Magazine Cultura

Non si può ancora morire

Creato il 29 settembre 2011 da Lucas
Si tratta di uomini?Sì.Di che tipo?Normali: uomini, donne.Cosa hanno da raccontare?Fatiche.Di che genere?Di vivere, capisci.Capisco, infatti.Sai, infatti, a volte, la vita non si scioglie, non fila via liscia, come acqua di fiume, anche se poi arriva in fondo, alla foce, lo stesso.Cosa c'è in queste vite che non fila liscio?Sentimenti - e non solo. Mali, soprattutto. Quelli che decidono da soli dove colpire così perché hanno deciso di farlo. Uno pensa sempre di avere la propria vita in pugno.Uno pensa sempre che la sua vita sia qualcosa di cui lui ha potere.Ma esistono poteri che hanno più poteri sulla tua vita di quanto tu ne abbia anche se ne sei, a parole, proprietario.Beneficiario.Maleficiario.Cazzo, perché a volte il tuo corpo si fa prendere d'assalto dal male, da quello stronzo di cancro così anche se non te l'aspetti, chi se lo aspetta in fondo, ma nessuno, così, perché si vive, tocca morire, ma perché quelle cellule non ti hanno bussato alla porta dicendoti, guarda noi colpiamo lì perché abbiamo fame di corpo, e il tuo è adatto e perché è adatto, è atto, e allora prendilo e fai di me quello che vuoi sia fatto, io mi metto lì a disposizione, per fortuna i medici, lo studio, i farmaci, le cure, le luci, i cari, i cani, i tuoi ricordi di bambino in cui facevi qualcosa che ti ricordi solo ora, sono momenti precisi, lacrime, lenzuola bagnate, mi piscio addosso, ho bisogno di orinare ma non posso orinare, i tubi, le mani di chi sono quelle  mani non sono mai le mani di chi vorrei vicino ora che non posso più fuggire, sono stanco, sono stanca, potessimo staccarci dalla vita coi corpi che diventano sassi e li vedi i sassi che durano anche se ci passano sopra i carrarmati russi, non piangere, non ridere, non.Alzati.Sono alzato.Mi sembrava infatti, ma era un sogno.Non è vero, non è un sogno.Vorrei che lo fosse così domani andrò dal dottore a raccontarglielo.Ti vuoi far giudicare da loro.Non voglio farmi giudicare.Non esiste alcun giudizio valido.Io quando la dentista mi levò il dente del giudizio non sentii niente e l'abbracciai piangendo dalla paura.Non era paura.Era che cosa?Era come se rinascessi, da un'altra donna.E dov'è quella donna, ora?Distesa, malata, pare dorma. Pare sogni.Io sono con lei.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pernacchie non monetine

    Pernacchie monetine

    Il popolo viola annuncia che oggi, ennesimo, probabile giorno della vergogna della Repubblica di Silvio, verranno tirate le monetine ai politici. Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Non abbiamo risposte

    Come può un capo minare la certezza dei fedeli?Minando le basi della sua fede. La risposta titubante di Benedetto XVI, insolita per un Pontefice, potrebbe dare... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Amore non ne avremo

    Amore avremo

    Nubi di fiato rappreso S’addensano sugli occhi In uno stanco scorrere Di ombre e ricordi: una festa, un frusciare di gonne, uno sguardo, due occhi di rugiada, u... Leggere il seguito

    Da  Malacarne_nonconunlamento
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Non è successo nulla

    "Non è successo nulla" è il titolo di un documentario che verrà proiettato il 28 maggio prossimo per ricordare la strage del 28 maggio 1974 in Piazza Loggia a... Leggere il seguito

    Da  Marcotoresini
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Non licet esse christianos?

    licet esse christianos?

    Proprio quando si credeva di averle sentite tutte veniamo a sapere che un’organizzazione di ricerca quotata come consulente speciale all’Onu ha proposto di... Leggere il seguito

    Da  Winged_zephiro
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • Non siamo dei Draghi

    siamo Draghi

    Viviamo in tempi deprimenti, ma basta un niente per farci gonfiare il petto. Così all’annuncio che anche la Germania dava il via libera a Draghi alla Bce, si è... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • No, non sono coeso

    sono coeso

    Berlusconi tace, i suoi balbettano perché non sano cosa dire, salvo allontanare da sé il senso di colpa. Ma in compenso sono le opposizioni che oggi, per un... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines