Magazine Media e Comunicazione

Ricorda per sempre il 5 Novembre: V per vendetta

Creato il 05 novembre 2010 da Domenico Marotta
Ricorda per sempre il 5 Novembre: V per vendetta "Non vedo perchè di questo complotto nel tempo il ricordo andrebbe interrotto". Ecco, riflettiamo su questo pensiero arcano. Oggi è il 5 Novembre e non ho resistito: dovevo assolutamente parlare di questo capolavoro diretto da James McTeigue cinque anni fa, un film molto particolare tratto dalla graphic novel disegnata da David LLoyd e sceneggiata da uno dei più grandi autori di fumetti degli ultimi cinquant'anni: Sua Altezza Alan Moore (suo è anche il favoloso "Watchmen"). Le differenze tra film e fumetto sono molte e anche piuttosto sostanziali: in primo luogo nel film sono stati tolti alcuni personaggi e il regime totalitario che spadroneggia in inghilterra non è di origine fascista (i produttori credevano che un riferimento al fascismo diretto come nella graphic novel avrebbe portato un'ondata di proteste, inoltre la trama è stata leggermente modificata anche se i tratti principali sono stati conservati. Il risultato finale è più che soddisfacente: Natalie Portman, che interpreta Evey, è un'intreprete azzeccata e si trova a suo agio in un ruolo per nulla facile, anche se nel film l'età della ragazza è stata "alzata" rispetto al fumetto, in cui aveva appena sedici anni; ma su tutto quanto il film regna la presenza, che è diventata ormai un'icona di culto a pieno diritto,del personaggio principale: V. Un uomo misterioso che veste un mantello e un buffo cappello a tesa larga nero, estremamente forte e abile con i pugnali, che porta una maschera sorridente, riproducente le fattezze di Guy fawkes, il cospiratore che nel 1605 tentò di far saltare in aria la Camera dei Lords mentre gli onorevoli e il re in persona si trovavano in seduta. E' senza dubbio un personaggio affascinante, che crede nell'anarchia e cerca di liberare gli Uomini dalla prigione in cui sono caduti e in cui continueranno a cadere: come nel fumetto un regime totalitario guidato da un leader senza scrupoli vige su Londra e su gran parte dell'Europa, dopo un nuovo olocausto che ha decimato la popolazione e più di un'etnia. V è fortemente caratterizzato e ha uno scopo che va ben oltre il semplice interesse verso la liberazione degli Uomini: la vendetta. E' il motore delle sue azioni, ma non fa si che questo lo renda un egoista, perchè in fondo è anche per un bene superiore che lotta e la sua storia è a dir poco agghiacciante. La difficoltà principale cui è andato incontro il regista era riuscire a dare un'espressività alla maschera di V con adeguati giochi di luce, il che non era un'impresa facile. Ma McTeigue ha avuto la fortuna di scegliere un valido interprete come Hugo Weaving (L'agente Smith di "Matrix" nonchè Elrond per Peter Jackson), che con il solo linguaggio del corpo è riuscito a dare carattere al personaggio e con l'aiuto di un'abile direttore della fotografia la maschera sembra "parlare" allo spettatore, pare quasi che cambi espressione, una sensazione curiosa ma di forte ed efficace impatto visivo. Il film, come il fumetto, è dominato da un'ideologia forte, pura e che non tutti condividerebbero, ma tutto questo crea un'atmosfera surreale: se fosse un libro sarebbe quello che in letteratura inglese chiamano "Dystopian Novel", di ambientazione fututistica e degradata, in cui il potere è in mano ad una cerchia di pochi e avidi eletti. Moore si è dissociato dalla trasposizione cinematografica asserendo che stravolge il suo lavoro, anche se questo non è del tutto vero: le differenze sono palpabili, ma l'ideologia che sta nelle fondamenta della storia è salda e eccellentemente riprodotta, per non parlare della scena dell'ombra tra le fiamme (guardare per credere) al campo di Larkhill, che è un po' il simbolo implicito del film. L'intensità interpretativa è anche aiutata dall'ottima fotografia e da una regia equilibrata, nonchè dalla scelta azzeccata dei volti (Il vescovo Lilliman è identico al personaggio del fumetto. Un consiglio: sarebbe meglio leggere prima il fumetto per potersi fare un'idea generale; in fondo si potrebbe considerare il film di McTeigue come una versione diversa della stessa storia, quella ideata da Moore. Detto ciò posso concludere solo con: "La vostra sola speranza è che quando mi avrete scaricato addosso tutte le vostre munizioni io non sarò più in piedi".

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Vi ricorda qualcosa?

    ricorda qualcosa?

    Una linea di speranza scelta per l'ad di Suicide Prevention CenterLa campagna diesel proposta dall'azienda italiana dalla scorsa primaveraMetto a confronto due... Leggere il seguito

    Da  Bebbevil
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Google ricorda Pippi Calzelunghe

    Google ricorda Pippi Calzelunghe

    Il doodle di Google di oggi è dedicato a Pippi Calzelunghe che compie 65 anni, personaggio nato dalla penna di Astrid Lindgren e diventato una serie televisiva... Leggere il seguito

    Da  Franzrusso
    INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE, MOTORI DI RICERCA
  • Google ricorda Cèzanne

    Google ricorda Cèzanne

    Il grande pittore impressionista francese, Paul Cèzanne, omaggiato da Google con un doodle in homepage in occasione del 172° anniversario della sua nascita Leggere il seguito

    Da  Franzrusso
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Woody Allen mi ricorda il digestivo Antonetto

    Woody Allen ricorda digestivo Antonetto

    La locandina dell’ultimo film di Woody Allen “L’uomo dei tuoi sogni“, mi ha ricordato immediatamente il Digestivo Antonetto con il mitico Nicola Arigliano nel... Leggere il seguito

    Da  Pippoferrante
    AZIENDE, MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Google ricorda lo scultore rumeno Constantin Brancusi

    Google ricorda scultore rumeno Constantin Brancusi

    Google oggi ricorda i 135 anni della nascita di Constantin Brancusi, scultore rumeno, celebre per la sua opera Bird in Space che causò il Caso Brancusi. Leggere il seguito

    Da  Franzrusso
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Google ricorda la Festa del Lavoro

    Google ricorda Festa Lavoro

    Anche Google, oggi Primo Maggio, vuole festeggiare la Festa del Lavoro e lo fa dedicando all’evento un doodle. Una festa che cade in un momento particolare,... Leggere il seguito

    Da  Franzrusso
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Update: Dataquota v.1.29

    Data Quota si aggiorna alla versione 1.29. Se anche quando siete fuori casa non riuscite a stare senza internet, magari avete qualche tariffa dati semi-flat e... Leggere il seguito

    Da  Bald
    TECNOLOGIA, TELEFONIA MOBILE