Magazine Politica

Oh mio dio!

Creato il 19 aprile 2010 da Pierrebarilli

OH MIO DIO! Colpito da questo esercito di credenti che cristianamente fanno di tutto per finire nel loro inferno, sto leggendo  "Perché dobbiamo dirci cristiani" di Marcello Pera (ed. Mondadori). Già, perché dovremmo dirci cristiani?  Siamo liberali, e perciò non c’è bisogno di rivolgersi al cristianesimo per giustificare i nostri diritti e libertà fondamentali. Siamo laici, e perciò possiamo considerare le fedi religiose come credenze private. Siamo moderni, e perciò crediamo che l’uomo debba farsi da sé, senza bisogno di guide che non derivino dalla sua propria ragione. Senza contare il resto. In Europa  dobbiamo evitare di dividerci menzionando il cristianesimo fra le radici dell’identità europea. Nel mondo stanno rinascendo guerre di religione, e dunque dobbiamo evitare di accendere altri focolai. In casa nostra stiamo integrando milioni di islamici, e dunque non possiamo chiedere conversioni di massa al cristianesimo. E così via. In questo libro Marcello Pera, che è un amico con il quale, tra gli anni che vanno dal 1990 al 1996, abbiamo politicamente lavorato -io facevo massa critica, lui teorizzava-per costruire le basi laiche e liberali di quel movimento che poi confluì in quello che  sarebbe diventato il partito di Forza Italia, passando per la "lista referendum" e l'esperienza de "i democratici", oggi  rifiuta tutti questi “perciò” e questi “dunque” con la sua posizione di laico e liberale che si rivolge al cristianesimo per chiedergli le ragioni della speranza. Non per esibire conversioni o illuminazioni o ravvedimenti, ma per indicare come si possa coltivare una fede (altra espressione appropriata non c’è) in valori e principi che caratterizzano la nostra civiltà, e riaffermare i capisaldi di una tradizione della quale siamo figli, con la quale siamo cresciuti, e senza la quale saremmo tutti più poveri. Contemporaneamente sto leggendo "Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)" di Piergiorgio Odifreddi (ed. Longanesi). Odifreddi, che non conosco e mi sta pure antipatico, sostiene che il Cristianesimo  ha costituito non la molla del pensiero democratico e scientifico europeo, bensì il freno che ne ha gravemente soffocato lo sviluppo. Il Cristianesimo in generale, e il Cattolicesimo in particolare, non sono (soltanto) fenomeni spirituali, ma interferiscono pesantemente nella vita civile di intere nazioni. L'anticlericalismo, oggi, è più una difesa della laicità dello Stato che un attacco alla religione della Chiesa. Odifreddi guida i lettori alla scoperta dei miti e delle superstizioni per dare alla Ragione ciò che è della Ragione.  Non bastasse, ho appena iniziato a leggere un bel libro intervista a Norman Mailer dal titolo "A proposito di Dio" (ed. Baldini Castoldi Dalai) dove, uno dei più grandi scrittori e puttanieri americani del Novecento, dice che il mondo è stato creato da un Dio Artista, che come tutti gli artisti spesso fallisce nel portare a compimento i suoi progetti. Ancora, per Mailer questo Dio  non è onnipotente e neppure completamente buono in un complesso miscuglio di bene e male dove Dio e l'uomo debbono collaborare per costruire un mondo più giusto   attraverso il riconoscimento della nostra unicità di essere in grado di ragionare e di decidere anche delle nostre vite, solo allora potremmo dirci, nel bene e nel male, completamente liberi. (Gli scongiuri sono d'obbligo). E' tardi, per mettermi a credere in Dio, però se un qualche Dio, o almeno un suo parente, mi regalasse un trecento voti di preferenza alle prossime elezioni amministrative, potrei persino dare in cambio la poltrona in vinile laccato di mia nonna in cariola... o almeno, promettergliela.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Come si vive senza Dio?

    Come vive senza Dio?

    Image via Wikipedia Ieri sera, mentre andavo a zonzo con amici, mi ha colpito una bancarella tutta gialla con varie scritte nere della UAAR. Leggere il seguito

    Da  Rickyiotti
    RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Dio è gratis

    gratis

    Così hanno sintetizzato alcuni giornali tra cui La Stampa le parole del Papa. Verrebbe scontata la battuta che in effetti così è ed è la Chiesa che in realtà... Leggere il seguito

    Da  Mcg
    RELIGIONE, SOCIETÀ
  • § Alla ricerca di dio §

    Alla ricerca

    Il Times pubblica alcuni stralci del nuovo libro di Hawking in cui il famoso scienziato afferma che non c'è bisogno di ipotizzare l'esistenza di una... Leggere il seguito

    Da  Faith
    ATTUALITÀ, RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Il mio Dio è il più fico

    fico

    Le religioni sono tante quanti sono tanti i loro dei, alcuni volano, sputano fuoco, hanno 5 teste , altri perfino sono ritenuti onnipotenti e possono fare quell... Leggere il seguito

    Da  Zarizin
    RELIGIONE, SOCIETÀ
  • «Non abbastanza prove, Dio»

    «Non abbastanza prove, Dio»

    John Loftus è un ex-predicatore protestante divenuto ateo. Ha conseguito tre lauree in Filosofia della Religione e argomenti simili e ha una laurea in Teologia. Leggere il seguito

    Da  Andream
    ALTRO LIBRI, CULTURA, LIBRI, RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Il Dio dell'amore...

    dell'amore...

    Il Dio dell'amore ordina che chi viola il sabato sia lapidato a morte (Numeri 15:32-36):32 Mentre i figli d'Israele erano nel deserto, trovarono un uomo che... Leggere il seguito

    Da  Andream
    CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ
  • La vera immagine di dio

    , che è comunione d’amore personale, non è né il monaco né il prete celibe e neppure il papa, ma è la coppia umana che vive di un amore reciproco così intenso d... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    SOCIETÀ

COMMENTI (1)

Da  Renzomazzetti
Inviato il 20 aprile a 07:05
Segnala un abuso

Seneca: Esistono diritti non scritti, ma più sicuri che tutti gli scritti.