Magazine Media e Comunicazione

Patrizio Roversi insegna storia in TV

Creato il 05 settembre 2010 da Ilsegnocheresta By Loretta Dalola

Patrizio Roversi insegna storia in TVSimpatico e accattivante modo di acculturare i telespettatori, prendendo spunto dalla vita quotidiana Patrizio Roversi si diverte a raccontare l’origine, l’evoluzione e il funzionamento degli oggetti d’uso comune.  Dalla moka per il caffè al motore a scoppio, dalla lavatrice al telefonino, l’ironico conduttore accompagna il pubblico di History Channel, in un vero e proprio viaggio nel tempo alla scoperta dell’affascinante quanto inaspettata storia di molti oggetti di uso quotidiano.

 

Partendo dalla consuetudine e dalla familiarità delle cose di casa, Roversi si imbatte in una storia diversa per ogni episodio. Ed ecco che la sua curiosità si accende e comincia a interrogarsi sul come e perché, ma anche e  soprattutto sul quando è nato ogni singolo oggetto.

Patrizio Roversi insegna storia in TV
E partendo dal suo motto: Tutto fa storia lo troviamo alle prese con l’episodio dal titolo: “Questione di caratteri – Il libro” , all’interno di un negozio di informatica Patrizio guarda affascinato un moderno ebook, l’ultimo anello dell’evoluzione del libro, ovvero il libro elettronico o meglio il formato elettronico e/o digitale di un libro. Si tratta quindi di un file consultabile su computer, telefonini di ultima generazione, palmari ed appositi lettori digitali.

Ma  andiamo per gradi, per arrivare a tanto bisogna fare un salto nel tempo e arrivare alle origini di due grandi invenzioni che hanno cambiato la storia: scrittura e carta.

La carta come la conosciamo noi deve attendere il 1200,  prima  in India su foglie di palma, in Cina sulla seta, in Grecia e a Roma su cocci e tavolette di legno ricoperte di vernice bianca cosparse di cera e rilegate da anelli metallici, i codici, appunto da caudex, “tronco d’albero”.

Poi il  papiro, molto diffuso nel mondo antico, usato in rotoli dagli egizi fin dal III millennio a.c. e la pergamena, detta anche “carta pecora” perchè prodotta con pelli di pecora, di capra o di

Patrizio Roversi insegna storia in TV
vitello.

Ed eccoci in Italia a Fabriano dove inventano il foglio impermeabile e resistente alla  fine del XIII secolo, di qualità migliore, più economica e soprattutto benedetta dal Papa. I mastri cartai usavano il riciclo degli stracci, macerati nella calce viva, sminuzzati, tritati, schiacciati dai magli che li trasformavano in poltiglia, passati la setaccio, appoggiati sul modulo, torchiati e appesi ad asciugare, Ed ecco prendere vita un foglio di carta fragile al quale la genialità italiana aggiunse la gelatina animale per renderla liscia, levigata ma soprattutto resistente e pronta ad essere trasformata in cultura.

Grazie alla stampa, nel ’400 il tedesco Gutenberg inventa il torchio e i caratteri mobili che danno il via alla comunicazione di massa.

Patrizio Roversi insegna storia in TV
La carta stampata è stata il miglior strumento di espressione e informazione nell’universo della comunicazione. La sua evoluzione nei secoli ha permesso di rafforzare la sua costante vocazione: unire popoli e pensieri di ogni etnia, razza o religione, suscitando emozioni e stimolando la creatività in ognuno di noi.

Grazie a questa straordinaria invenzione, lo scibile umano è stato accessibile a una gamma più ampia di lettori contribuendo a cambiare radicalmente il modo di fruire e interpretare la società.

Patrizio Roversi insegna storia in TV
Le generazioni successive hanno potuto creare il proprio futuro basandosi sui risultati che le precedenti sono riuscite ad ottenere e ne hanno fatto un punto di riferimento che influenza tutt’oggi le persone a cui si rivolge, garanzia di pluralismo, che fa della credibilità e della trasparenza i propri capisaldi, riuscendo a influenzare e orientare le opinioni della società.

Trovarsi di fronte alla parola stampata, significa vivere un’esperienza sinestetica dove i sensi  s’ incontrano e si fondono. Ed ecco allora che la vista assume un’importanza vitale per l’apprendimento delle informazioni. Ma chi ha difetti deve ricorrere a strumenti che aiutano a correggere le  imperfezioni della vista.

“Vederci lontano – Gli occhiali” . Fino al 1200  chi non vedeva bene si affidava alla magia o alla richiesta di miracoli, col tempo pesanti discriminazioni hanno pesato sui malcapitati: “quattrocchi” e “intellettuali”, ma tornando al passato più lontano, gli abbassamenti della vista erano molto difficili da superare, mancavano cognizioni e materiali.

Patrizio Roversi insegna storia in TV
Bisogna attendere il 1200 per le prime lenti correttive, ottenute dal berillo, dal cristallo e dal vetro che iniziano a sfruttare la legge fisica della rifrazione. In principio gli occhiali erano uno strumento d’elite, costosi e usati principalmente da monaci e dotti. Con l’espansione geografica del XII secolo gli occhiali si diffondono in tutta Europa. Li vendono perfino gli ambulanti per strada. Nel 1600 si affermano gli occhiali da cappello o da parrucca.

Ma un altro problema deve aspettare il tempo per essere risolto: le stanghette.

Fino ad allora era la mano ad appoggiare al volto  al momento del bisogno l’occhiale. Nell’Ottocento, invece gli occhiali da naso vengono  tenuti fermi da pince-nez, gli stringinaso.
E’ sempre nell’Ottocento, però, che il sistema delle stanghette si perfeziona. inventando un accessorio rivoluzionario, le stanghette curve che si  appoggiano  alle orecch

Patrizio Roversi insegna storia in TV
ie e consentono una vita quasi normale.

Con la rivoluzione industriale la produzione diventa su larga scala e lo studio di nuovi materiale come al celluloide da il via all’oggetto di moda.

Roversi di volta in volta  incontra  esperti e collezionisti.  Prova ad utilizzare e far funzionare gli antenati dei moderni protagonisti delle sue ricerche al fine di comprendere al meglio come sarebbe la nostra vita se non fossero mai stati inventati.

Insomma da Angela a Giacobbo per arrivare a Roversi e al suo tutto fa storia

Visualizza altro:http://www.historychannel.it/tuttofastoria/oggetti/occhiali – http://www.historychannel.it/tuttofastoria/oggetti/carta

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Nasce Google tv

    Nasce Google

    Google vuole sempre di più. E dopo aver stravolto le modalità di accesso all’informazione online, vuole lanciarsi anche nell’entertainment con Google Tv. Leggere il seguito

    Da  Bitmag
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TELEVISIONE
  • La Tv se fosse Dio

    fosse

    Spesso, mentre guardo la televisione, penso ad altro. Qualche sera fa però non guardavo la televisione. In casa mia era in corso una conversazione fra più... Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TELEVISIONE
  • The Event, la serie TV

    Event, serie

    È in arrivo la nuova serie di telefilm statunitensi The Event. Il primo episodio sarà trasmesso il 20 di questo mese negli USA, mentre da noi, sulla scia di que... Leggere il seguito

    Da  Leragazze
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SERIE TV, TELEVISIONE
  • Micro Web Tv

    Micro

    foto: flickr Piccole, piccolissime, anzi micro. Puntano la telecamera nei paesi trascurati, sull’Appennino o al centro delle isole, ma anche nei quartieri... Leggere il seguito

    Da  Promptpc
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TELEVISIONE
  • Tv 6-10 anni

    6-10 anni

    Lavorando a scuola non mi è stato difficile fare un indagine su cosa guardano i bambini di questa età. Devo subito mettere in evidenza due aspetti, uno... Leggere il seguito

    Da  Biancheggiando
    BAMBINI, MEDIA E COMUNICAZIONE, TELEVISIONE
  • Che cos’è la Tv oggi?

    cos’è oggi?

    La tv rappresenta oggi, la più potente forma di manipolazione mentale della storia? Essa ha finito per assumere un ruolo dominante all’interno della vita delle... Leggere il seguito

    Da  Ilsegnocheresta By Loretta Dalola
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TELEVISIONE
  • Sara Scazzi, parla la Tv

    Sara Scazzi, parla

    L’attenzione mediatica si concentra unanime su un fatto di cronaca imprevisto e improvviso e siamo coinvolti e travolti dall’ondata emotiva. Leggere il seguito

    Da  Ilsegnocheresta By Loretta Dalola
    ATTUALITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ, TELEVISIONE