Magazine Maternità

Silenzio, per ascoltare. Imparare. Sorprendersi.

Da Jessi
Gioco dei bambini

Art of observation

Qualche tempo fa eravamo a pranzo a casa del capo del papà che ci ha accolto con simpatia e siamo stati molto bene. Anche Bibi è stata soddisfatta, nonostante fosse l’unica bambina.

La Prof le faceva vedere le foto dei figli, i disegni della sua bambina ormai grande, e la faceva giocare con tante cose. Bibi si era affezionata in particolare ad alcuni campanellini picccoli piccoli custoditi in un piccolo scrigno, un vero tesoro.

Li prendeva, li faceva suonare, li rimetteva a posto, li portava in giro. Ad un certo punto si siede in braccio al papà, i campanelli cadono sulla poltrona e Bibi inizia a raccoglierli, a rimetterli nello scrigno, ma, all’improvviso, scoppia in un pianto forte e rabbioso.

Pensavamo alla stanchezza che si faceva sentire, ma non riuscivamo a calmarla. Ripeteva: “Tutti!! Tutti!!”

Sembrava un’esplosione di rabbia irragionevole, un capriccio… eravamo convinti di aver raccolto tutti i campenelli e che lei non volesse crederci, ma il papà si è alzato e, in effetti, alcuni campanellini si erano infilati nelle pieghe della poltrona. Lei li aveva visti, noi noi. E si era accorta che ne mancavano alcuni, noi no.

Ci è successo spesso di pensare che se solo ci fossimo fermati un attimo prima, se solo non avessimo provato a darle ragione, se solo non avessimo provato a pensare che potesse avere ragione, se solo l’avessimo sgridata, punita, ignorata, derisa… ci saremmo persi molto…

Certo, nessuno dice che sia semplice. In fondo, si tratta di avere tanta pazienza e di imparare ad osservare  e piano piano conoscere un bambino piccolo che sta crescendo e che quindi cambia un po’ ogni giorno… Un bambino che è diverso da tutti gli altri e che questa diversità rivendica. Non è semplice, ma possiamo consolarci pensando che, come dice un famosissimo medico:

“Non c’è arte più difficile da apprendere che l’arte di osservare” (W. Osler)

Negli ultimi giorni ho letto due condivisioni molto profonde sul tema dell’osservazione e dell’ascolto attento dei bambini, al di là delle paure, dell’apparente irragionevolezza, della nostra stanchezza, della razionalità con cui meccanicamente cerchiamo di guardare al loro mondo… li condivido con grande riconoscenza, riprendendone qui solo due brevissimi brani:

“Mi ricorda che la cosa migliore che posso fare per lei é darle un luogo sicuro da cui partire e rispettarla per ogni suo passo, sostenendola nello scoprire se stessa e il mondo che la circonda. Cercare di essere neutra e di restare nell’ascolto, fidarmi ed affidarmi.” (Rituale di guarigione dalla varicella, Mamma di cuori)

“La pressione esercitata sulle madri è enorme. Ma se ne esce solo pensando al bambino. Pensando che quel bambino che hai avuto è il tuo spazio. Il tuo atto di coraggio che sfida un mondo piccolo piccolo con la sua grandezza.” (Tutto parla di noi. E della nostra solitudine, Speakabu)

Potrebbero interessarti anche:

La comunicazione tra genitori e figli: il ruolo del silenzio e dell’ascolto. Il Guest Post di Marzia

Intervista semi-seria al bambino che ha educato il suo Mammut da compagnia.

Il linguaggio ‘neutrale’. Il guest post di Mamma di Cuori

L’ascolto attivo: che cos’è, come metterlo in pratica e insegnarlo ai bambini

Per stare in contatto e continuare insieme questo viaggio di racconto e ricerca,puoi unirti su facebook o ricevere gli aggiornamenti per e-mail iscrivendoti sul blog.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Come imparare l’inglese divertendosi

    Come imparare l’inglese divertendosi

    Vi piacerebbe imparare l’inglese ? Io non l’ho nemmeno studiato a scuola ma ne sono sempre stata attratta e da imperfetta autodidatta sono arrivata a capire... Leggere il seguito

    Da  Bradaninis
    BELLEZZA, PER LEI, SALUTE E BENESSERE
  • La regola del silenzio

    Casa LaCapa è una casa omertosa. Le cose a Casa LaCapa non si dicono mai chiaramente, le decisioni non si condividono, le scelte non si confrontano. Leggere il seguito

    Da  Lacapa
    PER LEI
  • La voce del silenzio

    19 agosto 2013, sdraiata al sole, serena, mi guardo attorno e senza ascoltare le chiacchiere da spiaggia, capisco tante cose ...Dopo una breve panoramica, il mi... Leggere il seguito

    Da  Mavi
    OPINIONI, PER LEI, DA CLASSIFICARE
  • Da chi possiamo imparare?

    possiamo imparare?

    Quando ho compiuto tre anni mia madre mi mandò all’asilo. Montessori. Non so perché. Non so se lo scelse per la vicinanza a casa nostra oppure perché... Leggere il seguito

    Da  Lundici
    MATERNITÀ, TALENTI
  • Imparare dalla Natura

    E' un discorso che ho affrontato più volte, ma che non mi stancherò mai di ripetere: nonostante la nostra vita diventi sempre più computerizzata, non bisogna... Leggere il seguito

    Da  Almacattleya
    CULTURA
  • Rompere il silenzio

    Rompere silenzio

    Avevo rimosso questo blog scalcagnato dai miei imminenti progetti di vita. Dopotutto era bello lasciarvi con un lieto fine, una laurea cum laude, una bella... Leggere il seguito

    Da  Paola_granieri
    LIFESTYLE
  • La cospirazione del silenzio… !!!

    cospirazione silenzio…

    Uno studio del Centro Aurora di Bologna (Centro Nazionale per i bambini scomparsi e sessualmente abusati) ha evidenziato che in Italia dal 2004 al 2007 sono... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ