Magazine Cinema

Suburgatory, gli spassosi sobborghi delle Barbie in carne e ossa

Creato il 13 febbraio 2014 da Oggialcinemanet @oggialcinema

Suburgatory, gli spassosi sobborghi delle Barbie in carne e ossa

13 febbraio 2014 • Serie TV, Serie USA, Vetrina Cinema •

Il giudizio di Marco Goi

Summary:

Suburgatory è una serie ambientata nel quartiere in cui chiunque vorrebbe abitare. Dei sobborghi tranquilli in cui non c’è niente di pericoloso, in cui la criminalità praticamente non esiste, in cui tutti i prati sono tagliati in maniera perfetta e in cui la vita sembra essere perfetta. Il quartiere in cui tutti si trasferirebbero volentieri. Oddio, forse non proprio tutti. La teenager Tessa Altman (Jane Levy) viene trascinata dalle sfavillanti luci di New York City e dalla sua vita sregolata nella Grande Mela alla tranquilla esistenza di periferia dal padre George “daddy” Altman (Jeremy Sisto), e quello che in apparenza potrebbe sembrare un Paradiso per lei è un autentico Inferno in Terra.

Tra bionde divorziate rifatte e ragazzine in stile Barbie, pure loro bionde e rifatte, Tessa incontrerà più di un problema ad ambientarsi a questa nuova plasticosa realtà, così come il padre. Entrambi però poco a poco verranno conquistati da un ambiente tanto superficiale che però è abitato da persone che non sono poi così male come potrebbero sembrare a prima vista. Tutti e due nel corso della seconda stagione hanno anzi finito per innamorarsi, lui della MILF più dipendente dal botox in circolazione, lei di Ryan Shay (Parker Young), il quarterback più popolare e più idiota – non mi viene in mente termine maggiormente appropriato – del liceo.

Suburgatory, il cast della terza stagione

Il cast della terza stagione di Suburgatory

ATTENZIONE SPOILER
Chi ha seguito gli sviluppi delle prime due stagioni di questa divertente serie comedy sa però che le due relazioni sono finite. Nella terza si ricomincia quindi tutto da capo. Tessa e George si ritroveranno di nuovo alieni a questo mondo dei sobborghi e per di più col cuore spezzato. Come abbiamo già visto in passato, i due sanno come rialzarsi e affrontare le nuove sfide e anche in questi episodi ce la stanno facendo, o almeno ci stanno provando. Tessa si trova a dover affrontare la nuova girlfriend del suo ex, nei cui panni troviamo Lindsey Shaw, nota al pubblico di Pretty Little Liars per il ruolo di Paige, la ragazza di Emily. Dall’altra parte George prova a dimenticare Dallas Royce (Cheryl Hines) con la dogsitter del suo nuovo amico a quattro zampe. In mezzo a questi intrecci sentimentali si muovono le solite simpatiche vicende comiche, che però in questa terza stagione cominciano a mostrare la corda e regalano meno risate che in passato. Una crisi fisiologica in cui si sono imbattute anche altre serie, si veda New Girl, ma da cui Suburgatory riesce in ogni episodio a risollevarsi grazie al suo asso nella manica: Dalia Royce (Carly Chaikin), la svampitissima figlia di Dallas. Il grande punto di forza di Suburgatory è sempre più lei. Ogni volta che compare ruba la scena agli altri e ci regala qualche momento esilarante. Basta una sua unica parola, a volte uno sguardo, quel suo solo mono espressivo sguardo che possiede, per rendere spassosa anche la puntata più debole.

In questa nuova stagione di Suburgatory non rivedremo più il dentista Noah (Alan Tudyk) e il preside gay del liceo Mr. Wolfe (Rex Lee), entrambi usciti dal cast fisso della serie. Maggiore spazio è invece regalato a Sheila (Ana Gasteyer) e a Fred Shay (Chris Parnell), che hanno adottato un nuovo figlio per far fronte alla partenza di Ryan per il college. Nonostante anche loro riescano sempre a provocare una risata, il personaggio davvero idolesco come detto è però un altro. Se ancora non avete mai fatto un giro dalle parti di Suburgatory, il consiglio è di dargli un’occhiata anche solo per la fenomenale, imperdibile Dalia, la Barbie in carne e ossa più divertente del piccolo schermo.

di Marco Goi per Oggialcinema.net

Carly ChaikinJane LevyJeremy SistoLindsey ShawSuburgatory


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :