Magazine Mondo LGBTQ

Museo di Auschwitz senza l'Italia, padiglione chiuso "

Da Albamontori @albamontori
segnalo da Informazione Corretta
CORRIERE della SERA - Frediano Sessi :
" Museo di Auschwitz senza l'Italia, padiglione chiuso "
Museo di Auschwitz senza l'Italia, padiglione chiuso Un plauso per la decisione di chiudere il padiglione italiano ad Auschwitz, un monumento di cui l'Italia dovrebbe vergognarsi, dedicato a esaltare l'Unione Sovietica secondo la narrativa imposta dal PCI in quegli anni, e che non ha nulla a che vedere con lo sterminio degli ebrei italiani.  Chissà che la sua chiusura non ne implichi lo smantellamento e la costruzione di un monumento che rappresenti la Memoria degli ebrei italiani sterminati dal nazifascismo. Ovvia la difesa dell'Aned, la cui memoria è sempre stata a senso unico, visto che i suoi dirigenti sono sempre stati di stretta osservanza comunista.Sono state molte le proteste dei visitatori italiani, questa chiusura servirà a fare un padiglione diverso ? Ce lo auguriamo.
Ecco il pezzo:
Museo di Auschwitz senza l'Italia, padiglione chiuso
Il padiglione italiano Gli italiani che quest'anno, in occasione della Giornata della Memoria, si recheranno a Oswiecim per una visita a quello che fu il complesso concentrazionario di Auschwitz, troveranno una spiacevole sorpresa: dal luglio scorso il padiglione italiano (Blocco 21) che ricorda il dramma della deportazione dall'Italia, per decisione unilaterale della direzione del museo è stato chiuso al pubblico.
Il memoriale, pensato alla fine degli anni 60 come sintesi di arte e storia, già entro l'ottobre dello scorso anno avrebbe dovuto essere smontato e sostituito. In caso contrario, in mancanza di un nuovo progetto che prestasse più attenzione alla storia e alla didattica della memoria, lo spazio destinato all'Italia sarebbe stato concesso ad altri Paesi che da tempo, esclusi dalle mostre nazionali dei singoli memoriali, attendono uno spazio libero.
La storia del Blocco 21 è nota: nel 1971, l'Aned (associazione nazionale ex deportati) ottiene il consenso dalle autorità polacche per predisporre un memoriale sulla deportazione degli italiani. Nel 1975 lo studio Bbpr di Milano (Banfi, Belgiojoso, Peressutti, Rogers) presenta il primo progetto. La difficoltà nella raccolta dei fondi porterà alla realizzazione dell'opera solo nel 1980, e il 13 aprile il memoriale sarà inaugurato. Belgiojoso spiegava così l'istallazione: «Ci siamo sforzati di ricreare allusivamente un'atmosfera di incubo, l'incubo del deportato straziato tra la quasi certezza della morte e la tenue speranza della sopravvivenza, mediante un percorso che passa all'interno di una serie infinita di spire di una grande fascia elicoidale illustrata, che accompagna il visitatore dall'inizio alla fine. È l'idea di uno spazio unitario ossessivo». Primo Levi, chiamato a redigere il testo, faceva parte del comitato esecutivo che decise la natura del memoriale, più artistico che informativo. La grande spirale immaginata da Belgiojoso fu poi illustrata da Mario Samonà, mentre il compositore Luigi Nono concesse l'uso del brano musicale «Ricorda che cosa ti hanno fatto ad Auschwitz»; il tutto con l'obiettivo, dichiarato alla direzione del Museo, che il padiglione italiano «fosse un luogo dove la fantasia ed i sentimenti di ognuno, più delle immagini e dei testi, rendessero l'atmosfera di una grande e indimenticabile tragedia» (dichiarazione di Primo Levi e Gianfranco Maris).
Dopo il 1989 molti dei padiglioni memoriali presenti ad Auschwitz sono stati rinnovati, in concomitanza con la revisione complessiva del sito. Francia, Olanda, Belgio, Ungheria hanno riscritto la storia della loro deportazione, più in linea con le nuove acquisizioni della ricerca e delle forme della memoria nazionali. Anche in Italia, dopo che il governo italiano ha approvato un finanziamento di 900 mila euro per il restauro del «Memoriale in onore degli italiani caduti nei campi di sterminio», a partire dai primi mesi del 2008 alcuni storici (tra i quali Giovanni De Luna e Michele Sarfatti) si sono chiesti se al posto dell'allestimento originario, artistico, non ne fosse necessario uno nuovo. La spirale di Belgiojoso racconta infatti l'occupazione delle fabbriche, l'Ordine Nuovo, Gramsci, l'antifascismo, in un discorso considerato difficile e arduo da capire anche sul piano storico. L'Aned per parte sua ha difeso il memoriale, sostenendo che un'opera d'arte parla un linguaggio universale e sempre comprensibile, come era nell'intento di chi progettò l'istallazione del Blocco 21.
Intanto le autorità polacche avevano preso contatto con il governo Berlusconi (Gianni Letta fungeva da mediatore), ma ora la realtà e davanti agli occhi di tutti. Il padiglione è chiuso, il memoriale degli italiani «censurato» e si spera che, anche a partire dal dibattito che si è aperto di recente sulle forme della memoria e sui modi di trasmetterla, il governo possa intervenire a fianco dell'Aned per consentire la riapertura al pubblico del Blocco 21, in attesa che un nuovo progetto (di restauro o di revisione dell'attuale) sia realizzato.
 <a href="http://www.facebook.com/people/Alba-Montori/725928608">Profilo Facebook di Alba Montori</a>

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un museo per ricordare

    museo ricordare

    La memoria è il diario che ciascuno di noi porta sempre con sé. (Oscar Wilde) In questo caso non si tratta di un diario, forse più di un album… di un migliaio d... Leggere il seguito

    Da  Oryblog
    SOCIETÀ
  • Kurashiki – Museo dei giochi e museo di Momotaro

    Kurashiki Museo giochi museo Momotaro

    Continua il Viaggio nel Paese del Sol LevantePer quanto l’idea di visitare il museo Ohara di Kurashiki per vedere qualche quadro di Modigliani in Giappone non... Leggere il seguito

    Da  Newfractals
    SOCIETÀ
  • La lezione di Auschwitz

    lezione Auschwitz

    La nazionale di calcio in visita al lager di Auschwitz: così almeno, quando vedranno esposti nelle curve degli stadi dove giocano, le bandiere con le svastiche ... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il museo della tortura contemporanea

    museo della tortura contemporanea

    di Ossama Mohammed Ad un giovane regista siriano. Non amo il montaggio parallelo (1), perché così sono stato creato dal dio del cinema: mendicante e uno che... Leggere il seguito

    Da  Rosebudgiornalismo
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • Nasce il Museo del Falso

    Nasce Museo Falso

    Il 7 luglio debutta il Museo del Falso a Verrone (BI). Ci vediamo lì? Sabato 7 luglio alle 18 verrà inaugurato al Castello di Verrone, in provincia di Biella, i... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • La auschwitz del vaticano

    Non è solo nei campi di concentramento tedeschi che trovarono la morte le vittime della persecuzione nazista nella II Guerra Mondiale. Leggere il seguito

    Da  Frontelibero
    SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Albergo-museo ad Antiochia

    Albergo-museo Antiochia

    Ho scovato questo progetto davvero affascinante dello studio di architettura – uno dei migliori di Turchia – Emre Arolat: un albergo ad Antiochia che, per... Leggere il seguito

    Da  Istanbulavrupa
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ