Magazine Ecologia e Ambiente

Oltre i confini del Parco

Creato il 13 ottobre 2011 da Progettiambiente

Oltre i confini del ParcoConfini, limiti, linee e poligoni sono la materia prima per chiunque si occupi di sistemi informativi territoriali (GIS) e, più in generale, di geografia. Cosa succede però quando i confini, spesso solo amministrativi e politici, si scontrano con la realtà dei processi ecologici? Questa domanda sintetizza una delle principali sfide che deve affrontare chiunque si occupi di conservazione della natura.

All’origine di ogni area protetta vi è sempre un processo decisionale che riguarda la definizione dei suoi confini e, seppur il più accurato possibile, questo procedimento porterà inevitabilmente a porre qualche risorsa ecologica a cavallo tra due condizioni: protetta all’interno del parco e sottoposta alle influenze antropiche all’esterno. Per fare un esempio pensiamo ai fiumi, e più in particolare al fiume Yellowstone lo scorso Luglio: cosa sarebbe successo se la fuoriuscita di petrolio dall’oleodotto della Exxon Mobil fosse avvenuta a monte anziché a valle del fiume? Una sciagura per le risorse del primo parco nazionale della storia.

Greater Yellowstone Ecosystem

Pensare ad una scala più ampia è quindi la chiave per una maggior tutela degli ecosistemi, protetti grazie all’istituzione di parchi naturali e riserve ma inevitabilmente in contatto con ciò che accade all’esterno. Buffer zones e corridoi ecologici sono forse la principale risposta a questa problematica, le prime sono in poche parole delle zone “cuscinetto” sottoposte ad un grado di tutela inferiore ma che garantisce un passaggio graduale da uno tipo di gestione del territorio ad un altro; i secondi invece sono delle vere e proprie aree protette istituite con l’obiettivo di connettere tra loro altre riserve già esistenti, in modo tale da contrastare il fenomeno della frammentazione degli ambienti naturali, principale minaccia agli ecosistemi soprattutto nelle zone altamente urbanizzate.

L’urbanizzazione non è certo un problema nei dintorni del Parco di Yellowstone, dove la maggior parte del territorio è posseduto dallo Stato sotto forma di parchi e National Forests e dove lo sviluppo degli insediamenti è decisamente di tipo rurale, caratterizzato quindi da un impatto sulla natura limitato. Anche qui tuttavia la gestione delle risorse del parco si scontra spesso con le dinamiche esterne, basti pensare ad esempio ai problemi che sorgono durante la lunga stagione invernale, quando molti bufali e cervi si spostano nella relativamente calda Paradise Valley, a nord ovest del parco, dove non sono protetti ed entrano in contatto con il bestiame degli allevamenti. La risposta del National Park Service, l’organismo statale che gestisce tutti Parchi e le Riserve nazionali degli Stati Uniti si chiama NPScape, un progetto volto a fornire dati e informazioni riguardanti le dinamiche che si verificano alla scala del paesaggio, inteso come insieme di fenomeni naturali e antropici. Grazie a questo progetto ogni parco ha a disposizione un set di dati, mappe e informazioni che riguardano ad esempio l’uso del suolo, l’impatto delle vie di comunicazione o la copertura vegetazionale, per un’area più ampia rispetto ai suoi confini in modo da includere anche habitat chiave situati al di fuori del parco. Due sono i principali effetti positivi che questo progetto spera di stimolare: il primo è una migliore gestione delle risorse all’interno dei parchi, alla luce di una maggiore conoscenza di ciò che accade all’esterno, il secondo è la sensibilizzazione degli amministratori locali ad una gestione del territorio maggiormente integrata con quella attuata all’interno dei parchi.

NPScape è quindi uno dei tanti esempi di come si possa “fare Ambiente” imparando a conoscere meglio il paesaggio, non certo sinonimo di panorama ma frutto complesso dell’interazione tra società e ambiente.

Autore: Margherita Cisani


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Sunset sul parco

    Sunset parco

    Central Park e' bellissimo, visto dall'alto lo e' ancora di piu'. E cosi', dopo averlo ammirato a colazione, l'altra mattina, dal 35esimo piano del Mandarin... Leggere il seguito

    Da  S
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Parco eolico, Concilium va avanti

    Parco eolico, Concilium avanti

    Concilium S.p.A. ha consegnato presso il Dipartimento Ambiente, Territorio e Infrastrutture della Provincia di Alessandria i documenti finali per il progetto... Leggere il seguito

    Da  Lapulceonline
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Il parco della musica

    parco della musica

    foto. A.AtzoriPare sia officiale: il 7 maggio sarà inaugurato il Parco della Musica. Un altro grande angolo della città di Cagliari è stato completamente... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Inaugurazione del parco

    Inaugurazione parco

    Apprendiamo dall’Unione Sarda del 1.05.2011 che il 7 maggio alle 11, si inaugurerà il PARCO DELLA MUSICA anche se le nuove strutture produttive ed essenziali ch... Leggere il seguito

    Da  Nonzittitelarte
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Parco e polemiche

    Parco polemiche

    Non si placano le polemiche legate al Parco della Musica che si sta per inaugurare a Cagliari.Chi lo gestirà? Chi sarà colui che il giorno 8 maggio aprirà al... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Pellegrini e il parco

    Pellegrini parco

    Lo sfogo del componente della giunta comunale «Escluso dal nuovo parco» Pellegrini: l’assessorato alla Cultura non è stato coinvolto Giovedì 05 maggio... Leggere il seguito

    Da  Nonzittitelarte
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Inaugurazione del Parco della Musica!

    Inaugurazione Parco della Musica!

    sabato 7 maggio 2011 ingresso libero dalle 11, in successione fino alle 13 Ingresso via Sant’Alenixedda (vicino piazza Giovanni XXIII) CERIMONIA... Leggere il seguito

    Da  Nenet
    MUSICA