Magazine

Non è una tedesca!

Creato il 07 febbraio 2015 da Symbel

Non è una tedesca!

Sicuramente avrete visto la pubblicità in cui Claudia Schiffer, che mentre si appresta ad affrontare una salita in un parcheggio a bordo di un’auto, viene fermata da un’avvenente garagista che si propone di aiutarla, ma lei fa capire che non ha bisogno di aiuto perchè deve soltanto premere un bottone.

Simpatica o antipatica, è una scena più o meno comune simile a quelle di altri spot, quello che però non è comune è una dichiarazione ai limiti della truffa che fa da liet motiv della pubblicità : “E’ una tedesca!”

Purtroppo quello che la Schiffer non sa, e che probabilmente non sapranno molti dei consumatori che vedono quello spot, è che quella macchina, la Opel Mokka, di tedesco ha ben poco: ha di tedesco giusto l’origine del marchio con cui è commercializzata, dalla filiale europea di una casa americana (la General Motors), che l’ha progettata e costruita nei suoi stabilimenti in Corea a Incheon, dove condivide produzione , motori e gran parte dei componenti con la gemella a marchio Chevrolet, la Trax.

Non sto dicendo che la macchina sia brutta, inaffidabile o non meritevole di essere acquistata, ma non ditemi bugie, quella macchina non è tedesca come si vuole far credere, come se il fatto che provenga dalle lande teutoniche sia motivo di orgoglio.

Sebbene i tedeschi producano certamente buone auto non sono  migliori di francesi, italiani, inglesi, giapponesi, americani, etc. e non è certamente la provenienza a decretare che una macchina sia migliore della concorrenza, anzi…

Ma se poi andiamo ad analizzare un po meglio scopriremo che tanti marchi tedeschi di successo producono le loro auto di successo al di fuori della Germania: la vostra Audi probabilmente è stata prodotta in Spagna o in Repubblica Ceca, la vostra Mercedes in Ungheria, la vostra BMW negli Stati Uniti, la vostra Volkswagen in Messico, la vostra Opel in Polonia, la Porsche in Slovacchia,etc.

Infatti spesso la produzione non segue più la nazione di provenienza del marchio, ma questo vale per tutte le auto, non solo quelle tedesche, e spesso pure la progettazione è demandata allo stabilimento remoto  o a dei centri di ricerca globale situati in un paese differente da quello di origine del marchio.

Daltronde è l’effetto della globalizzazione, cosa ormai nota, per questo non prendeteci in giro dicendo che quell’auto (ma la cosa vale per qualsiasi altro prodotto) è tedesca: è soltanto un’auto!!

Brian Boitano (redattore)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :