Magazine Politica Italia

Per il popolo palestinese, verso il 30 novembre

Creato il 08 novembre 2013 da Gctorino
Per il popolo palestinese, verso il 30 novembreCar* Compagn*,
si apre il percorso dei Giovani Comunisti di Torino verso il corteo del 30 novembre in solidarietà della resistenza palestinese.Il coordinamento torinese per l'evento, che ci vede partecipi, ha adottato una linea d'intervento tutta orizzontale che ci sembra molto efficace: in questo modo la diffusione del messaggio e dei propositi della manifestazione del 30 novembre sarà maggiore e ci permetterà di scendere in piazza numerosi e determinati.Così anche noi cerchiamo di fare la nostra parte e vi invitiamo a partecipare numerosi all'apericena organizzata al Circolo Libertini di via Arezzo 1 per lunedì 11 novembre.Programma della serata:
  • ore 19.30- presentazione del corteo del 30 novembre da parte di Samir, Comitato per la solidarietà al Popolo palestinese Torino, e Sofia Scarano, Mai complici d'Israele;
  • ore 20.00- apericena di raccolta fondi per la costruzione di un asilo nido a Gaza intitolato a Vittorio Arrigoni promossa dall'Associazione Ghassan Kanafani. Proiezione presentazione del progetto e interviste di Arrigoni.
L'associazione Ghassan Kanafani si fa carico di un progetto educativo ambizioso e all'avanguardia, che promette di crescere la futura generazione di resistenti palestinesi con valori quali democrazia, laicismo, uguaglianza.Riportiamo qui uno stralcio del documento di presentazione da parte dell'Associazione Dima, che in Italia è il maggiore intermediario del progetto:"Il primo progetto sul quale intendiamo misurarci è quello della realizzazione di un asilo nella Striscia di Gaza, in collaborazione con l’associazione palestinese “Ghassan Kanafani”. Le parole dei compagni palestinesi chiariscono sia il contesto nel quale si colloca l’iniziativa, sia le sue caratteristiche e finalità:
“Nella striscia di Gaza in generale, e nei campi profughi in particolare, si vive in condizioni economiche, politiche e sociali molto difficili per vari motivi. I più importanti sono la continua aggressione israeliana, l’assedio e la chiusura, l’aumento della povertà e della disoccupazione, le divisioni interne palestinesi, ai quali si aggiunge la sofferenza più grande, quella che riguarda l’arretramento dei valori democratici e di progresso tra la popolazione di Gaza e tra i giovani in modo particolare.
E’ evidente l’influenza negativa su bambini e donne delle condizioni politiche, economiche e sociali, di fronte alle quali tante forze politiche e sociali si impegnano per affrontarle e per permettere al popolo palestinese di resistere e di continuare la sua lotta per la libertà e l’indipendenza.
Siamo convinti che, per rafforzare la resistenza del nostro popolo per affrontare l’occupazione in modo valido, si dovrebbero rafforzare gli indirizzi democratici e il progresso nella società palestinese, e siamo convinti della centralità e dell’importanza dell’ educazione, della democrazia e del progresso.
Per questo l’associazione “Ghassan Kanafani” organizza molte attività di servizi per i bambini palestinesi nella striscia di Gaza e tra queste attività dirige un numero di asili (scuole materne), visto che nella striscia di Gaza gli asili privati hanno un costo altissimo in confronto alla disponibilità economica delle classi povere ed emarginate della popolazione.
Per questo l’associazione “Ghassan Kanafani” organizza questi servizi a costi irrisori”.
E proprio per questi motivi abbiamo deciso di collaborare con l’associazione “Ghassan Kanafani” e di intitolare l’asilo che insieme realizzeremo a Khan Younis al nostro amico e compagno Vittorio Arrigoni" 
Per chi non potesse partecipare alla serata, segnaliamo che: 


Le donazioni possono essere effettuate sul conto corrente bancario 5000 1000 65881 di Banca Prossima S.p.A., intestato a “Associazione Dima”, codice IBAN IT83 Q033 5901 6001 0000 0065 881, oppure on line con carta di credito o prepagata dal sito www.freedomflotilla.it, cliccando sull’icona “Donate” e seguendo le istruzioni. Per info: [email protected]

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog