Magazine Opinioni

Norimberga 5 – 10 0ttobre – seconda parte

Da Loredana V. @lorysmart

Oltre ai banchetti dei wuerstel e dei Lebkuchen, ci sono anche quelli dei bretzel, panini tipici dalla forma intrecciata dei quali ho già scritto in altra occasione di un viaggio a Monaco.

http://ombradiunsorriso.wordpress.com/2012/10/26/viaggio-in-germania-seconda-parte-2/

 

Ad ogni mezzogiorno si può assistere al Carillon della Frauenkirche, la cattedrale cattolica, spettacolo che ha luogo fin dal lontano 1509, anno della sua costruzione. Sette statue, rappresentanti i principi elettori ( il duca di Sassonia, il conte del palatinato, il margravio di Brandeburgo, gli arcivescovi di Colonia, Treviri e Magonza e il re di Boemia) rendono omaggio e si inchinano in segno di sottomissione ed obbedienza, all’Imperatore Carlo IV che, con l’emanazione della Bolla d’Oro nel 1356, obbligava i regnanti appena eletti a presiedere la prima riunione a Norimberga. Dopo i dodici rintocchi, iniziano a suonare i trombettieri ed i tamburi, quindi inizia il giro dei sette principi (Maennleilaufen).

All’interno, alte navate gotiche e pregevoli opere in legno policromo

20141009_134732

20141009_133710
20141009_133914
20141009_134420
20141009_133801
20141009_133819
20141009_134023
20141009_134059
20141009_134203

Questo invece è il frontale della Lorenzkirche, principale chiesa per il culto evangelico-luterano

20141006_133130

Non si può dire di aver visto Norimberga se non si è saliti al Castello: posto su una piccola altura, è il punto più elevato di tutta la città.

 

20141008_110930

20141008_112431

È l’edificio più antico, essendo stato costruito nel 1039 come residenza dell’Imperatore, ma nel 1400 circa assunse funzioni quasi esclusivamente militari. Soltamente le stanze erano spoglie, ma all’annuncio dell’arrivo dell’imperatore (der Kaiser kommt!), i cittadini, per lo più ricchi borghesi,facevano a gara per arredare le stanze. In un’ala distaccata, si trova il Germanische Museum, dove sono esposti arazzim, armi, mobili, mentre nel cortile d’ingresso c’è il Tiefer Brunnen, un pozzo profondo una cinquantina di metri.

20141008_111921

20141008_111908

Dal castello si dipartono le mura che cingono la città, con i sovrastanti camminamenti.

20141006_142628

20141006_142645
20141007_140605

20141008_162151

Da lassù si possono vedere degli operai intenti a riparare uno dei tipici tetti spioventi (ho notato che nessuno di loro portata le necessarie attrezzature per la sicurezza…)

20141008_112732

Altre case tipiche sono le Fachwerkhaeuser, quelle con i caratteristici graticci di legno, comuni a tante aree tedesche.

20141006_141618
20141006_142326
20141007_161019

20141006_141731
Spesso agli angoli si possono trovare piccoli capitelli contenenti statue di santi, madonne o rappresentanti arti e mestieri,

20141006_133518
mentre altre case sono decorate con grandi affreschi. come questo, sulla parete dell’equivalente della nostra camera di commercio.

camera di commercio norimberga

(immagine presa da internet)

20141006_140354

E qui, alcuni scorci lungo il fiume che attraversa la città o in altri luoghi

20141006_134015
20141006_140704
20141006_152412
20141007_143506

20141007_143828
20141007_143524
20141008_113523

20141007_161727
20141007_161355
20141007_161412
20141006_134403
20141006_134455
20141006_112433
20141006_112319
20141006_112348
20141006_112444



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines