Magazine Diario personale

mi faccio vedere, ma da uno bravo

Da Francesca_82
Per crescere un figlio libero bisogna essere genitori liberi. Vi dicevo che io e Raul andiamo a "scuola di genitori" per confrontarci con altri colleghi e accompagnati da uno psicologo reichiano (che udite udite! Ha studiato in Italia dove c'è la scuola di Psicologia Reichiana più importante dopo quella tedesca, a Roma e a Napoli!) chiariamo i nostri dubbi e scopriamo di non essere soli di fronte a tante perplessità.
Tipo una madre che si sente in imbarazzo a fare la doccia davanti al figlio e si chiude a chiave con il piccolo che strepita fuori dalla porta.
O un'altra mamma che vieta alle figlie gemelle di toccarsi la zona genitale e .... non sa perché.
E' vero eh, che quando parliamo scopriamo di essere monotematici e la sfera sessuale è quello che più chiama l'attenzione, seguita dalla televisione e dalle maniere di fare a tavola.
Così parlando emerge che siamo più o meno tutti d'accordo sulla libertà accordata ai figli di inzozzarsi, di mangiare con le mani, di fare E/C fin dai primi mesi, ma andiamo in tilt se c'è di mezzo l'area corporale che da dall'ombelico alle ginocchia.
Innominabili vulva o pene.
Ci sono genitori che non riescono a nominare queste parole.
Ma per fortuna che si rendono conto del corto circuito e per fortuna che ci sono scuole di padri da frequentare.
Perché il problema è: vorrei ma non posso, o non riesco. A parole siamo tutti aperti e lanciati e apertissimi di mente a 1000 gradi ma poi giorno dopo giorno quando i piccoli nani ci offrono spunti per mettere a prova le nostre buone intenzioni, ecco che ci trema la voce, siamo un po' sull'attenti, indugiamo sul che fare...
Pure io pensavo di essere più sciolta, ma mi rendo conto che no. Dico troppi no, in generale. Raul già me lo diceva.
Dico troppo "stai attento che ti fai male"
Dico troppo spesso "no Marc aspetta"
Quando Marc non si è mai fatto male, cioè se guardo bene non si è mai buttato giù dalle scale, che invece scende benissimo in retromarcia e i miei "no" sono più del tipo "No dai sta fermo che faccio una cosa, ma non puoi stare fermo due secondi?" piuttosto che "non farlo perché ti puoi fare del male.
Quindi mi faccio curare. Credo che a tutti faccia bene un po' si psicoterapia, specie quando si è nella fase di scoprire se stessi in veste di genitore, chi ha esperienza quando è al primo figlio?
Sono già stata dallo psicologo di mia iniziativa e senza patologie tre anni fa, in effetti non avevo niente che non andasse nel mio cervello, ma mi ha fatto bene confrontarmi anche solo per sentirmi dire "va tutto bene". Bassa autostima? Mah, non è questo, è solo che -citazione di un libro -quelli troppo entusiasti e sicuri di tutto non mi hanno mai convinto.
Come Marc va crescendo scopro cose nuove di me come persona, le voglio analizzare per capire meglio me e di riflesso magari ricordarmi perché sono così, figlia di chi, cresciuta come sono cresciuta e dove voglio andare.
Mi piacerebbe che un giorno Marc si guardasse indietro, analizzando il suo percorso di crescita personale e dire "sono contento di me"
Quindi domani mattina alle 10 ho il mio primo appuntamento di psicoterapia transpersonale.
E' che mica vado dal primo psicologo che trovo sulle pagine gialle! Mi metto nella mani di un'amica (errore? vedremo) psicoterapista transpersonale, che è un tipo di tecnica poco conosciuta, di cui ho letto e confesso di aver capito poco.
Vi racconterò quindi a grandi linee, dopo un confronto con l'esperienza avuta con uno psicologo classico, com'è la storia. 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Mi faccio il pane!

    faccio pane!

    Sabato 2 febbraio 2013 – dalle 17.30 alle 19Sala Sassi, via Fratelli Cervi n.3 (di fianco alla COOP) Castel San Pietro Terme (BO)- INCONTRO GRATUITO – Vuoi... Leggere il seguito

    Da  Dimora
    DIARIO PERSONALE, ECOLOGIA E AMBIENTE, LIFESTYLE, SALUTE E BENESSERE
  • Cinque film da vedere per il giorno di San Valentino

    Cinque film vedere giorno Valentino

    Ci sono molte cose che si possono fare al giorno di San Valentino, ma tra i migliori è quello di guardare alcuni film romantici con la tua dolce metà. Leggere il seguito

    Da  Sonia88
    PER LEI
  • ma vi giuro che quando mi abbronzo divento olivastro

    Che ridere. Un amico è convinto di aver sofferto di mal d’Africa quando era a una festa un po’ particolare, il compleanno del moroso di una sua collega che vien... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Vi faccio una domanda

    faccio domanda

    Da tempo, come forse vi ho già detto, sto meditando sul far passare le Alpi ai miei lavori. Penso in primis all’Europa, mirando però al di là dell’Oceano. Leggere il seguito

    Da  Bangorn
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, RACCONTI, SOCIETÀ, TALENTI
  • Chi mi consiglia un bel film da vedere?

    Cari amici come molti di voi sapranno in questo periodo sono molto occupata con l'università, ci siamo quasi... e la burocrazia non aiuta, il termine per la... Leggere il seguito

    Da  Artemisia1984
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Tema: Se uno è bravo, è bravo.

    Tema: bravo, bravo.

    Sez. Tutta colpa di SanremoSvolgimento Il rito veniva consumato invariabilmente nel lettone dei nonni, quello con la coperta in fodera di raso verde. Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Tema: Ce la faccio da solo

    Tema: faccio solo

    SvolgimentoSpazzatura e altre amenità. All’inizio le cose puzzano, ho scoperto, poi si decompongono e puzzano ancora di più. Capirai, con quaranta gradi lì... Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI, DA CLASSIFICARE

Dossier Paperblog