizia / nenia di cornamusa / basola / per raggiungere / la cima della montagna / con staccio di tè / e biscotti.

Dammilli a mia

Zoccu n’accanzi chiù

di l’occhi toi rifardi

lu jornu chi di bottu

sgabbillisci e attranti?

Vittiru li stiddi

lu mari li muntagni

sappiru la strata

la puisia la scienza

pottiru lu chiantu

la fantasia l’amuri ...

ma tannu su’ scucivuli

vasci ntamati nugghi.

Avissiru statu virdi

azzoli o niurincioli

dammilli a mia ssi brinnuli

avanti chi s’astutanu;

a mia pasciutu a l’ummira

a mia chi campu scuru.

Dammilli!

Chì ancora ponnu cerniri

strucchiuliari, ridiri.

Dammilli; p’un miraculu.

REGALAMELI - Che ne farai più / degli occhi tuoi malandrini / il giorno che d’un tratto / la morte, ti avrà colto? / Avranno visto le stelle / il mare, le montagne / conosciuto la strada / la poesia, la scienza / potuto il pianto / la fantasia, l’amore / … ma quel giorno saranno inespressivi / bassi, allampanati, spenti. / Siano essi verdi / azzurri o neri / regalali a me i tuoi cristalli / prima che si spengano; / a me cresciuto nell’ombra / a me vissuto nel buio. / Regalameli! / Perché ancora possano scegliere / adoperarsi, ridere. / Regalameli; per un miracolo.

R.E.M.

Lampu chi ciunna lu scuru

tronu chi pica

lu silenziu

cannarozzi

chi agghiuttinu

sempri chiù ‘n funnu …

firnicia di l’ali di la notti:

mari schettu

grutta d’arazzu

cavaddu e pinnacchiu

carrettu sculpitu di sali

trazzera chi scinni senza scaffi.

E s’annija

picchiannu nta na lanna di risati

ddu pinzeddu tignusu

chi duna

na manu

di griciu

a li mei

jorna.

R.E.M. - Lampo che graffia il buio / tuono che perfora / il silenzio / gola / che inghiotte / sempre più in fondo … / frenesia delle ali della notte: / mare calmo / grotta d’arazzo / cavallo e pennacchio / carretto scolpito nel sale / viottolo che scende senza buche. / E si annega / rovinando in una latta di risate / quel pennello protervo / che dà / una mano / di grigio / ai miei / giorni.

Tempu

Armu putia.

Aju la truvatura

e li carti in regula p’aggigghiari:

licenza, si capisci

un magasenu

e na vitrina

a jornu

cu la nzinga

“Accattu e vinnu tempu

tempu vecchiu .”

TEMPO - Metto su bottega. / Ho scovato l’idea / e i requisiti per attecchire: / la licenza, ovviamente / il locale / e la vetrina / a giorno / con l’insegna / “Compro e vendo tempo / tempo vecchio.”

Chi ura è?

Fora scena

un doppupranzu

a quarant’anni

senza na smorfia

un cafè

un applausu.

Tu cori pazzu e malatu

tu Capitan Fracassa

tu Splendor,

quali pusteri discretu

ti cunsignau ssa littra

l’ultima

tutta tua?

Chiù tardu

nna l’Hotel Colonial

poi ricuminciari di tri e menzu

siddu voi

poi pinzari zoccu ti piaci e pari

di l’amuri

di li strati finuti

di lu Signuri

poi …

senza mai addumannari scusa.

A nuatri

nna stu stolitu sabatu di giugnu

nun n’arresta chi chianciriti.

CHE ORA E'? - Fuori scena / un pomeriggio / a quarant’anni / senza una smorfia / un caffè / un applauso. / Tu cuore pazzo e malato / tu Capitan Fracassa / tu Splendor, / quale postino discreto / ti ha consegnato quella lettera / l’ultima / tutta tua? / Più tardi / nell’Hotel Colonial / potrai ricominciare da tre e mezzo / se vorrai / potrai pensare cosa ti piace e pare / dell’amore / delle vie finite / del Signore / potrai … / senza mai chiedere scusa. / A noi / in questo stolto sabato di giugno / non ci resta che piangerti.

Austu

Granatu

di stiddi

chi spacca

e cadi

stanotti.

AGOSTO - Melagrana / di stelle / che si spacca / e precipita / stanotte.

Quannu ti parru ...

Tu nun ascuti

pirchì nun m’accordi lu tempu

nun dicu di ncrucchittari na frasi

o di ncucciari dui palori

ma di grapiri la vucca macari

chi ti l’aggarri arrè

comu si, pi la to spirtizza

o cui lu sapi quali autra virtù

ci smurfiasti già ogni filu e signu

di zoccu ju avia ancora in menti

di spiccicari e nun potti, pirchì

tu nun ascuti a nuddu

ti piaci la to zurra vuci

sciali cu l’ecu di li toi bavorni

ti preji si supra un pinzeri to

ripitutu però di mia paraggiu

ti cuntrapigghi

ti fai appellu e cassazioni

avvocatu judici e testimoniu

pirchì, ora ci voli

tu nun ascuti a nuddu fora-tia

e mancu sparti, forsi.

Quando ti parlo ... - Tu non ascolti / perché non mi concedi il tempo / non dico di formulare una frase / o di pronunziare due parole / ma di aprire la bocca addirittura / che te lo riprendi / come se, per la tua perspicacia / o chissà quale altra virtù / tu avessi già inteso per filo e per segno / quanto io mi accingevo / a dire e non ho potuto, perché / tu non ascolti nessuno / ti piace la tua voce rauca / ti sollazzi con l’eco delle tue smargiassate / ti diverti se su un pensiero tuo / ripetuto però da me identico / ti contraddici / ti fai appello e cassazione / avvocato giudice e testimone / perché, questo è il tuo caso / tu non ascolti nessuno tranne te stesso / e forse neanche.

Scinnu

Siddu nun curri

vucii

vinci

e nun hai facci

aremi

santi

si nun si’ primu

unu

lu megghiu ...

nna stu munnu unni

siddu nun pari

nun esisti

scinnu, a li voti

a raciuppari

li mei scagghi.

Scendo- Se non corri / gridi / vinci / e non hai faccia tosta / denaro / santi in paradiso / se non sei il primo / il numero uno / il migliore ... / in questo mondo dove / se non appari / non esisti / scendo, talvolta / a racimolare / ciò che di me resta.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines