Magazine Horror

STRYX Il Marchio della Strega

Da Angivisal84
STRYX Il Marchio della Strega
Trovo davvero interessante questo libro perchè racchiude in sè il vero significato di Urban Fantasy.Già il fatto stesso che l'autrice è italiana, e il libro presenta unimpronta prettamente americana, rende l'ambientazione e la protagonista Sarah, ancora più interessanti. Infatti gran parte del genere proviene proprio da scrittori inglesi o americani e ci sono poche persone che sanno realmente imitarne lo stile con una simile impostazione dei personaggi. La storia è adatta a lettori di sesso femminile, e si intravede già dalle azzeccate descrizioni dei personaggi nei loro abiti, dimostrando un raffinato gusto estetico, oltre alle divertenti battute ironiche, e infine non manca di emozionanti momenti romantici. A me personalmente, durante le scene di lotta ha ricordato molto Buffy e le sue amiche streghe. La storia infatti parla di una ragazza di nome Sarah, che possiede un tatuaggio a forma di S che l’ha resa giovane nel tempo; non ha niente meno che 300 anni. L'inizio è uno scenario molto simile a Twilight, in cui la protagonista si trasferisce e si ritrova in una nuova scuola, e costretta a nuove amicizie e situazioni. Tuttavia Stryx, si distingue invece molto bene per una narrazione moderna e allegra, diversa da uno scenario forse troppo comune per gli urban fantasy, per la cura sui risvolti sentimentali dei personaggi, che invece di apparire astratti come in Shadow Hunter, sembrano invece ben definiti e le emozioni scolpite nei minimi particolari. Una delle cose che mi ha fatto più palpitare leggendo, sono i combattimenti spettacolari con calci e pugni contro i cacciatori di streghe, in perfetto stile kick-boxing, entrando nel vivo della storia con un ritmo che non è né troppo veloce, né troppo lento. Infatti molti urban fantasy sono caratterizzati da una noiosa introduzione sull'acquisizione e l’uso dei poteri magici, cosa che la Furnari invece ha evitato per non rendere superficiale la storia avventurosa che Sarah vive. Trovo anche ben curato e molto piacevole il personaggio di Susan, la sorella della protagonista, che dopo qualche scontro iniziale, decide invece di avvicinarsi, rendendo la storia ancora più viva e imprevedibile. Il voto del libro secondo me è ottimo! Questo libro merita perchè è divertente, oltre che ricco di azione e pathos, e spero davvero che ci sarà un seguito.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines