Magazine Informazione regionale

Senza Duce

Creato il 28 gennaio 2011 da Gadilu

Senza Duce

Talvolta la ragione non basta. Occorre il caso, per far progredire la storia. La vicenda del fregio mussoliniano che dagli anni cinquanta campeggia sul frontone del palazzo delle finanze di Bolzano – finito nel paniere delle richieste scaltramente sottoposto dalla Svp al pericolante ministro Sandro Bondi – sta lì a dimostrarlo.

Per quanti anni s’è discusso inutilmente sulla sua conservazione o sulla sua rimozione? Al pari degli altri simboli dell’epoca fascista, l’ingombrante opera di Hans Piffrader ha rappresentato, fin dal giorno della sua inopportuna collocazione, una delle testimonianze più tangibili dello spaesamento storico e culturale del gruppo linguistico italiano in questa terra, rendendolo con ciò un facile e inevitabile bersaglio del nazionalismo di marca tedesca. Una sobria e razionale analisi del suo evidente significato avrebbe consigliato di provvedere per tempo al suo smantellamento o al suo trasferimento in un contesto museale. E questo avrebbe dovuto avvenire indipendentemente dalle ovvie pressioni esercitate dai suoi detrattori. Invece si è sempre preferito tergiversare, confondendone il valore documentale con la difesa di una dubbiosa trincea identitaria. Finché, per l’appunto, soltanto il caso avrebbe potuto sbloccare la situazione.

Certo, la messa in discussione di questo e degli altri “relitti fascisti” è avvenuta con un metodo a dir poco piratesco, sfruttando l’affanno di un ministro disorientato e confuso, disposto quindi a firmare qualsiasi cosa, pur di salvarsi. Circostanza imbarazzante. Di più: un modo di procedere censurabile che, comprensibilmente, è ritenuto inaccettabile anche da chi non ha mai manifestato l’intenzione di difendere quei monumenti. Ma chi esprime solo rammarico e pensa che le cose sarebbero potute maturare ugualmente, magari intessendo trattative e argomenti alla ricerca di una soluzione più “condivisa”, farebbe meglio a interrogarsi sulle proprie responsabilità e sul proprio ritardo.

Per quanto sia difficile, comunque, soprassediamo un istante sulla pessima gestione del caso da parte del ministro e proviamo a ragionare sul risultato. Senza il suo duce a cavallo, posto che le promesse estorte a Bondi vengano mantenute, Bolzano non diventerà meno “italiana” (o più “tedesca”). Diventerà solo migliore. Liberata dai suoi fantasmi di pietra, potremmo davvero cominciare a proiettare la città verso il futuro, oltre le secche di un’epoca che qui da noi è durata fin troppo.

Siamo infine consapevoli che l’eventuale scomparsa del duce non risolverà come d’incanto problemi legati ai rapporti tra i gruppi linguistici. Essi troveranno forse altre forme per rinascere. Ma anche se la convivenza non sarà mai un risultato acquisito per sempre, cioè privo di contrasti residui, è necessario cogliere ogni occasione per renderla almeno più probabile e duratura.

Corriere dell’Alto Adige, 28 gennaio 2011



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Senza parole

    Senza parole

    Le fabbriche riaprono i cancelli ma 500 mila posti sono a rischio – Repubblica.it. Domani si riapre o meglio chi può riapre, il pezzo di Roberto Mania mette in... Leggere il seguito

    Da  Capponrenato
    LAVORO, PRECARIATO, SOCIETÀ
  • Senza macchia

    Senza macchia

    Ma i migranti, le prostitute, i clochard e i migranti, con relativo sciame di piccoli reati, di disperazione, non sono sempre esistiti? Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Duce, re e crocifisso

    La scena che si para davanti ai nostri occhi guardando il video girato da un ragazzo 22enne di Adro, che riprende il nuovo polo scolastico cittadino, fa... Leggere il seguito

    Da  Missxd
    SOCIETÀ
  • Senza palle

    Lui è contro l’omofobia. Lui è contro le leggi ad personam. Lui è contro l’assalto quotidiano ai magistrati. Lui è contro corrotti e corruttori. Lui è contro... Leggere il seguito

    Da  Simmen
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Senza pastori e senza pecore

    Senza pastori senza pecore

    Dopo lo sfogo liberatorio degli ultimi giorni e’ il caso di fare il punto. Ho raccolto nella novella sezione Bunga Bunga una ventina di post, tutti comici o... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Senza titolo

    Senza titolo

    Formamentis, Alterlucas, Gregorj ded.Sono depresso, trovo insignificante scrivere, faccio fatica a leggere i giornali, non guardo la tv, non vado al cinema, ho... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Senza parole

    fonte: queerblog.Ho trovato questo video gironzolando per blog, e, sarà il post-birthday blue, mi ha davvero commosso. Non c'è niente da aggiungere (spero che... Leggere il seguito

    Da  Allthebeauty
    MONDO LGBTQ, SOCIETÀ