Magazine Basket

Tempo di bilanci per Nuggets e Thunder

Creato il 05 maggio 2010 da Basketcaffe @basketcaffe

98185908ES019_Denver_Nugget Denver Nuggets e Oklahoma City Thunder hanno chiuso la loro stagione 2009-10 dopo sei gare del primo turno di playoffs, rispettivamente contro Jazz e Lakers. Una stagione trionfale per i giovani Thunder, passati da 23 a 50 vittorie, ma soprattutto bravi a lottare anche nella post season contro i campioni in carica, giocando tutt’altro che da vittime predestinate. Per Denver, nonostante il titolo della Northwest Division, una stagione con troppi alti e bassi, decisamente negativa se si considera che l’anno scorso hanno sfiorato le Finals nella serie coi Lakers. Erano attesi all’ultimo salto di qualità, e invece non ce l’hanno fatta, battuti prima dall’assenza di coach Karl e dai loro problemi interni, che non dagli avversari di turno. Ora le vacanze, e poi bisognerà guardare al futuro: quello dei Thunder è molto promettente, per i Nuggets invece ci sarà molto su cui riflettere.
DENVER NUGGETS
La franchigia che gioca a Mile High City, ha disputato un’annata contraddittoria, e nonostante il fattore campo, è uscita al primo turno contro i rivali divisionali di Utah. I Nuggets hanno chiuso con un record di 53-29, con un buon 34-7 al Pepsi Center, ma con un negativo 19-22 in trasferta, il bilancio peggiore tra le migliori otto dell’Ovest. Gli infortuni hanno fatto la loro parte, privando Denver a turno di Billups, Anthony e Kenyon Martin. Inoltre, i nuovi innesti come Afflalo e il rookie Laswon sono andati a corrente alternata mentre Chris Andersen non è riuscito a ripetere la maestosa annata 2009. Come se non bastasse, nella parte finale della stagione, playoffs compresi, determinante è stata l’assenza di coach Karl in panchina, fermato dal cancro. Karl è il collante del gruppo, quello che nei suoi time out riesce a dare la scossa ad una squadra che troppo spesso deraglia, a causa delle troppe teste calde vogliose di protagonismo di cui il roster è composto. Adrian Dantley, promosso a capo allenatore per l’emergenza, non ha saputo gestire un gruppo dal talento sconfinato, ma troppo deviante per essere controllato. Melo ha fatto il suo, senza lesinare punti in quantità industriale: la differenza l’hanno fatta un JR Smith troppo discontinuo e troppo concentrato a rispondere ad Anthony su Twitter, e un Billups lontano parente di quello di un anno fa, distrutto da Deron Williams e incapace di prendere le decisioni giuste nei momenti topici.

Per quanto riguarda il futuro, la speranza è che coach Karl possa, prima di tutto sconfiggere il cancro, e poi tornare in panchina, altrimenti la proprietà deve ragionare su una guida tecnica valida quanto l’ex allenatore dei Sonics. Sul mercato c’è poco da fare: il salary cap è ingolfato e l’unica via per cambiare qualcosa è scambiare. Martin ha l’opzione per uscire dal contratto ma difficilmente lascerà Denver. C’è da riflettere sul ruolo di JR Smith: è chiaro che non vuole più fare il panchinaro e il gregario all’ombra di Melo e Chauncey. Nel 2011 diventa Free Agent e a Denver devono mettersi ad un tavolo e trovare la scelta giusta, per loro prima di tutto, e per JR.

98242271DV012_LOSANGELES

OKLAHOMA CITY THUNDER
Che dire dei Thunder? Giovani, forti e con un roseo futuro davanti. Dopo una stagione d’esordio in Oklahoma di apprendistato, hanno invertito la rotta con un’annata da 50 vittorie, trascinati dai tre moschettieri in campo, Durant-Westbrook-Green, e da una new entry di successo in panchina, Scott Brooks, eletto allenatore dell’anno. Hanno dato filo da torcere ai Lakers al primo turno dei playoffs, hanno venduto cara la pelle, ed ora si gustano un meritato riposo. Riposo per i giocatori, non per la dirigenza capeggiata dal genio di Sam Presti, altro elemento uscito da quella dannata cricca che sono i San Antonio Spurs. Da migliorare obiettivamente c’è poco: bisogna lasciare crescere i giovani, pur sapendo bene che ripetersi il prossimo anno sarà difficile, considerando la contemporanea evoluzione di Hornets, Rockets e Grizzlies, quest’anno di poco fuori per la corsa alla post season. Di certo è che Durant è una superstar, come dimostrano il titolo di capocannoniere e l’Mvp romantico della stagione; Westbrook è un secondo violino pazzesco, una delle tante super combo-guards che stanno affollando la Lega e stanno riscuotendo grande successo; Green è un assassino silenzioso che fa sempre il suo, con dei picchi ben spesi quando i primi due faticano; in più ci sono una serie di gregari con compiti ben definiti che sanno più o meno sempre cosa fare. Collison e Sefolosha per la difesa, l’altletismo di Ibaka, la regia di Maynor e il tuttofare Harden, cresciuto a vista d’occhio durante la stagione.

L’estate non dovrebbe portare grossi cambiamenti: scadono i contratti di Matt Harpring (arrivato dai Jazz….), di Kevin Ollie ed Ethan Thomas. I Thunder avranno due prime scelte in fondo al primo giro, e sono convinto che Presti le userà al meglio. Il vero dubbio nel roster riguarda a mio parere Krstic: il serbo potrebbe essere un buon lungo dalla panchina, ma serve un giocatore esperto con fisico e qualche punto nelle mani che possa dare un’alternativa credibile (non che ce ne sia bisogno…) agli altri. Un giocatore tipo Nazr Mohammed, Drew Gooden, Kurt Thomas, Fabricio Oberto: giocatori di tecnica, sostanza ed esperienza, e, per rimanere in tema, con un passato negli Spurs.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Westbrook+Durant: negli Usa come nei Thunder

    Nell’ultima stagione Nba hanno fatto strabuzzare gli occhi a tutti i tifosi, e non solo. Sono il futuro della pallacanestro americana, e lo stanno mostrando... Leggere il seguito

    Da  Basketcaffe
    BASKET, SPORT
  • Denver Nuggets e l’enigma Carmelo Anthony

    Denver Nuggets l’enigma Carmelo Anthony

    I Denver Nuggets si preparano alla stagione 2011 con poche certezze e molti punti interrogativi. Il principale è quello su Carmelo Anthony, star assoluta e... Leggere il seguito

    Da  Basketcaffe
    BASKET, SPORT
  • Tempo di Mondiali

    Tempo Mondiali

    Mancano ormai poche ore all'inizio del Mondiale sudafricano. Per seguirlo, mi sdoppierò: Goal.com attende la cronaca del match inaugurale, mentre per più... Leggere il seguito

    Da  Antoniogiusto
    CALCIO, SPORT
  • Fermarsi in tempo

    Fermarsi tempo

    Questa mattina dal video del club mi sono visto la maratona con lo sfortumato quarto posto dell'italiano.Mi dispiace per Stefano Baldini ma allo stesso tempo... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    SPORT
  • Aerodinamica in tempo reale

    Aerodinamica tempo reale

    I AERO Ricevo dal mio amico BoogerdSi chiama iAero ed è il nuovo cycling-computer della americana iBike, lo stesso che, da qualche mese, è utilizzato dalla... Leggere il seguito

    Da  Italianjet
    CICLISMO, SPORT
  • Quanto tempo!

    Chiedo scusa agli eventuali lettori, ultimamente sono stato un po' preso dal lavoro, e non ho trovato proprio il tempo per scrivere ancora.Cerchiamo di fare un... Leggere il seguito

    Da  Tore
    CALCIO, SPORT
  • Tempo fermo in italia

    Tempo fermo italia

    I risultati di queste votazioni parlano chiaro, sia in Calabria che al Nord: a mio parere - e non solo - per l'ennesima volta hanno votato i "clan" per tutti gl... Leggere il seguito

    Da  Blindsight
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ