Magazine Politica

Re Mohammed VI, il Senso della Storia.

Creato il 26 marzo 2011 da Paolo

marzo 26, 2011 By Paolo

 

Re Mohammed VI, il Senso della Storia.
La classe politica marocchina, tutta, senza distinzioni, ha salutato le riforme annunciate da Mohammed VI nel suo discorso del 6 marzo. Come la più parte dei patners internazionali del reame. In politica, come in amore, l’anticipazione è sinonimo di longevità. Sorprendendo il suo popolo annunciando una riforma della Costituzione, il re Mohammed VI ha consolidato  il suo trono con lucidità. Questo discorso è stata la muraglia del suo reame, per scansare  l’onda rivoluzionaria che ha investito  l’anziano mondo arabo. “Storico”, “coraggioso”, “visionario”,, queste sono le parole usate per qualificare il discorso reale del 9 marzo scorso. La classe politica, la stampa ufficiale e indipendente, ma anche i cittadini, barbuti o baffuti, giovani e anziani, hanno salutato il Senso della Storia manifestato dal sovrano marocchino. Dopo aver visto passare il TGV tunisino e egiziano, Nicolas Sarkozy, personaggio politico che crea dubbi su alcuni, si è espresso con temini come “la chiaroveggenza” e la “saggezza” di “SAR Maestà”. Washington non ha tardato a felicitarsi, mentre Madrid sottolineava “la capacità di leadership” del figlio di Hassan II. Da fondale a tutto questo, con riserva  di mantenere le sue promesse,  il reale indirizzo non puo’ che far gioire i democratici sinceri.  La nuova Costituzione, che sarà sottomessa a referendum, “consacrerà”  la dimensione amazigh del popolo marocchino, “elargirà” le libertà pubbliche, “erigerà” la giustizia  marocchina, oggi sofferente, “a rango di potere indipendente” e validerà i principi di separazione dei poteri. Il Primo Ministro, dirigente del partito in testa alle elezioni legislative, sarà il vero “capo dell’esecutivo”, la vita pubblica sarà moralizzata e i “principi di regionalizzazione avanzata” dovranno permettere di risolvere l’equazione del Sahara occidentale. Tutto questo sarà inciso nel marmo. Queste promesse daranno termine allo  strano concetto della “monarchia esecutiva”, che  giustificava la concentrazione e la realtà dei poteri politici ed economici dietro le pesanti porte del Palazzo. Con riserva, ancora una volta, nelle sue declinazioni, questo programma dovrà soddisfare i democratici, chi ha da lungo tempo alzato la voce con il motto”Un re che regna e un Governo che governi”.  Tutto questo comporterà una iscrizione pacifica e naturale nel corso della Storia e nei processi di rinascita politica del mondo arabo. Gli slogans delle manifestazioni del 20 febbraio e 20 marzo, uguaglianza, democrazia, dignità, libertà, sono stati recepiti e la sindrome dell’autismo benalista ha risparmiato Rabat.  Il re ha voluto lanciare un messaggio forte e chiaro: “Vi  ho  capiti”.  Ma è anche nella forma che Mohammed VI  è riuscito nell’operazione di chirurgia democratica. Circondato da suo fratello, Moulay Rachid, e da suo figlio Hassan, con lo sfondo della bandiera nazionale, il sovrano si è indirizzato alla nazione con solennità, mentre tutta la Rabat politica era stordita dalle informazioni vaghe della reale iniziativa. Dimissioni del governo oramai scaduto di Abbas El Fassi? Fuoriuscita dei walis in serie? Nuove promesse di “sviluppo umano”? L’oligarchia economica del reame  e i dinosauri della classe politica  hanno fremuto prima di ascoltare il re, con la quasi-totalità dei quotidiani marocchini, vittime anche esse di blocchi sovietici. Hassan II aveva chiuso il cerchio di Franco con la Marcia Verde. Mohammed VI ha aperto quello della governanza araba del XX° secolo. Un figlio,  a volte, è  fedele “al talento” del padre, tralasciando il resto.

Credits: Jeune Afrique – Nicolas Marmiè – Rabat


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una senso a questa storia

    Come vi dicevo, mercoledì sera sono stato a Varese alla’assemblea dei segretari di Circolo della provincia. Tra le altre cose, si è discusso della relazione di... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Non ha senso

    senso

    di Giandiego Marigo Non ha senso che per una pagina di facebok, si mettano in dubbio onorabilità, curricula e passato di una persona. Sino alla sua buona fede. Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Ma che senso ha?

    senso

    Sul Foglio, viene pubblicata una lettera che il nostro premier ha mandato al direttore del giornale. Berlusconi è diventato vittima di se stesso. Leggere il seguito

    Da  Kris
    OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • Buon senso

    Un segnale di speranza ci giunge da Gressan. Il sindaco, Michel Martinet, ha detto no al polo scolastico unico: un progetto importante che ingesserebbe il... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Vi racconto…

    racconto…

    Ricordandovi che la prima presentazione di Tutta colpa di Miguel Bosé si tiene domenica 31 ottobre alle ore 18 presso il Circolo “Mario Mieli” in Roma (via Efes... Leggere il seguito

    Da  Anellidifum0
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Il senso di vergogna

    I carabinieri milanesi e i poliziotti romani, imbarazzati dal fare la scorta a politici e escort. Nel vedere macchinate di ragazze e personaggi equivoci... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • A senso unico

    Quest'estate, nei miei giri in cascina insieme ai bambini, ho conosciuto un manzo. Toro o bue, non sono andata ad indagare sulle sue capacità riproduttive. Leggere il seguito

    Da  Lanterna
    SOCIETÀ