Magazine Cinema

Pif

Creato il 08 dicembre 2013 da Alejo90
-La mafia uccide solo d'estate (2013) - 3/5
Pif (1972), italiano, è famoso come giornalista e conduttore tv. In ambito cinematografico ha lavorato ai film Un tè con Mussolini e I cento passi, ed ha esordito alla regia nel 2013.
-La mafia uccide solo d'estate
Italia 2013 - docufiction - 90min.
Vita di Arturo a Palermo fra gli anni 70 e 90: l'innocenza dell'infanzia e la terribile violenza dello stragismo mafioso. L'amore per la compagna di classe e la costante presenza della morte che aleggia sulla città.
Il film ha uno stile che richiama il format da real tv del suo show televisivo Il testimone. La regia di Pif però ccostituisce un approccio innovativo al genere trattato, ovvero il film di mafia: nessun altro film che tratta questo argomento ha (avuto i lcoraggio di) costruire una messinscena e dusare un registro non eslcusivamente drammatico; anzi, Pif fa grande uso dell commedia e della comicità (con risultati, va detto, altalenanti), ed in questo modo i frammenti di repertorio che msotrano il sangue, i cadaveri delle vittime degli attentati acquistano una forza impressionante. Qualche lungaggine nella prima parte lasciano il psoto ad una maggior coesione nella second ametà, quando Pif diventa anche interprete del film, e sorregge quanto resta del fil msulle sue spalle: la scrittura del film infatti è incerta, non è in grado di restituire un ritratto biografico credibile del protagonista (estremamente forzate le coincidenze di episodi importanti della sua vita con altrettanto eccellenti omicidi di mafia). Ciò che colpisce favorevolmente insomma, al di là del risultato, è proprio la ricerca dal punto di vista del linguaggio, che epr un esordiente non è affatto cosa scontata, specie nel nostro cinema.
Un esordio nteressante e da rispettare.
Voto: 3/5

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazines