Magazine Diario personale

Pazzi per la spesa

Da Anarchicolfanonima
Care lettrici e cari lettori, oggi vi voglio parlare di un programma trasmesso su Real time: Pazzi per la spesa.

Si tratta di uno show che mostra delle persone vere che, raccogliendo centinaia/migliaia di coupon (buoni sconto) su prodotti da supermercato, riescono a fare la spesa spendendo NULLA o pochissimi dollari.Lo show è americano.Ed è assolutamente vero. Ve lo confermo appieno, perché quando abitavo negli USA anch'io a volte ho usato dei coupon.Non subito però, perché io vengo dall'Italia… quindi geneticamente nata con il sospetto che qualcuno cerchi sempre di incularti. Già, all'inizio della mia avventura americana io credevo che, sotto sti’ coupon, ci fosse la solita fregatura, tipo che ti fanno lo sconto di 1 dollaro sullo spazzolino da denti ma poi devi acquistare 27 dentifrici, o che ti regalano un etto di pancetta perché è scaduta una settimana fa, o che arrivi alla cassa e la cassiera ti dice che lo sconto è terminato ieri o… ventisette altre famose chiavate all'italiana che conosciamo tutti benissimo (e non fate gli offesi, che non bisogna offendersi, bisogna incazzarsi, understand?).E INVECE NO!E’ proprio tutto come si vede nello show. Lo giuro sul mio ex marito americano (ahahahah), che all'inizio tormentavo per farmi spiegare come diavolo funzionasse il gioco e lui tutte le volte mi rispondeva sempre allo stesso modo: “Tu dai il coupon alla cassiera e hai il prodotto gratis” e poi dopo la centesima volta urlava sfinito: ”IT’S SIMPLE AND FREE”!Azz… facile e gratis… anvedi, ma davero?E così è stato. Sempre. Tutte le volte e ovunque abbia fatto questo gioco couponoso. Niente raggiri. Mai.Funziona così:1) nel quotidiano locale, la domenica prevalentemente, è inserito un catalogo (sì, 100 pagine, non 2 foglietti), con tutti i coupon da ritagliare e consegnare al supermercato che vuoi tu, con indicato lo sconto e la scadenza dell’offerta (sempre mooolto ampia), dei prodotti selezionati2) in aggiunta, spesso i coupon sono pure raddoppiabili, significa che se avevi uno sconto, ad es. di 1 dollaro, ora diventa magicamente di 23) se questo non bastasse ancora, se nello stesso periodo il super che hai scelto fa, a sua volta, uno sconto sullo stesso prodotto, GLI SCONTI SI ACCUMULANO!! Sempre, in tutti i super, senza esclusioni. Sìììììììììììììììì, applausi!!!! (No, non c’è scritto dietro il coupon, in microscopico e con l’inchiostro simpatico: promozione non cumulabile… ho già controllato io, the Italian malfident)Il risultato di questo sconto su sconto, è che ti ritrovi con i prodotti gratis. E qualche super va addirittura oltre: se i tuoi coupon/sconti superano il prezzo dell’articolo scelto, ti danno un buono spesa con la differenza o, Udite UDite UDIte UDITe UDITE: ti danno INDIETRO I SOLDI della differenza!!!!!!!! Svenite pure.Naturalmente più coupon hai e più articoli gratis hai.Già, perché non troverete il cartello elettrificato e urlante: “Max 2 panettoni Lotta scontati (di ben 0,30 centesimi) a cliente”. No, non lo troverete, perché non ci sono limiti quantitativi, potete prenderne quanti cavolo ne volete. E se il super, per caso, non ha in quel momento tutti i 97 panettoni Lotta che volete, VE LI PROCURERA’ e vi avviserà quando arriveranno (max una settimana), o, se preferite voi, vi darà qualcosa di QUALITA’ SUPERIORE, ma allo stesso prezzo dello schifo di panettone Lotta che avevate scelto.Certo raccogliere tanti coupon richiede del tempo. Infatti sono quasi tutte casalinghe che lo fanno. Ma direi che lavorare 20 ore settimanali (cioè un part-time lavorativo) per accumulare coupon in modo da fare una spesa settimanale di 600 dollari spendendone solo 1.35… io ci starei. (questo è uno dei casi visti in TV).Praticamente è come guadagnare uno stipendio (italiano) doppio extra full-time, lavorando le ore di un part-time, e pure da casa.Pensate al vantaggio di una mamma casalinga: di fatto è come se guadagnasse TANTI soldi, ma restando a casa e potendo così seguire i suoi bimbi senza il costo di una baby sitter o asilo, o il costo dei mezzi per andare al lavoro, o il costo del pranzo ingurgitato nella pausa pranzo o il costo del vedere il muso del capufficio.Le couponiste serie, con questo metodo, si fanno dispense di svariate migliaia di dollari, spendendone un centesimo (ne ho vista una che aveva una dispensa da 10.000 dollari e ne aveva spesi solo 300!).Naturalmente poi, quando gli articoli sono davvero troppi, le couponiste organizzano degli scambi e dei baratti tra di loro o tra amici.Altri couponisti invece lo fanno per beneficenza, cioè donano i prodotti avuti gratis ad associazioni di gente bisognosa, enti, ecc…Certo tutto questo succede in quel paese sempre più impoverito, con gli stipendi da 1.000 euro al mese (o all’anno se sei colf) e gli affitti da 700, pieno di disoccupati ed esodati, di aziende che chiudono e di cinquantenni in cassa dis-integrazione che è l’America.Ah no…E se provassimo anche noi la politica dei buoni sconto cumulabili? Magari si riuscirebbe a smuovere un pochino quest’economia inchiodata da anni, facendo, almeno sui prodotti di prima necessità, degli sconti frequenti, continuativi e IMPORTANTI (cioè dal 50% in su… lo sconto del 10% in USA non è considerato sconto, ma presa per il culo. Infatti non esiste) …

E’ un’idea soltanto ovviamente, di una come tante, che non ha alcun potere decisionale su nessuna economia. Ma almeno un’idea ce l’ha. E pure gratis!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pazzi, ubriachi e russi

    Pazzi, ubriachi russi

    Pasqua e' un evento importante. I miei adorabili studenti e i loro amici undergrad quest'anno l'hanno celebrata in modo un po' speciale. Leggere il seguito

    Da  Giupy
    DIARIO PERSONALE, ITALIANI NEL MONDO, TALENTI
  • Pazzi per la spesa – La mia mania del weekend

    Pazzi spesa mania weekend

    Nuovo fine settimana alle porte. Le belle giornate, seppur caratterizzate dal freddo acuto, rendono l’ultimo giorno lavorativo più leggero, lasciando buone... Leggere il seguito

    Da  Russell81
    ATTUALITÀ, DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Solo i pazzi vedono i pazzi

    Le pantofole strascicate sul pavimento, quei piedi anziani affaticati dal tempo non reagivano bene ai comandi del cervello. Il corpo possente, avvolto nella... Leggere il seguito

    Da  Chiara Lorenzetti
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Questi che combattono contro le unioni civili sono pazzi.

    “Faccio una proposta: separiamoci tutti. Se lo Stato dovesse dare una valenza pubblica alle unioni di persone dello stesso sesso, se addirittura dovesse... Leggere il seguito

    Da  Cristiana
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI
  • Comprare e vendere l'usato: Craigslist & garage sale.

    Tra un mese esatto io e la mia famiglia ci trasferiremo in Texas e in queste settimane siamo immersi nei preparativi. Avendo venduto casa a Buffalo e avendo... Leggere il seguito

    Da  Mel.
    DIARIO PERSONALE, MATERNITÀ, TALENTI
  • Inaugurale

    E poi, a un certo punto, molto semplicemente, le luci sulla grande rincorsa si spengono. Finiscono i gruppi di studio, le riunioni in sala informatica, per... Leggere il seguito

    Da  Povna
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, SCUOLA
  • Estate ORIGINale

    Estate ORIGINale

    Ecco, ci risiamo.Come ogni anno, fin dai tempi delle elementari, la fine delle lezioni e l'inizio della stagione estiva mi destabilizza. Leggere il seguito

    Da  Doppiogeffer
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI, UNIVERSITÀ