Magazine Religione

Speranza

Da Ivanmanna @ivanmanna
Se guardiamo indietro, ci rendiamo conto che Dio era il nostro aiuto costante. Come la forza fisica diminuisce, noi abbiamo ancora più bisogno di Dio e ci rendiamo conto che Egli è ancora il nostro aiuto costante. Non dobbiamo mai disperare, ma continuare ad aspettare il Suo aiuto. Speranza che ci aiuta ad andare avanti e di servirlo; nel libro dei Salmi c'è scritto: "Ma io spererò sempre, e a tutte le tue lodi ne aggiungerò altre." (Sal 71:14).
"La speranza insoddisfatta fa languire il cuore, ma il desiderio realizzato è un albero di vita." (Prov. 13:12), significa che quando ci aspettiamo qualcosa che non viene, qualcosa che non accade, nel corso del tempo il nostro cuore si indebolisce e ci rattristiamo, a volte ci scoraggiamo, ma mai disperati "Ma io so che il mio Redentore vive e che alla fine si alzerà sulla polvere." (Giob 19:25). Perché la fede che abbiamo in Dio e la certezza che verrà in nostro soccorso, non ci fanno perdere la speranza, fino a quando il Signore ci risponde il nostro cuore si rallegra, questa è la vera gioia e la grande intensa.Siamo tutti incoraggiati da un leader che ci spinge ad andare avanti, qualcuno che crede che possiamo fare il lavoro che ci ha dato e che sarà con noi fino in fondo, Dio è il nostro leader. Lui conosce il futuro, e i suoi piani sanno cosa ci attende, ci consegna il nostro programma di lavoro e rimane con noi per compiere la sua missione; possiamo avere una speranza illimitata. Questo non significa che ci sarà risparmiato il dolore, le sofferenze o le difficoltà, ma Dio ci vedrà attraverso le lotte, fino a raggiungere una fine gloriosa; "Infatti io so i pensieri che medito per voi", dice il SIGNORE: "pensieri di pace e non di male, per darvi un avvenire e una speranza"; (Ger 29:11).Il Signore risponde prontamente alla nostra richiesta di aiuto quando gridiamo a Lui. Ci possono essere molti peccati nella nostra vita, potevamo immaginare che Dio non ci avrebbe perdonato, ma l'amore instancabile del Signore e la sua misericordia è superiore a qualunque peccato; Egli ci ha promesso il perdono.
Nel capitolo 3 del libro Lamentazioni dal versetto 22 al 23 c'è scritto "è una grazia del SIGNORE che non siamo stati completamente distrutti; le sue compassioni infatti non sono esaurite; si rinnovano ogni mattina. Grande è la tua fedeltà!"; Geremia conosceva la fedeltà di Dio per esperienza personale. Dio promise che il giudizio su Giuda ci sarebbe stato solo se avrebbero disobbedito, e questo è quello che è successo. Ma il Signore promise anche un futuro di restauri e benedizioni, e Geremia sapeva che Dio avrebbe adempiuto alle sue promesse. Affidatevi alla fedeltà di Dio giorno dopo giorno,ci fa credere nella sua grande promessa per il futuro.
E' naturale che i figli si fidano dei loro genitori, anche se questi a volte non sono in grado di adempiere le loro promesse. Tuttavia, il nostro Padre celeste non promette quello che non si compirà, e il suo piano può richiedere più tempo di quanto pensiamo. Invece di comportarci come bambini impazienti, mentre aspettiamo che il piano divino si sviluppa, dobbiamo avere fiducia nella saggezza e tempismo perfetto di Dio.
In Romani, Paolo dimostra che la salvezza è parte del nostro passato, presente e futuro. In passato, ci siamo salvati quando crediamo in Gesù Cristo come Salvatore (Ro 3:21-26; 5:1-11; 6:1-11,22,23); la nostra nuova vita (eterna) è iniziata in quel momento. Al momento, siamo stati salvati attraverso il processo di santificazione; "Impegnatevi a cercare la pace con tutti e la santificazione senza la quale nessuno vedrà il Signore;" (Eb 12:14). Inoltre non riceveremo tutte le benedizioni e tutti i benefici della salvezza, fino a quando il Regno di Cristo sarà completamente stabilito. Quindi, la nostra salvezza si manifesterà in futuro. Mentre possiamo godere dei suoi effetti ora, guardiamo avanti con speranza e fiducia per la totale trasformazione del nostro corpo e della nostra personalità che ci attende oltre la vita, quando noi saremo simili a Cristo "Carissimi, ora siamo figli di Dio, ma non è stato ancora manifestato ciò che saremo. Sappiamo che quand'egli sarà manifestato saremo simili a lui, perché lo vedremo com'egli è." (1G 3:2 ).
La speranza impedisce al cristiano di diventare pigro o sentirsi annoiato. Come un atleta che si allena duramente ricordandosi della ricompensa che lo attende "corro verso la mèta per ottenere il premio della celeste vocazione di Dio in Cristo Gesù." ( Fili 3:14).

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog