Magazine Società

Quando indosso la faccia del rancore

Creato il 09 maggio 2011 da Andreapomella

Quando indosso la faccia del rancoreVerso sera mi affaccio al balcone. La facciata del palazzo è ricoperta da un grosso ponteggio, enormi tubi d’acciaio penetrano fino al limite della finestra del soggiorno. Il ponteggio è protetto da una sottile rete verde a maglie fitte che filtra la luce del crepuscolo e rende l’aria simile a un colore post apocalittico. La domenica sera i rumori distorti della città imbolsita arrivano blandi. Ho appena smesso di scrivere, due pagine e mezzo oggi, è un bottino di cui non posso lamentarmi stando alle difficoltà incredibili che incontro ultimamente per reperire un attimo di pace e solitudine, di quelli necessari a trovare la giusta concentrazione per la scrittura. La mattina ho comprato dei tulipani. L’anziana signora che me li ha venduti si muoveva in quella specie di rimessa adibita a serra con tranquillità e sicurezza, senza sprecare un grammo di energia in più di quella che fosse richiesta dal suo lavoro. È una qualità cinetica che possiedono solo le donne di una certa età che compiono gli stessi gesti da una vita. I tulipani adesso giacciono in un vasetto bianco che fa bella mostra di sé da una mensola del soggiorno. Nel giro di pochi giorni la casa si è ristretta per via della ridotta mobilità delle mie gambe, costrette a un riposo forzato a seguito di un infortunio dovuto alla corsa. Ho un pensiero strano nella testa, da quando abito qui non ho visto da queste parti un solo ubriaco steso su un marciapiede. Il materialismo degli abitanti del quartiere degenerato in spietato cinismo riesce a far vergognare di sé perfino un ubriaco. Per un momento mi viene la tentazione raccapricciante di prendere una bottiglia qualsiasi, tra quelle che giacciono sparse in mezzo ai libri della mia biblioteca, e scendere in strada trascinandomi dietro la gamba malandata per andare a provocare questa società di conservatori giudiziosi e conformisti. Giusto qualche giorno fa si parlava dei miei complessi sociali, dell’eccessivo livore che nutro verso le classi dominanti. Mi guardo allo specchio. Nonostante tutto ho ancora un bell’aspetto quando indosso la faccia del rancore.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Quando un partito sapeva tutto

    Quando un partito sapeva tutto Lo sosteneva Enzo Biagi: anche a Nostro Signore non andò bene per uno su dodici. Non scandalizzano perciò i due onorevoli che... Leggere il seguito

    Da  Antonio_montanari
    SOCIETÀ
  • Quando...

    Easy listening...today.Ovvero....La rubrica del martedì...by Stima di danno"...per dirti che ti odio ancora..." :-D Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Quando l'intesa è bipartisan

    L'opposizione chiede una ispezione (per il pm troppo zelante su una centrale) e il ministro provvede con una ispezione.Succede alla pm di Rovigo Manuela... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Quando la sanità funziona

    Quando sanità funziona

    19 dicembre 2010 - Salve, la notte scorsa mi sono dovuta recare insieme alla mia piccola Alice di quasi tre anni al pronto soccorso dell'Ospedale Bambino Gesù d... Leggere il seguito

    Da  Simonaruffini
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Quando l’abito fa il monaco

    Quando l’abito monaco

    Se dovete prendere un aereo, soprattutto se siete in partenza dagli Stati Uniti, fate molta attenzione a come vi vestite. E non è la solita raccomandazione di... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    SOCIETÀ
  • Quando cala il sipario

    Quando cala sipario

    Si avvicinava di soppiatto nei perimetri degli improvvisati crocchi che si formano vicino al bancone di Brunin. Ordinava un caffè “basso e leggermente... Leggere il seguito

    Da  Alblog
    SOCIETÀ
  • Quando l'istante

    Cînd s-ar orpi secundaPăianjenul visării parc.ar sui cu fricăŞi ar călca, per firul nădejdilor întins,Care-şi destramă vîrful, per cît i se ridicăUn... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine