Magazine Politica

Monti-sì Monti-no

Creato il 13 novembre 2011 da Oblioilblog @oblioilblog

Monti-sì Monti-no

Alle 21.44 Berlusconi ha lasciato il Quirinale dopo aver rassegnato le dimissioni da Presidente del Consiglio. Domani il Capo dello Stato avvierà le consultazioni che si concluderanno intorno alle 18. In serata o più probabilmente lunedì sarà nominato Mario Monti. Il Presidente della Bocconi presiederà il primo governo tecnico del Terzo Millennio.

Causa veti incrociati, l’ipotesi più plausibile è che il nuovo esecutivo sia formato esclusivamente da personaggi fuori dal mondo politico. Un elemento sicuramente da accogliere con favore, visto che in questo modo è garantita l’impossibilità di un inciucio trasversale. Il mio auspicio è che si tratti di un governo dei migliori, non dei meno peggio.

Il Governo Monti parte con un programma già redatto nella famosa letta alla BCE. Ma se si limitasse a quei provvedimenti sarebbe un’esperienza fallimentare. Molti vedono nella nuova fase una sconfitta nella politica, io credo che potrebbe garantire una rinascita se si seguono delle tappe che non sono né di destra né di sinistra, ma di buon senso.

Nella Prima Repubblica governo tecnico voleva dire sacrifici. E anche in questo caso i provvedimenti lacrime e sangue sono dietro l’angolo: bisogna rassicurare i mercati, la BCE, il FMI e l’UE. C’è da riportare sulla retta via un paese che rischia un avvitamento economico che a lungo termine lo porterebbe alla bancarotta. Questi sono sacrifici che si devono fare per riconsegnare alla futura scena politica una nazione in ordine.

Ma gli sforzi dei cittadini devono essere ricompensati. Dopo 17 anni di berlusconismo, con la complicità di una sinistra ridicola, c’è la possibilità di riportare l’Italia alla normalità, di abolire quelle consuetudini a cui ci eravamo assuefatti, seppur disgustose. Se e solo se il Governo Monti riuscirà in questa impresa, e ce la può fare visto che si avvia ad avere una maggioranza oltre 500, si potrà considerare un esperimento riuscito. Altrimenti sarà solo un governicchio vampiro ad uso e consumo dei partiti e dei loro leader che non volevano mettere la faccia sui provvedimenti più impopolari. 

Ecco cosa si dovrebbe fare:

- legge sul conflitto di interessi;

- nuova legge elettorale che permetta ai cittadini di scegliere l’eletto (il modello che preferisco è il doppio turno alla francese);

- riduzione del numero dei parlamentari (almeno dimezzati) e fine del bipolarismo perfetto;

- abolizione dei vitalizi o quantomeno adeguamento: i parlamentari devono una pensione adeguata ai contributi versati, non incredibilmente superiore;

- abolizione delle province;

- abolizione del finanziamento pubblico ai partiti mascherato da rimborso elettorale;

- tetto massimo di due legislature in Parlamento;

- ratifica dei trattati internazionali sulla corruzione e introduzione del reato di traffico di interessi;

- dimissioni obbligatorie per i politici quantomeno condannati in primo grado e incandidadibilità per i pregiudicati;

- razionalizzazione della Rai e liberalizzazione delle tv private (massimo due reti per soggetto);

- ritiro dei soldati in giro per il mondo (soprattutto in Afghanistan e Iraq) e riforma dell’apparato militare;

- riordino del mercato del lavoro privilegiando la stabilità e non la flessibilità, agevolazioni per le assunzioni di giovani;

- riforma in senso efficentista della giustizia: via un grado di giudizio, cauzione per l’appello, prescrizione stoppata al momento del rinvio a giudizio;

- federalismo efficace e revisione dell’attuale sistema basato sui costi standard;

- caccia alle streghe sull’evasione e sull’elusione fiscale e stop alle transazioni con il fisco;

- riforma più logica della scuola e dell’università;

- messa in sicurezza dei territori esposti al dissesto idrogeologico;

- avvio di grandi opere strategiche e soprattutto manutenzione delle infrastrutture esistenti;

- riforma della sanità pubblica e lotta allo spreco;

- riforma fiscale;

- stop dei finanziamenti ai giornali;

- formulazione di un piano energetico nazionale orientato alle rinnovabili;

- riforma del sistema bancario con netta divisione tra banche commerciali e banche d’affari;

Sentitevi liberi di suggerire nei commenti.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Mario Monti e l’occulto

    Brian Boitano (redattore) Leggere il seguito

    Da  Symbel
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • con Monti… deBerlusconizziamoci!

    Monti… deBerlusconizziamoci!

    “Con Monti e Draghi l’Italia è in mano a poteri esterni che ci porteranno alla catastrofe” Giulietto Chiesa “Draghi e Napolitano devono essere arrestati e... Leggere il seguito

    Da  Zaxster
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Contro monti, contro l’europa

    Contro monti, contro l’europa

    La Merkel sarà pure una culona inguardabile ma non si guarda affatto dal farci il sedere grande quanto una casa dettandoci tempi, modi e provvedimenti della... Leggere il seguito

    Da  Conflittiestrategie
    POLITICA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Monti, Merkel, Orwell

    Monti, Merkel, Orwell

    tratto da comedonchisciotte.org A CURA DI MARTA MORICONE destra-dx.it La crisi di liquidità, gli interessi della Bce, destra contro sinistra, la classe... Leggere il seguito

    Da  Andl
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Mari contro monti

    Quale sia il ruolo conferito a Monti dai potentati esteri e dai depotenziati circoli industrial-finanziari interni è ormai noto al colto e all’inclita. Leggere il seguito

    Da  Conflittiestrategie
    POLITICA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Posto fisso alla Monti

    Posto fisso alla Monti

    Questo quanto diceva Giulio Tremonti non molto tempo fa, Ministro dell’Economia: Il posto fisso è la base sulla quale costruire un progetto di vita e la... Leggere il seguito

    Da  Mriitan
    OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • La monotonia di Monti

    monotonia Monti

    Il multimilionario Monti è sicuramente una brava persona. Come tutti i multimilionari però, ha il difetto di non avere la più pallida idea di che cosa voglia... Leggere il seguito

    Da  Pdarcore
    POLITICA, POLITICA ITALIA

COMMENTI (1)

Da Pier Luigi Caffese
Inviato il 13 novembre a 15:05
Segnala un abuso

Piano sviluppo ed energie rinnovabili. Monti ha circa 656 miliardi di nicchie fiscali(400 miliardi censiti Bankitalia e 256 da me).Se sceglie lo sviluppo ne puo'destinare 50 allo sviluppo e 600 miliardi al ripiano dei 2000 miliardi di debito ed in 5 anni ne siamo fuori.Con i 50 miliardi sviluppo,20 li diamo al fondo giovani e 30 miliardi,suddivisi 10 infrastrutture,10 energia,10 agribusiness.Questo piano solo nell'energia rinnovabile da stoccare e produzione carburanti da rinnovabile vale 100 miliardi annui di ricavi,50.000 giovani occupati e costa solo 17 miliardi.Nell'energia le lobbies hanno bloccato lo sviluppo perchè il fossile è da stoppare al 50% del mix energetico e le rinnovabili vanno stoccate,altrimenti costano troppo.Leviamo tutti i contributi e lasciamo solo prestiti della Cassa D.P. da restituire. Poi si deve avviare la produzione di carburanti da rinnovabili.La Merkel li fa con il vento,Caffese usa vento e mare insieme mentre Scaroni e Tronchetti Provera dicono che la Merkel ed Obama hanno torto e non si fanno carburanti da rinnovabili(siamo a tecnologia paleolitica per loro).Dopo salta fuori Terna che propone l'unico progetto al mondo di accumuli d'acqua che non serve a niente ma chiede lo stesso balzelli in tariffa ed oggi Cattaneo incensa Monti sul Corsera dicendo che ha appoggiato Lui Monti.A Terna sembrano gattopardi energetici che vogliono mettere in tariffa balzelli mediovali,altro che efficienza energetica.Caro Monti,levi tutti i contributi e passi ai prestiti come Obama,lasci solo quelli buiding ma stoppo il fossile al 50% perchè oggi importiamo 60 miliardi e se dovessimo arrivare ad 80 miliardi di import fossile,l'industria muore ma questo i Ceo fossili non lo vedono.