Magazine Società

Quando non riesco a scherzarci su

Creato il 02 febbraio 2011 da Unnemicoalgiorno

Cari lettori, vorrei condividere con voi dei pensieri che mi formicolano sulla punta delle dita da qualche tempo, anche se può darsi che alcuni punti sia difficile (talvolta lo è anche per me) tracciare una linea netta tra quelli seri e quelli che lo sembrano ma sono solo amari o sarcastici.

Non so se ha a che vedere con gli studi che conduco o più in generale con l’educazione che mi è stata impartita, o magari se hanno agito su di me il dispiacere e l’indignazione di assistere alla strabiliante metamorfosi, ma diciamo pure all’imbarbarimento, di persone che reputavo degne della mia stima e dunque del mio affetto (mai e poi mai sono riuscita a slegare il secondo dalla prima, purtroppo), fatto sta che in me coesistono e finora non hanno mai fatto a cazzotti la profonda sfiducia nel genere umano che vi sarà ormai ben nota e la ferma e incrollabile certezza che l’egualitarismo debba essere la pietra angolare di qualsiasi società che voglia definirsi civile. Da questa singolare coabitazione deriva l’innegabile verità che sì, io odio, ma non faccio del male a nessuno e soprattutto (è qui la sfida) odio tutti senza perdermi in sciocche distinzioni: per esempio, certamente detesto i nostalgici del Ventennio ma anche chi continua a tenere in piedi Lotta Comunista, e posso supportare quest’ultima idiosincrasia con la narrazione fedele di uno degli incontri sulla Cina a cui non ho avuto la prontezza di spirito di rifiutare di partecipare; a proposito di cinesi, mi stanno piuttosto antipatici ma non meno degli spagnoli e in generale di qualsiasi altra popolazione (con la considerevole eccezione dei francesi e soprattutto degli italiani, entrambi così inspiegabilmente inadeguati rispetto alle bellezze naturali, architettoniche e artistiche dei loro paesi); per quanto riguarda le religioni, mi sono tutte odiose in massimo grado in quanto ontologicamente liberticide e se ce n’è una che mi urta più delle altre questo dipende solo dal pervicace attaccamento del papato alla città eterna e dalla conseguente e sistematica intromissione del Vaticano nelle faccende politiche italiane, quindi anche mie. E si dà il caso che io riconosca a pochissimi soggetti, tra i quali il Vaticano non è di certo annoverato, il diritto di sindacare sulle mie faccende.

Ma sto divagando, mi sto allontanando troppo (e vi anticipo già da ora che sto montando tutta questa premessa perché il fatto che voglio raccontare occupa lo spazio di due righe). Tra le tante cose che detesto, volevo dire, c’è la Lega Nord. Non è solo la fortunata coincidenza che mi ha voluto posizionare su un gradino più alto della scala evolutiva rispetto, che so, a un Borghezio (ma credo che il giudizio si possa estendere a tutti coloro che partecipano, attivamente o passivamente, alla grande panzana della Padania libera) a dettare questo astio – e, tra parentesi, a farmi torcere le budella quando leggo di Gianfranco Miglio “ideologo della Lega Nord”, tanto i concetti di “idea” e “leghista” mi paiono mutualmente esclusivi. No, c’è dell’altro e ve lo spiego così: sono più che convinta che l’intolleranza verso gli intolleranti sia non solo legittima, ma un preciso dovere di chiunque conservi un briciolo di senno. Gli intolleranti sono pericolosi e vanno fermati senza pensarci due volte; non gli si deve permettere di lavare gli autobus in cui sono saliti degli immigrati o di prodursi in azioni razziste e lesive della dignità altrui. La decadenza è un processo, non un momento, e una volta che è stata permessa e sdoganata una barbarie ne arriverà una ancora peggiore, fino alle stelle sulle casacche o alle ordinanze contro i matrimoni misti.

E dal momento che quando dico che secondo me stiamo prendendo una direzione sbagliata e che questo non è il fascismo bensì Weimar mi ridono in faccia, ecco un episodio che mi è capitato oggi (bugia: mi è capitato ieri, ma non ho avuto il tempo di scriverlo e comunque sono ancora inferocita): stavo aspettando l’autobus insieme a un extracomunitario, presumibilmente un indiano o un pakistano, quando è passato un anziano con una bicicletta. Entrambi, sottolineo entrambi, abbiamo commesso il madornale errore di dedicargli un’occhiata di sfuggita ma solo l’extracomunitario ha suscitato nel passante un’ira spropositata, ricavandone il colorito invito a farsi “i cazzi suoi” e, per soprammercato, tornarsene da dov’è venuto. Ché questa è casa nostra, mica sua.

Questo sconosciuto signore, protagonista occasionale di uno di quei piccoli episodi di cui la nostra quotidianità e ormai ricca, è simbolicamente il mio nemico del giorno. A rappresentare tutti quelli come lui, chi li aizza e chi s’ingegna per porre basi politiche, giuridiche e financo morali all’odio verso il diverso. Io vi detesto senza curarmi dei facili sofismi che per questo mi vorrebbero uguale a voi, vi detesto e ne sono tanto fiera da scriverlo a chiare lettere.


Filed under: Cortesia portami via, Gente senza ritegno, Le mie battaglie perse, Nemici, Politica

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Quando si spara, si spara …

    … non si parla. Tuco Ramirez (quello vero) insegna. Infatti in Afghanistan nessuno parla nonostante quello che si sente in giro. In Afghanistan non si parla.... Leggere il seguito

    Da  Marissa1331
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Quando i conti non tornano

    Quando conti tornano

    Dopo il resoconto da Antigua, Milena Gabanelli ha provato a rifare i conti a Tremonti, il nostro mago della finanza. Alla fine scopriamo quello che sapevamo già... Leggere il seguito

    Da  Mdeconca
    SOCIETÀ
  • Da quando è morto Cossiga

    quando morto Cossiga

    Se Ruby è questa, e possiamo esserne certi perché si tratta di foto messe on line proprio da lei, dobbiamo ritenere che abbia due piccoli nei sulla guancia... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Quando lo dico io

    Ad agosto il sottoscritto ebbe la faccia tosta di chiedere a Fini cosa volesse fare da grande. Ieri a Perugia, più che in altre occasioni, Fini ha risposto in... Leggere il seguito

    Da  Fabio1983
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Quando si alza il vento

    Quando alza vento

    Andrea, oggi, si è guardato da molto, molto vicino, l’ombelico. Ogni tanto mi consolo, ascoltando questa: Se provi a aprire la finestra Capataz, e coi tuoi occh... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Quando l'Apocalisse slitta

    Quando l'Apocalisse slitta

    A volte basta un attimo per toglierti di dosso certezze granitiche. Basta sfogliare distrattamente un settimanale nella sala d'aspetto di un dentista. Leggere il seguito

    Da  Alblog
    SOCIETÀ
  • Quando non c'erano gli skill

    Ognuno ha le sue abilità. Chi parla sei lingue, chi maneggia la meccanica quantistica con la semplicità di un cacciavite, chi sa riparare un tubo che perde. Leggere il seguito

    Da  Desian
    FAMIGLIA, SOCIETÀ

Magazine