Magazine Cinema

Piccola Patria - Alessandro Rossetto 2013

Creato il 14 maggio 2014 da Tano61
Luisa e Renata lavorano in un grande hotel nel nord-est Piccola Patria - Alessandro Rossetto  2013come cameriere. Per arrotondare si dedicano ad altre
pratiche…Per il sottoscritto è un dovere recensire questo film. Essendo io un compaesano del gruppo canoro I Crodaioli parte fondamentale della colonna sonora. Entusiasmante l'incipit del film con la visione aerea del paesaggio veneto con la canzone L'acqua xè morta, che sottolinea l'incoerente dispersione del tessuto agricolo-urbano. Rossetto mette insieme un noir coi fiocchi, e lo fa dove e nato e cresciuto, il profondo veneto laborioso, credente e contraddittorio. Ma la storia potrebbe parlare di qualsiasi posto, tanto i temi sono universali e lapidari ormai. Nessuna remora o sconto per nessuno da vero contemporaneo, il regista costruisce per immagini, e se in apparenza sembra dilatare la storia. La storia non ci sarebbe senza una dilatazione così pregnante. Uno stile tutto suo che è già un marchio di fabbrica, fermo, deciso senza fronzoli e coinvolgente. La scelta di relegare i dialoghi all'essenziale e prediligere i particolari e le inquadrature quasi stantie sulle piccole o grandi miserie umane. Un tessuto umano xenofobo, becero, superficiale da provincia universale (potremmo essere in Texas, in una qualsiasi provincia Russa, in Francia o da qualsiasi altra parte)..In realtà ci parla del Veneto ma è simile a qualsiasi altro posto. A lui interessa "mostrare" in funzione ad una storia, antropologicamente da dove nasce, da che tessuto scaturisce. E lo fa magnificamente...Grande cinema, come se ne vede poco ultimamente.
6 Stelle

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines