Magazine Famiglia

Povera Italia!

Da Pattyadozionebambini

Eccomi qua… non sono sparita, no.

E’ da molto che non scrivo, è vero.

Diciamo che in questi due mesi, dopo una pausa forzata per assenza di collegamento, mi sono persa nel web… Navigando qua e là senza meta, oziando su Facebook, ma soprattutto tenendo d’occhio le sorti della nostra cara, vecchia Italia.

La nostra Italia che solo sei mesi fa abbiamo festeggiato per i suoi 150 anni, e che adesso è sull’orlo dell’abisso.

Devo dire che in questi due mesi ho proprio preso coscienza del degenerarsi della situazione, del pantano in cui siamo immersi… Ho preso coscienza del fatto che è ora di svegliarsi, di fare qualcosa tutti insieme, di protestare, di ribellarsi a questo stato di cose.

E’ ora di rovesciare questa classe politica che ci ha portato sull’orlo del baratro. Tutti, indistintamente, di destra e di sinistra.

Perchè ormai non è più una questione di destra o di sinistra, è una questione di moralità e di buongoverno che tutti i politici indistintamente hanno dimostrato di non poterci offrire.

E allora tutti a casa!

O vogliamo veramente lasciar distruggere questa Italia che i nostri padri e i nostri nonni hanno costruito col sangue e col sudore?

Dobbiamo fare qualcosa! Lo dobbiamo fare, se non per noi, almeno per i nostri figli. E’ impensabile di poterli crescere bene in una società così marcia, dove vince il più furbo ed è più bravo chi riesce a rubare di più.

E purtroppo di questo se ne accorgono anche i bambini.

La scorsa settimana Number2, chiaccherando con me sulle passate vacanze, mi ha chiesto quando avremmo potuto andare  in Colombia.

Solito cose già dette e ripetute altre volte: “Vedi, per andare in Colombia ci vogliono tanti soldini, ci impegnamo a risparmiarli e vedrai che quando sarete più grandi magari riusciamo a andare…”

Ma questa volta è la risposta di mio figlio che mi ha scioccato: “Sì, però forse è meglio che quando andiamo, poi rimaniamo tutti giù in Colombia, perchè qui in Italia… con tutti i casini che ci sono…”

Parole di un bambino di unidici anni!

CondividiAggiungi su OkNotizie

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Fabbrica Italia

    Fabbrica Italia

    via Big PicturesIo sono convinto che certe immagini rendano merito al made in Italy più di cento Uma Thurman. Ma non ditelo a Bossi, altrimenti cambia idea e... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Questura Italia

    Questura Italia

    Una macchina per le fotocopie. Accetta monete ma non da 1 euro.Una macchina cambiasoldi. Dà solo monete da 1 euro.***Suora: ... e organizzano pellegrinaggi,... Leggere il seguito

    Da  Ilpescatorediperle
    SOCIETÀ
  • Indignados Italia

    Fonte: https://www.facebook.com/home.php?sk=group_212769328743424Avete visto cosa sta succedendo in Spagna? la gente si rivolta pacificamente.. i giovani in... Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • POVERA ITALIA : URGE T.S.O. ( Trattamento Sanitario Obbligatorio )

    Assistendo all'ultimo penoso e surreale monologo di Berlusconi al G8, i Paesi della 'primavera araba', a cui il vertice era dedicato, avranno pensato 'povera... Leggere il seguito

    Da  Andrea21948
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Italia 1.5

    Italia

    Ci sono tanti aspetti che si possono valutare il giorno dopo le elezioni amministrative 2011, per molti il Giorno 1, il primo del nuovo anno zero, che chiude... Leggere il seguito

    Da  Alesan
    SOCIETÀ
  • Macerata, Italia

    Macerata, Italia

    Noi pubblico caprone, noi gregge che altro non aspetta che essere condotto, guardavamo per nostra congenita grossolanità alle vittorie di Giuliano Pisapia a... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    SOCIETÀ
  • Italia sì, Italia no

    Italia

    Tutti oramai sanno che domenica e lunedì si svolgeranno "le operazioni di votazione per quattro referendum popolari".La mia opinione circa il contenuto... Leggere il seguito

    Da  Ilpescatorediperle
    POLITICA ITALIA, SOCIETÀ