Magazine Cinema

Review - Red

Creato il 05 novembre 2010 da Ludacri87
Review - RedReview - RedReview - Red
Sembrava impossibile fare di un fumetto di Warren Ellis un film che potesse soddisfare un'aspettativa commerciale tanto larga e con una spontaneità semplice, non aggrovigliata nella necessità di targettizzare l'opera. "Red", invece, è una boccata d'aria nel panorama dei film tratti da "graphic novel", perchè ha un impianto classico, tradizionale, corale, con il consueto retrogusto (ma parlerei proprio di un gusto a tutti gli effetti) per il sarcasmo e la capacità ironica. E' una pellicola che non mira a creare una nuova prospettiva, ma semplicemente ad intrattenere con gusto. La storia di un gruppo di ex-agenti della CIA, minacciati dalla politica ed inseriti in un blacklist da eliminare, è accattivante di per sè. Ma è la scrittura dei fratelli Hoeber a metterne in risalto i lati brillanti. In questo senso, la Mary-Louise Parker, suo malgrado integrata nella narrazione, è, con la lettura dei suoi libri da spy-story come massimo dell'adrenalina, il vero pesce fuor d'acqua, ma è inserito alla grande nella storia e il personaggio convince. Il resto del cast è fortemente personalizzato, con ruoli accattivanti e affiatamento visibile. Mai come in questo caso il film aveva bisogno di veterani della vecchia guarda cinematografica, e Morgan Freeman, Helen Mirren, John Malkovich e Bruce Willis sono perfetti. Ma ci sono anche Brian Cox e Richard Dreyfuss, altrettanto validi. Il film sembra una sorta di grande ritrovo, una gita scolastica di attori che mettono molto in gioco il loro lavoro e fanno della classe e dell'immediatezza comunicativa il tramite per raggiungere il pubblico. E' il cast, più che la regia di Robert Schwentke, il vero motore di un film che decolla. Non è perfetto, ma apprezzabile di certo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Review - 9

    Review

    "9" è un gioiellino. E' anche un film cupo, visionario, adulto, mostruoso, in cui la visione di un mondo sconvolto è molto dissimile da una visione pacificata,... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    ANIMAZIONE, CINEMA, CULTURA
  • Review - Boy

    Review

    Un piccolo film che è anche un film gigantesco. Se vi occorre un documentario-saggio sulla condizione infantile, spostatevi nel mondo di "Boy", detto anche... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Review -Mammuth

    Review -Mammuth

    "Mammuth" è un film difficile da valutare. Perchè è da inserire in un contesto cinematografico non prolifico. E' un prodotto atipico per la stessa... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Review - Carlos

    Review Carlos

    "Carlos" è un film gigantesco, il primo della carriera per Olivier Assayas. Non ci importa pensare che nei cinema sia arrivata una versione mutilata e... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Review - Buried

    Review Buried

    "Buried" è passato dal Sundance, sua sede naturale, alla ribalta nelle sale. Eppure, nonostante l'appeal del soggetto e l'ottimo riscontro critico, non ha... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    AVVENTURA / AZIONE, CINEMA, CULTURA
  • Review - Precious

    Review Precious

    Sono letteralmente esterrefatto. "Precious" è un film mediocre, strutturato come una puntata di una serie tv. Lo potremmo definire "Everybody hates Chris",... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • Review - Bal

    Review

    Ha vinto L'Orso d'Oro a Berlino ed è il candidato turco agli Oscar 2011. E' diretto da Semih Kaplanoğlu, che non è al suo esordio. "Bal", infatti, chiude la... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA