Magazine Informazione regionale

Teatro: Malabranca Teatro, L’AMANTIDE, LOVE MACHT FREI al comunale di Gualdo Cattaneo

Creato il 26 maggio 2015 da Goodmorningumbria @goodmrnngumbria

malabrabcaAnteprima  il 29 e il 30 maggio presso il Teatro Comunale di Gualdo Cattaneo (PG). 

Liberamente tratto da “La moglie a cavallo” di Goffredo Parise,   adattamento teatrale Giodo Agrusta e Daniele Menghini

Lo spettacolo – Due sposi freschi di “sì” e tutta una vita davanti. Insieme, inesorabilmente. Nel bene e nel male, in ricchezza e in povertà, in salute e in malattia. Un sogno che si corona di spine, una vita di coppia che si rivela condanna per un marito devoto ad una moglie “capricciosa”, in cui l’amore diventa possesso e il possesso ricatto. Una parabola amara e surreale della vita coniugale intesa come gioco morboso, in cui amare significa dominare. Forsennatamente. Instancabilmente.

Note di regia – LOVE MACHT FREI. “L’amore rende liberi” è il motto che, quasi fosse uno specchietto per allodole, potrebbe accoglierci all’ingresso del nido d’amore di Glauco e Romana, i due sposi protagonisti de “La moglie a cavallo”, opera surreale e grottesca scritta dalla sapiente penna di Goffredo Parise nel 1963.

Sono gli anni del twist, della minigonna, delle prime donne in politica e negli uffici; gli stessi anni in cui al microfono di Pasolini gli italiani confessano le proprie integrità morali e meschinità amorose, discutendo nei “Comizi d’amore” di matrimonio e tabù sessuali, doveri coniugali e divorzio, ma nonostante questa smania di emancipazione l’antica regola del “si fa ma non si dice” resta ancora la più sicura e forse la più comoda da seguire.

Attraverso l’occhio impietoso di Parise riusciamo a spiare le prime ore di matrimonio di Romana e Glauco che, inconsapevoli e con ancora il riso tra i capelli, stanno per conoscere a loro spese cosa vuol dire amare, essere sposati, essere in due.

Sembra essere un capriccio ad azionare l’ingranaggio morboso che porterà Romana, piccola, dolce, pia, tagliente e devota sposa a dar prova del suo immenso amore al puro e gentile Glauco; un capriccio innocente, di quelli come se ne hanno tanti, una voglietta irrefrenabile che degenererà in dispotica dipendenza.

Applicando allo sguardo di Parise un filtro deformante e onirico riusciamo a fare della vicenda amorosa scritta più di cinquant’anni fa una vera e propria parabola surreale della vita di coppia, un affresco universale, fuori dallo spazio e dal tempo, dai toni assurdi e grotteschi, di quanto l’amore possa diventare possesso e il possesso a sua volta ricatto.

In quest’ottica il nido d’amore descritto tanto dettagliatamente dall’autore diventa uno spazio stilizzato ed essenzialissimo, stranamente asettico, chiuso ermeticamente agli occhi indiscreti del mondo pettegolo e bacchettone che sta fuori; una casa impervia e incombente che si fa palcoscenico di un amore malato in cui le atmosfere da commedia borghese lasciano precipitosamente il posto al più paradossale dramma assurdo in cui amare e dominare diventano sinonimi.

Un gioco morboso a cui all’inizio i protagonisti tenteranno di sfuggire per poi arrivare ad accettarlo, a desiderarlo ed infine, inevitabilmente, a pretenderlo.

con

Giodo Agrusta

Cristina Daniele

Daniele Menghini

Ludovico Röhl

scene Manuel Menghini

costumi da un’idea di Daniele Menghini , realizzati da Le Sartoriali di Vichi & Orti

trucco Maria Chiara Tascini

acconciature Michele Trentini

luci Diego Piccioni

suoni  Saverio Mariani

foto Eleonora Proietti

aiuto regia Amedeo Carlo Capitanelli

Regia Daniele Menghini



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog