Magazine Informazione regionale

Meno male che Silvio c'era

Creato il 28 marzo 2013 da Bernardrieux @pierrebarilli1

Meno male che Silvio c'era Ah, com'era bello il tempo in cui regnava Berlusconi. Quando una cosa andava storta sapevi che era sempre colpa sua. Il Paese si sentiva la coscienza a posto, la classe dirigente era esonerata da ogni addebito. Ora succedono tante cose inspiegabili. Due ministri litigano in Parlamento e uno si dimette proprio lì, come non era ma successo. Ed erano due sobri tecnici. Un assessore regionale, cantante di talento, identifica il Parlamento con la città di Troia e non in senso omerico.
Due alti magistrati, Grasso e Caselli, litigano sull'antimafia in pubblico. Due giornalisti di punta della stessa rete, Travaglio e Formigli, se le suonano di santa ragione. Un magistrato attacca con un'asprezza mai sentita i magistrati che avevano assolto Amanda e Raffaele e altri magistrati gli danno ragione. Dopo Berlusca il populismo si fa più truce e Grillo smerdeggia la sinistra come mai aveva fatto lui.
La sinistra, a sua volta, si sfascia tra bersaniani a oltranza e renziani sottotraccia. Montiani, dipietrini, casiniani e finiani farebbero la pelle ai loro capi. Il presidente della Confindustria dice che siamo alla fine. Napolitano cazzia ministri e premier. La corruzione va a gonfie vele, il Paese affonda. Com'era bello quando c'era lui, il reo Silvio.
P.S. Non ci crederete, ma ho conosciuto un magistrato iraniano di 90 anni che è andato sabato in piazza per Berlusconi con sua figlia Daria, che aveva una boutique in via del Tritone, ed ha pure saltato al grido di «chi non salta comunista è». Esportiamo la follia fuori dalla Ue. (marcello veneziani)
http://feeds.feedburner.com/BlogFidentino-CronacheMarziane

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog