Magazine Attualità

Papa Francesco sale sul pullman e paga il conto dell’albergo: panico a Montecitorio.

Creato il 15 marzo 2013 da Rosebudgiornalismo @RosebudGiornali

alemannodal nostro inviato a Roma. “È scandaloso, digiamolo” ha commentato ieri sera, facendosi portavoce di un malcontento trasversale tra i colleghi, l’onorevole Ignazio La Russa, già Ministro della Difesa del IV governo Berlusconi, non appena si è diffusa la notizia che il nuovo Papa Francesco, l’argentino Jorge Mario Bergoglio, avrebbe viaggiato su un pullman come un cittadino qualunque e avrebbe pagato il conto dell’albergo dove alloggiava durante la sua permanenza a Roma.

Prima di salire sulla sua potente auto blu e muovere in direzione di Arcore, La Russa ha invitato il sindaco della città eterna, Gianni Alemanno, a una sdretta nella concessione dei permessi di soggiorno agli immigrati extra-comunitari e ha rilanciato l’idea di un “esame di ammissione” che permetta di salvaguardare i “nostri valori culturali e linguistici, digiamolo”. “Non siamo qui a pettinar cardinali” gli ha fatto eco il Segretario PD quasi-forse-non-si-sa-dipende futuro Presidente del consiglio italiano, Pier Luigi Bersani, dando ad intendere – o così abbiamo interpretato – che almeno la colazione-mattutina di Papa Francesco sarebbe dovuta gravare sul bilancio del Vaticano, onde evitare il rischio che anche la carriera ecclesiastica diventi privilegio dei ricchi.

“Pirl!” è stato invece il laconico commento di un anonimo esponente leghista fresco di laurea in Argentina. Dal canto suo, l’M5S, attraverso un suo comunicato in streaming, un tweet di Casaleggio e una scoreggia di Dario Fo, ha fatto sapere che Jose Mario Bergoglio non è un attivista e che non è mai stato autorizzato da Beppe Grillo a prendere una simile iniziativa, pertanto è da ritenersi a tutti gli effetti fuori dal movimento.

Featured image, Gianni Alemanno in Piazza San Pietro mentre intento ad attuare “la sdretta” richiesta da La Russa.

 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog