Magazine Salute e Benessere

Problemi di colecisti? Una dieta aiuta, prima e dopo

Creato il 19 agosto 2012 da Chiaramarina

Problemi di colecisti? Una dieta aiuta, prima e dopo

dieta colecisti. Perché è importante.

Ci credereste che il 15% della popolazione mondiale ha problemi di colecisti? Eppure è proprio così! La cistifellea (o colecisti), piccolo organo piriforme che si trova sotto il fegato, è una piccola sacca piriforme che raccoglie la bile dal fegato e, attraverso un condotto (coledoco), la svuota nel duodeno. A cosa serve la bile? Ad aiutare la digestione dei grassi. Purtroppo, l’alimentazione sempre più ricca di colesterolo dei Paesi sviluppati, causa il cattivo funzionamento della colecisti o la formazione al suo interno di calcoli (calcolosi biliare) che spesso rendono necessaria la colecistectomia, ossia, la rimozione chirurgica dell’organo.

dieta colecisti: prevenire è meglio che curare

Prima di arrivare a questo rimedio estremo, però, alle prime avvisaglie di cattivo funzionamento della cistifellea sarebbe opportuno seguire un regime alimentare appropriato. Come deve essere una dieta per la colecistite? Ipocalorica, povera di grassi e di proteine animali che impediscono il corretto funzionamento della funzionalità biliare. Mangiare poco e spesso, è la regola base. Poi bisogna evitare fritti, grassi e zuccheri e prediligere pane e pasta integrale; riso; fette biscottate; latte scremato; yogurt magro; formaggi e salumi magri (bresaola prosciutto crudo sgrassato); carne bianca; pesce; verdura fresca cotta o cruda; frutta di stagione. Se poi alla dieta per aiutare la colecisti a funzionare meglio si abbina anche una leggera attività fisica si potrà impedire anche l’eventuale formazione della sabbia renale.

Nei casi più gravi, ovviamente, la terapia chirurgica diventa necessaria. L’intervento di colecistectomia, che oggi si fa in laparoscopia, di solito non compromette la digestione, ma sopprime l’attività di raccolta della bile che passa direttamente nell’intestino in maggiori quantità. Questo, soprattutto nella prima fase, può provocare qualche disturbo (diarrea, mal di stomaco).

dieta colecisti da seguire dopo l’intervento

Dopo l’intervento di colecistectomia, quindi, è consigliabile rinunciare ad alimenti che irritano (caffè, spezie, alcolici, grassi cotti, fritti, formaggi e salumi grassi, burro e margarina, uova e frutta secca). Mentre sono sempre consigliati gli alimenti ricchi di fibre (verdura e frutta) e le proteine digeribili (pesce e carne bianca).  Passata la fase iniziale, gradatamente si potrà tornare a un’alimentazione normale. In ogni caso è saggio evitare sempre gli abusi alimentari e farsi aiutare da un medico per affiancare alla dieta integratori alimentari atti a depurare o stimolare il fegato.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :