Magazine Cultura

Quando il lettore pensa: Ci vorrebbe un editor

Da Marcofre

Premessa, che sarebbe inutile perché è già nel titolo del post. Sono un lettore e basta. Però sto leggendo “Il bosco delle volpi” di Arto Paasilinna, e i primi tre capitoli non mi hanno convinto per niente.
Mi secca scriverlo, ma è così.

C’è questo gangster finlandese che organizza un furto di lingotti d’oro in arrivo dall’Australia nel porto di Oslo. Ne affida l’esecuzione a 2 (due?) banditi che riescono nell’intento.

Scappano con le casse, e siccome la polizia tarda a organizzare l’inseguimento (?) alcuni lingotti sono gettati nel fosso lungo la strada (tutto avviene di notte), dove il gangster finlandese, zaino in spalla, ne recupera alcuni. Gli esecutori sono poi arrestati, condannati, alcuni lingotti non sono più trovati…

Anni dopo uno dei due viene rilasciato per buona condotta, ma il gangster riesce a liberarsene organizzando una trappola che lo rimanderà in prigione (non vuole spartire l’oro con nessuno). Anche l’altro, un omicida, viene quindi rimesso in libertà, ma il gangster recupera i lingotti, e se la batte in Finlandia.

A me Paasilinna è piaciuto parecchio ne “L’anno della lepre”. Però a parer mio qui il motore fatica a fare il suo lavoro. L’ironia è potente, ma pericolosa, e se non è sostenuta da un intreccio un po’ credibile, va a farsi benedire tutto. La rapina di un carico d’oro non può essere affidata a due persone; anche se l’intento di Paasilinna sembra quello di mettere alla berlina i norvegesi, considerati un poco lenti a carburare da svedesi e finlandesi.

La polizia si limita a perquisire ogni tanto l’abitazione del gangster (costui va a trovare i suoi due complici in galera), ed evita di seguirlo, pedinarlo, mettere sotto controllo telefono e via discorrendo. Mentre lo leggevo, pensavo: fa acqua, ci vuole un editor.

Ma è un errore in cui spesso si precipita senza nemmeno rendersene conto.

Hai un’idea, e ci lavori come una ruspa. Non badi a incongruenze, errori, disastri che combini scavando, spostando terra, e via discorrendo. Ti sembra talmente bella, e convincente, e forte, che non ti fermi affatto: ecco perché un editor può salvare una storia. Non lo sono, non lo sarò mai.

Però avrei consigliato al buon Paasilinna di gettare via i primi tre capitoli, iniziare dal quarto, irrobustire la storia con qualcosa di diverso (niente oro rubato: il gangster fa sparire una grossa somma proveniente dal traffico di droga, e appartenente a un grosso boss della mala. Scappa eccome nelle foreste della Finlandia!). Un po’ di sano flashback, e allora sì che l’ironia ci sguazza.

Il resto intanto, pare migliore. Vedremo. E buona festa della Repubblica.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ci risiamo

    risiamo

    E' tornata, la sottile agitazione.Quella che mi teneva insonne a guardare lo schermo spento del televisore.Quella di qualche anno fa. Quella di quando aprivi i... Leggere il seguito

    Da  Johakim
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Quando nasce ............

    Quando nasce ............

    PRIMA PUBBLICAZIONE 03 luglio 2010 clicca quiSenza rendermene conto ho esagerato. Quello che segue è un racconto che ho scritto volendo raccontare la nascita... Leggere il seguito

    Da  Guardiano
    FOTOGRAFIA, TALENTI
  • Laggente si offendono quando io ci dico che non è il mio ...

    Laggente si offendono quando io ci dico che non è il mio tipo. Ma che ci devo fare? Ci devo dire “Oh, ma che bel figliuolo! Sei proprio il mio tipo!” solo per... Leggere il seguito

    Da  Word3press
    TALENTI
  • Ci risiamo.....

    risiamo.....

    Il giorno dopo la notizia dell’ arresto di don Riccardo Seppia, il parroco della chiesa di Santo Spirito a Sestri Ponente, per violenza sessuale su minore e... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Quella volta al liceo quando ci fecero guardare 'I diari della motocicletta'

    Quella volta liceo quando fecero guardare diari della motocicletta'

    TIZIANO: L'America era un paese orribile agli occhi dei giovani come me. C'era già la guerra in Vietnam. L'America era tutto il contrario di quello che... Leggere il seguito

    Da  Monique
    CULTURA
  • Ci sono!!!

    sono!!!

    Impegni, lavoro e troppi concerti in giro per l'Italia....non sono fuggito dal mio blog, ma purtroppo il tempo è quelo che è, quindi vi chiedo un pò di pazienza... Leggere il seguito

    Da  Martelloide
    CULTURA, MUSICA
  • Ci credo

    Ci credo, ci credo senza condizioni, senza perchè. Coglierò da ogni fiore il cuore nascosto più prezioso. Coglierò da ogni attim... Leggere il seguito

    Da  Catesinclair
    POESIE, TALENTI