Magazine Società

Post della terza legge di Newton

Creato il 23 giugno 2010 da Olineg

Torno al web dopo essere vissuto a un trasloco, e a un comodino del 40, probabilmente arteriosclerotico, che la notte del 21 ha cercato di uccidermi. Torno al web il giorno in cui si è celebrata una grottesca farsa catalogata nella rubrica democrazia, mi riferisco al referendum tra i lavoratori di Pomigliano, ma se fossi stato un operaio della Fiat, magari con una famiglia a carico, io avrei votato, e avrei votato sì: è come puntare la pistola alla tempia a uno e chiedergli se preferisce che venga premuto il grilletto oppure che gli venga tagliata una mano, secondo voi la maggioranza degli “intervistati” cosa sceglierebbe? Via il diritto di sciopero, straordinari obbligatori con conseguenti turni massacranti, peggiorati dallo spostamento della pausa pranzo a fine turno e sospensione dei contributi durante la malattia. Prove generali per un colpo di stato del padronato sulla dignità umana della classe lavoratrice. Ma nella società, come in fisica, ad ogni azione equivale una reazione uguale e contraria; la violenza genera violenza, in forme diverse e modi differenti, anni di piombo docet. E far scegliere un lavoratore tra licenziamento e sfruttamento, tra la pallottola in testa e la mannaia sul polso, altro non è che violenza, bella e buona, soprattutto se dopo l’umiliazione arriva dall’azienda un ripensamento, un capriccio dovuto forse al mancato raggiungimento di un quorum che non avevano comunicato a nessuno,  la delusione per non aver avuto un plebiscito, come quei ragazzini al parco che portavano via il pallone se perdevano, avvalendosi della proprietà privata della sfera. Ma dicevo che sono tornato al web, e la mia personalità digitale probabilmente tende a drammatizzare le cose, quindi la pianto qui e dedico un video a tutti coloro che vogliono raccogliere tale dedica, si tratta di “Vincenzina e la fabbrica”, canzone di un autore a mio parere sottovalutato e già più volte citato in questo blog; Enzo Jannacci. Ho scelto il video con l’esecuzione meno interessante, con un audio disastroso, ma l’emozione che vibra nella voce del cantautore nella presentazione, vale qualsiasi virtuosismo tecnico o artificio sonoro. La canzone è il tema dello struggente “Romanzo Popolare” di Mario Monicelli, approfitto per una curiosità; pochi lo sanno, o lo ricordano, ma Jannacci nel 75, per un’altra canzone-filmica, ovvero la celebre “Quelli che”, ha avuto una nomination all’Oscar per la  miglior colonna sonora, con il film di Lina Wertmuller “Pasqualino Settebellezze”. Ma tornando al cinema da fabbrica, non si può, oggi, non ricordare il capolavoro di Elio Petri, “La classe operaia va in paradiso”. (Sulla questione Pomigliano leggi anche qui)

Post della terza legge di Newton


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Post elezioni

    Post elezioni

    Non si riesce a vincere, dove si sbaglia? Negli obiettivi, nel modo di parlare, nei mezzi da utilizzare? Nessuno deve disperarsi, perché di colpe ce ne sono... Leggere il seguito

    Da  Stifler84
    SOCIETÀ
  • Il centesimo post!

    centesimo post!

    TUTTO A C O L O R I !!! Leggere il seguito

    Da  Vilipendio
    SOCIETÀ
  • Post estivo

    Post estivo

    Clamoroso scoop di Viva la Satira: Fabrizio Corona lascerà di nuovo Belen per Romina e Debora, le ragazze di Ostia a tutta “bira”. Leggere il seguito

    Da  Wlasatira
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Uno scalcinato post

    Non chiederci la parola che squadri da ogni lato l'animo nostro informe, e a lettere di fuocolo dichiari e risplenda come un crocoperduto in mezzo a un polveros... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Notizie post sbornia

    Notizie post sbornia

    Quasi sei milioni di spettatori per Miss Italia. per fortuna gli altri 54 milioni facevano altro. Sophia Loren incorona Francesca, la nuova Miss Italia e poi... Leggere il seguito

    Da  Coffy23
    SOCIETÀ
  • N.B. al post precedente

    Questa nota è per chiunque abbia letto il post precedente con inserita la foto di un noto colluttorio. Mi scuso per l'ingenuità ma ci tengo a precisare che... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • SUNDAY POST. Macerie italiane

    SUNDAY POST. Macerie italiane

    Una nazione che non tutela il patrimonio artistico e culturale è senza futuro perché non distrugge solo la sua memoria ma fugge soprattutto da se stessa.... Leggere il seguito

    Da  Massimoconsorti
    SOCIETÀ

Magazine