Magazine Cultura

Se Dracula parla lombardo

Creato il 29 maggio 2010 da Alfa
Se Dracula parla lombardo
Recentemente è stato presentata la prima traduzione in dialetto lombardo occidentale del celeberrimo “Dracula” di Bram Stoker.
Il traduttore è Lorenz Banfi (al secolo Lorenzo Banfi), già fondatore dell’Associazione Terra Insubre e autore di una traduzione de “Il piccolo principe” di Antoine de Saint-Exupéry in dialetto lombardo.
Questa volta Banfi si è cimentato nella difficile operazione di far parlare il Principe della Notte in lombardo, anche mescolando i vari dialetti per rendere più efficacemente gli slang parlati dalle diverse classi sociali nell’opera originale.
L’intento è quello di continuare a trattare il dialetto come una lingua viva.
Uno dei limiti di molti appassionati di dialetto, oltre ad indulgere in una rievocazione eccessivamente nostalgica (e talora francamente stucchevole) “del bel tempo andato”, è infatti quella di impegnare le energie in una sorta di musealizzazione della lingua. Lo scrivere dizionari e grammatiche, se non è accompagnato da un uso reale, equivale a fossilizzare e mettere in vetrina una lingua morta.
Perciò, al di là dei risultati (ma non ho avuto modo di leggere la traduzione di Banfi, per cui mi astengo da ogni giudizio di merito), credo che operazioni come questa possano essere utili per fare in modo che le persone, in particolar modo i giovani, continuino a leggere e parlare il dialetto. E tradurre in una parlata locale le vicende di un non morto può essere un modo di riaffermare la vitalità di questa lingua.
In ogni caso, vi confesso, sono curioso di leggere la traduzione in dialetto (la immagino) delle terribili parole pronunciate dal Vampiro per antonomasia, “the blood is life” (il sangue è la vita)…
A proposito di leggende e dialetto, vi consiglio di ascoltare questa canzone di Davide Van De Sfroos, dedicata alla mitica figura di Guglielmo Tell e del suo meno celebre figlio...



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Se mi ricordassi.

    ricordassi.

    Se mi ricordassi delle cose che mi passano in mente - poche, in verità, quelle buone - quando penso fuori dagli schemi del mio lavoro e ho un po' di tempo per... Leggere il seguito

    Da  Vix
    CULTURA, TALENTI
  • Se...

    Se...

    Ciao a tutti.Da domani affronteremo tematiche strettamente più filosofiche, ma non abbandoneremo l'argomento spiritismo, lo riprenderemo semplicemente più... Leggere il seguito

    Da  Frank
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Dracula (1931)

    Dracula (1931)

    Il Dracula di Tod Browning, quello del 1931 per capirci, nasconde tante di quelle curiosità che potremmo stare qui a parlarne per ore. Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Se ti amo

    ,non è perchè te lo dico:è perchè me lo dico e me lo dicono.Dirlo a te, quanto poco riguardala pura verità che è nel suo fondo...l'amarti! Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Se verranno i tartari

    verranno tartari

    Il deserto dei tartari è forse il romanzo italiano del Novecento che amo di più. Lo amo per svariate ragioni, non ultimo per la metafora che si cela negli arcan... Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    CULTURA, LIBRI
  • Il figlio di Dracula - Robert Siodmak (1943)

    (Son of Dracula)Visto in DVD.Terzo seguito del Dracula di Browning, successivo a "La figlia di Dracula" e quarto film sull'argomento della Universal (per via de... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • amare se stessi

    amare stessi

    Avevo capito che rinunciare a se stessi, non amarsi è come sbagliare a chiudere il primo bottone della camicia. Tutti gli altri poi sono sbagliati di... Leggere il seguito

    Da  Saraconlacca
    CULTURA

Magazine