Magazine Diario personale

Omaggio a STIG DAGERMAN: "L'uomo che ama", poesia postuma.

Creato il 07 aprile 2011 da Zioscriba


L’uomo che ama trova una conchiglia sulla spiaggia. Quando la porta all’orecchio non sente né il mare né il vento né gli angeli, ma la sua stessa voce che canta: Ti amo. Non ha mai udito niente di così bello.
Su un’altra spiaggia giacciono tutti gli uomini addormentati. Qualcuno cammina lentamente sulla spiaggia, li solleva uno per uno, se li porta all’orecchio e rimane in ascolto. In alcuni uomini-conchiglia sente un abbaiare di cani, in altri un lontano ruggire di tigri o colpi di martello, in altri ancora un pesante rombare di macchine. Ma in una conchiglia echeggia il grido di un pesce. E’ questo il suono dell’uomo che ama quando qualcuno se lo porta all’orecchio. Se i pianeti potessero amare uscirebbero dalle loro orbite e sarebbe il caos. La sopravvivenza dell’universo è garantita dal fatto che l’amore è impossibile. Anche l’uomo che ama ha il presentimento che l’amore sia fratello della morte. Ma questo non gli impedisce, lui prigioniero della sua orbita, di aprirsi una breccia fino alla cella del vicino, gridando di gioia: Sono libero!
da Il viaggiatore, Iperborea, Milano, 1991
Stig Dagerman, amato fratello nella scrittura, svedese, suicida nel 1954 a soli 31 anni, al culmine della fama e del successo. Oltre allo splendido libro di racconti Il viaggiatore, che caldamente consiglio, le sue opere tradotte in italiano sono lo scritto breve Il nostro bisogno di consolazione (Iperborea, 1991), il reportage sul dopoguerra Autunno tedesco (Il Quadrante, 1987) e i quasi introvabili romanzi Il serpente, L’isola dei condannati, Ragazzo bruciato e Pene di nozze. “Anarchico viscerale incapace di accontentarsi di verità ricevute”, dice di lui l’editore nella quarta di copertina, “Dagerman appartiene alla famiglia dei Kafka e dei Camus, dei ribelli alla condizione umana.”


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Omaggio a Mandelbrot

    Come tutti quelli che hanno praticato un minimo di matematica e/o di informatica nella loro vita, anche io ho subito in gioventù la fascinazione delle... Leggere il seguito

    Da  Fantasceslong
    SCIENZE, SCIENZE ESATTE
  • Omaggio a Phil Stern

    Omaggio Phil Stern

    La fondazione Forma per la fotografia (http://www.formafoto.it/) a Milano è diventato luogo interessante per le molte mostre che propone durante l’arco... Leggere il seguito

    Da  Alboino
    ARTE, CULTURA, FOTOGRAFIA
  • Omaggio a Giorgio De Chirico

    Omaggio Giorgio Chirico

    Vista Arte e Comunicazione Roma – Colosseo – via Ostilia, 41OMAGGIO A GIORGIO DE CHIRICO mostra personale di NATASCHA AUENHAMMER 30 ottobre – 12 novembre... Leggere il seguito

    Da  Fasterboy
    ARTE, CULTURA
  • Omaggio a luchino visconti

    Omaggio luchino visconti

    "Sono venuto al mondo nel giorno dei defunti per una coincidenza che rimarrà sempre scandalosa, in ritardo di ventiquattro ore forse sulla festività dei santi.... Leggere il seguito

    Da  Cetoniadorata
    CINEMA, CULTURA
  • Omaggio a: margaret lee

    Omaggio margaret

    Margaret Lee, nome d’arte di Margaret Gwendolyn Box (Wolverhampton, 4 agosto 1943), è un’attrice britannica che è stata attiva nel cinema italiano... Leggere il seguito

    Da  Close2me
    CINEMA, CULTURA
  • Omaggio al teatro, alla musica, alla poesia

    Omaggio teatro, alla musica, poesia

    Fare teatro è imparare a vivere e chi impara a vivere, insegna a vivere bene anche agli altri… Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • Omaggio ad Emily e all’autunno…

    Omaggio Emily all’autunno…

    AUTUNNO Sono più miti le mattine E più scure diventano le noci E le bacche hanno un viso più rotondo, La rosa non è più nella città. L'acero indossa una... Leggere il seguito

    Da  Lettera Psy
    CREAZIONI, HOBBY, LIFESTYLE