Magazine Cultura

Revival

Creato il 11 settembre 2012 da Zambo
Revival
L'anno di grazia di 2012 si è riempito a  sorpresa di dischi degli amati settantenni che furono la scena del rock, da Bob Dylan a Leonard Cohen, da Bruce Springsteen a Neil Young, da Ry Cooder a Van Morrison. Per tacere di "minori" come Little Feat, Bonnie Raitt, Dr. John.
Sono dischi anche decisamente buoni (alcuni più, altri meno) e spesso contengono anche qualche ottima canzone, come la lunghissima ballata folk di Tempest di Dylan. Ma sono inutili: non aggiungono nulla né all'ascoltatore né all'artista né alla musica rock. Se non li avessi ascoltati non mi sarei perso niente. Tutt'al più è revival, per usare un termine con cui nei '70 si definivano le canzoni di una volta, Elvis o Sha-na-na. Musica anacronistica, senza togliere nulla al suo diritto di esistere ed al nostro di ascoltarla. Ma la scena rock, se ancora esiste, non abita più qui. Il problema vero forse è che una scena rock non esiste più.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

A proposito dell'autore


Zambo 4218 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Magazines