Magazine Diario personale

Non ci sono più le sagre di una volta!

Da Lospecchioelafinestra

Non ci sono più le sagre di una volta!Qualche sera fa ho deciso di visitare la sagra del mio paese. Abito lì da 10 anni ma non ci sono mai stata, non so perché,   non c’è una motivazione precisa, semplicemente non c'è mai stata l'occasione  favorevole. Quest’anno, incuriosita dal fatto che tutti ne parlavano, percependo un po’ di fermento intorno all’evento, ho deciso di farci un salto con i miei figli. Le mie aspettative erano tutte orientate al cibo e al divertimento all’aria aperta per i miei bambini, quindi, fornita di scarpette da ginnastica, buona volontà e una bottiglietta d’acqua, mi sono incamminata. Non potevo immaginare che accanto alla carne alla brace e all’orchestra di liscio avrei trovato una postazione finemente addobbata per ospitare diverse playstation, un mega camion con cinema 6D e una giostra gonfiabile di quelle che vanno tanto di moda oggi, dove lasci i figli e li riprendi sfiniti dopo qualche ora. La mia sorpresa  ha lasciato posto un po’alla volta al mio disorientamento, i bambini intorno a me erano sempre più coinvolti dai giochini elettronici e dalla loro busta di patatine fritte piuttosto che dall’interagire l’un l’altro. C'era un campo di calcio,  un pony e qualche cavallo all’aria aperta, ma  il loro interesse era tutto per queste postazioni elettroniche dalle quali diventava sempre più difficile staccarsi…
E allora mi sono chiesta:  è possibile mai che  anche queste antiche occasioni di convivialità  hanno bisogno di  tecnologia, elettronica, e gonfiabili?
Non voglio sembrare radicale, né voglio appellarmi a tutti quegli studi che confermano le potenziali difficoltà dei bambini che trascorrono troppo tempo (più di 2 ore al giorno) davanti a tv/playstation. I miei figli guardano la tv ogni tanto e non voglio demonizzare  questo strumento di comunicazione di massa così diffuso: i bambini devono poter sperimentare quello che li circonda. Ma ogni cosa ha il suo posto! Non capisco infatti il bisogno di attribuire, anche alle sagre paesane, una connotazione moderna e tecnologica che smorza allegria e interazione sociale.
Non ho mai pensato di regalare ai miei figli una playstation per Natale, so come andrebbe a finire, ore e ore senza staccarsi mai dall'aggeggio, ricercando soddisfazione e gratificazione da un pulsante e un manubrio. Adoro troppo invece quando i miei figli giocano e litigano insieme, perché è proprio in quel momento, proprio in quell’istante in cui io non ne posso più e li vorrei zitti e buoni  a rassicurare la mia stanchezza, loro stanno imparando quell’arte, preziosa e costruttiva, che tanto gli servirà da grandi nella vita di tutti i giorni: l’arte di gestire le proprie relazioni.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Se non mi sbaglio

    sbaglio

    Allora, se non mi sbaglio, ci dovrebbe essere un cavatappi. Un cavatappi? Un cavatappi, sì. Avete mai visto un cavatappi? Un cavatappi. Leggere il seguito

    Da  Tuttavitarobi
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Quello che non

    Quello

    rimpiango non è la sfacciata giovinezza del corpo, dimenticata da sempre, ché mi dava tormento e mi costringeva a nascondere e camuffare – da giovani non ci si... Leggere il seguito

    Da  Mizaar
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • Non serve a un cazzo!

    Chiedo venia per il titolo, ma come si suol dire, quando ce vo, ce vo!Una mattina ti svegli e ti rendi conto che tutto ciò che hai fatto nella tua vita non serv... Leggere il seguito

    Da  Writergioia
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Non dimentichiamoci di loro:mai!

    Il computer stamane ha fatto qualche bizza puramente tecnica. Ringrazio i miei attenti follwers, solo quelli che mi amano di più, particolarmente attenti ed... Leggere il seguito

    Da  Gattolona1964
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, RACCONTI, TALENTI
  • Non era questa...

    questa...

    Non era questa la vita che sognavo, non era certo questo l'amore che credevo. Deluso, disfatto, rassegnato ad un fallimento ineluttabile. Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • I conti che non tornano

    Le parole a volte non tornano. Un po’ come i conti. Ma se un errore di numeri e calcoli, rivedendolo, poi si può cancellare, le parole mi spieghi come fai a... Leggere il seguito

    Da  Lupussinefabula
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Non parlarmi. Non ti sento.

    parlarmi. sento.

    Alla soglia dei 47 anni forse sto riuscendo a correggere un grave difetto che mi porto da sempre. Son soddisfazioni!Ma procediamo con ordine. Sono sempre stata... Leggere il seguito

    Da  Pdc
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Dossier Paperblog